×
1 476
Fashion Jobs
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Junior Treasury Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
ELEVENTY WORLD SRL
Retail Operations Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Responsabile Risorse Umane
Tempo Indeterminato · FIRENZE
FIORELLA RUBINO
Fashion Editor
Tempo Indeterminato · ALBA
SIDLER SA
Collection Merchandising Manager Kids / Fashion Brand / Stabio
Tempo Indeterminato · STABIO
RANDSTAD ITALIA
Responsabile Prodotto & Coordinamento Fornitori
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
E-Commerce Operations And Digital Supply Senior Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CHABERTON PROFESSIONALS
Area Manager Outlet Europa - Fashion & Luxury
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Sistemi Informativi
Tempo Indeterminato · VIGEVANO
JENNIFER TATTANELLI
Responsabile Ufficio Prodotto
Tempo Indeterminato · FIRENZE
BALENCIAGA LOGISTICA
Balenciaga - Shoes Costing Specialist
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
GI GROUP SPA - DIVISIONE FASHION & LUXURY
Retail Supervisor Italia/Estero
Tempo Indeterminato · TORINO
GI GROUP SPA - DIVISIONE FASHION & LUXURY
Retail Supervisor Italia/Estero
Tempo Indeterminato · MILANO
GI GROUP SPA - DIVISIONE FASHION & LUXURY
Retail Supervisor Italia/Estero
Tempo Indeterminato · GENOVA
CONFIDENZIALE
Responsabile Vendite Italia
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Responsabile Produzione e Avanzamento Produzione
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Sales Export Manager Usa
Tempo Indeterminato · MILANO
BALENCIAGA LOGISTICA
Balenciaga - Buyer Pellami, Tessuti e Semilavorati Per Pelletteria
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
RANDSTAD ITALIA
Ispettore Controllo Qualità Categoria Kids
Tempo Indeterminato · MILANO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
Retail Director - Palermo
Tempo Indeterminato · PALERMO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
IT Manager
Tempo Indeterminato · PALERMO
PAUL&SHARK
Area Manager Outlet - Centro Sud
Tempo Indeterminato · VARESE
Pubblicato il
25 gen 2013
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Strage nel 2012: chiuse 1000 aziende al giorno

Pubblicato il
25 gen 2013

Unioncamere, sulla base di Movimprese, la rilevazione statistica condotta da InfoCamere, società di informatica delle Camere di Commercio italiane, ha diffuso il 24 gennaio i dati ufficiali sulla natalità e mortalità delle imprese nel 2012, risultante dal Registro delle imprese. Una vera e propria strage. Negli ultimi 12 mesi, in Italia, più di 383.000 imprese hanno chiuso. I dati ricordano da vicino quelli del 2009, l'anno peggiore dall'inizio della crisi. Basti pensare che, rispetto al 2011, hanno chiuso 24.000 imprese in più, mentre ad avere aperto sono 7.427 in meno. Il valore più basso degli ultimi otto anni.


Come conseguenza, il saldo tra entrate e uscite porta a 18.911 il numero delle aziende rimaste in attività dopo l'apertura, il secondo peggior risultato del periodo considerato e vicino, dopo due anni consecutivi di recupero, a quello del 2009, annus horribilis. Si restringe ulteriormente il tessuto imprenditoriale dell'industria manifatturiera (-6.515 imprese), trascinato dalla forte contrazione dell'artigianato, che chiude l'anno con 20.319 imprese in meno, seguito da quello delle costruzioni (-7.427) e dell'agricoltura (-16.791).

Il conto più salato del 2012 lo paga il Nord che, Lombardia esclusa, perde complessivamente circa 6.600 imprese, i tre quarti delle quali (poco meno di 5mila unita') nel solo Nord-Est.

Cattive notizie anche sul fronte del commercio con un nuovo calo delle vendite al dettaglio a novembre (-0,4% rispetto ad ottobre ). L'Istat comunica che si tratta del quinto calo mensile consecutivo e segnala come nella media del trimestre settembre-novembre 2012 l'indice e' diminuito dell'1,3% rispetto al trimestre precedente. Su base annua il calo e' del 3,1%.

Nel confronto con ottobre 2012, indica l'Istat, le vendite aumentano dello 0,1% per i prodotti alimentari e diminuiscono dello 0,6% per quelli non alimentari. Rispetto a novembre 2011, l'indice mostra una flessione del 2,0% per i prodotti alimentari e del 3,7% per quelli non alimentari.

Rispetto allo stesso mese del 2011 calano le vendite sia per la grande distribuzione (-2,1%) ma soprattutto per le imprese operanti su piccole superfici (-3,9%). Nel confronto con i primi undici mesi del 2011 l'indice grezzo diminuisce del 2,0%, come risultato di un calo contenuto delle vendite di prodotti alimentari (-0,6%) e di una flessione piu' marcata di quelle di prodotti non alimentari (-2,6%).

Copyright © 2022 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.