×
1 568
Fashion Jobs
BALENCIAGA LOGISTICA S.R.L.
Balenciaga - Rtw Purchasing & Procurement Coordinator
Tempo Indeterminato · NOVARA
LABO INTERNATIONAL
Export Business Development Manager
Tempo Indeterminato · PADOVA
GIFRAB ITALIA S.P.A.
Retail Manager - Lombardia e Sicilia
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
CRM Specialist
Tempo Indeterminato · RIMINI
DELL'OGLIO
Senior Fashion Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
E-Commerce Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Compliance And Testing Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA SRL
ww Distribution Planner
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Project Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
EDAS
Responsabile Amministrativo/a
Tempo Indeterminato · ROMA
ANONIMA
Digital Manager
Tempo Indeterminato · AREZZO
MANPOWER PROFESSIONAL
Expansion Manager Franchising
Tempo Indeterminato · CESENA
VIVIENNE WESTWOOD SRL
Purchasing And Procurement Assistant
Tempo Indeterminato · MILANO
ANONIMA
Ufficio Commerciale
Tempo Indeterminato · SALERNO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Controller
Tempo Indeterminato · MILANO
JIL SANDER SPA
IT Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
BETTY BLUE S.P.A.
Product Manager Maglieria
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
CONFIDENZIALE
Responsabile Controllo Qualita'
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Impiegato/a Commerciale - Accessori e Minuterie- Settore Fashion
Tempo Indeterminato · PADOVA
NUOVA TESI
Responsbaile di Produzione Tessile -nt/1234
Tempo Indeterminato · MODENA
PFCMNA SPA
Area Manager - Ispettore Retail
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Responsabile Linea Montaggio Calzature
Tempo Indeterminato · VENEZIA
Pubblicità
Di
AFP
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
5 nov 2021
Tempo di lettura
3 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Stella McCartney: “La moda deve abbandonare la pelle o morire provandoci”

Di
AFP
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
5 nov 2021

L'industria della moda deve prepararsi a eliminare gli sprechi e prendere posizioni radicali, come abbandonare del tutto la pelle animale, ha affermato la stilista britannica Stella McCartney.

Stella McCartney ritratta nel 2014 - Foto: Shutterstock


In un'intervista all'agenzia di stampa francese AFP a margine del vertice sul clima delle Nazioni Unite a Glasgow, McCartney ha affermato che le case di moda devono “cambiare i cattivi affari con i buoni affari” per il bene del pianeta.
 
“Purtroppo siamo una delle industrie più dannose per l'ambiente”, ha detto. “E sono qui per far vedere quale sia davvero il futuro della moda e mostrare a tutti che fondamentalmente un altro modo esiste e che abbiamo alcune soluzioni”.

Come figlia vegetariana di Paul e Linda McCartney, la stilista ha sperimentato il vantaggio di avere una formazione sensibile all’ecologia sin dai primi anni di vita, trasferendo poi la sua educazione ecologica nel mondo della moda.
 
Nonostante lo scetticismo iniziale dei colleghi, McCartney non ha mai usato prodotti in pelle sin da quando è entrata nel settore tre decenni fa.
 
Il Kelvingrove Museum and Art Gallery di Glasgow ospita un'installazione durante la COP26 che mostra i materiali innovativi e a basse emissioni di carbonio utilizzati da Stella McCartney nel corso degli anni.
 
Tra i visitatori famosi dell'installazione ci sono stati il principe Carlo e l'attore Leonardo Di Caprio, entrambi attivisti molto espliciti sulle questioni ambientali.
 
L’installazione mostra il micelio, che può essere estratto direttamente dai funghi e utilizzato come sostituto della pelle animale per realizzare borse e scarpe.
 
In mostra anche NuCycl, una tecnologia che secondo i suoi creatori è in grado di rendere i tessuti naturali e sintetici riciclabili all’infinito.
 
“Speriamo decisamente che queste siano soluzioni vitali e praticabili; dobbiamo solo portarle all'attenzione del mondo”, ha affermato McCartney.
 
La moda è il secondo settore manifatturiero più grande sulla Terra, responsabile fino all'8% di tutte le emissioni di carbonio, secondo una ricerca del World Resources Institute.
 
La sfida principale è ottenere materiali più sostenibili nei vestiti che saranno indossati da miliardi di persone in tutto il mondo.
 
“Voglio dire, questa è l'intenzione”, ha detto la designer.
 
McCartney una volta ha suscitato molto scalpore con un video da lei stessa pubblicato in cui denunciava i maltrattamenti subiti dagli animali all'interno dell'industria, e alcuni estratti di quel video sono stati trasmessi durante la mostra.
 
“Dobbiamo far sapere alla gente che centinaia di milioni di animali vengono uccisi ogni anno per la moda, per il cuoio, per le pelli e le colle animali”, ha detto McCartney.
 
Proprio come i gusti della moda cambiano nel tempo, così le generazioni più giovani sono meno disposte a indossare prodotti di origine animale, ha affermato.
 
“Penso che però ci troviamo in un momento in cui... stiamo diventando irrilevanti molto rapidamente e... le generazioni X, Y e Z non accetteranno di comprare la moda scellerata, la moda malvagia, la moda sporca”.
 
Dopo 30 anni nel settore, McCartney ha parlato delle lezioni che ha imparato sugli sprechi generati dalla spinta all'innovazione senza fine dei designer.
 
“Le persone indossano la fast fashion al massimo fino a tre volte prima di buttarla via. E questo sta creando rifiuti per un valore di oltre 500 miliardi di dollari”, ha detto.
 
“Questa, per me, è un'opportunità di business. Quindi sto cercando di capovolgere tutto. Qualcosa del tipo: 'Ehi, sai una cosa? Puoi conservare quegli scarti. E ti mostrerò una felpa con cappuccio che posso realizzare completamente partendo da rifiuti'”.
 
Oltre ad essere più etici e migliori per il pianeta, McCartney crede che i prodotti sostitutivi degli animali si possano vendere molto meglio.
 
I beni realizzati partendo da animali, “Li stiamo sostituendo con prodotti migliori. È più bello per tutti lavorare con prodotti simili”, ha detto.
 
Dopotutto, “Chi vuole lavorare in un mattatoio?”, ha concluso provocatoriamente la designer.

Copyright © 2021 AFP. Tutti i diritti riservati.