×
1 504
Fashion Jobs
keyboard_arrow_left
keyboard_arrow_right

Stefano Pilati a Pitti Uomo con Random Identities

Pubblicato il
today 31 ott 2019
Tempo di lettura
access_time 2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Pitti Uomo ospiterà il primo progetto indipendente di Stefano Pilati. Random Identities sarà Special Guest della 97ma edizione del salone leader internazionale di abbigliamento maschile (7-10 gennaio 2020) con un evento speciale a Firenze il prossimo 9 gennaio. La location dell’evento sarà svelata nelle prossime settimane.

Stefano Pilati - @randomidentities


Pilati è direttore creativo di Random Identities, che ha lanciato nel 2017 come progetto concepito espressamente per l’era digitale. I capi, principalmente da uomo, incorporano una tensione verso la provocazione, controllata attraverso scelte monocromatiche e dettagli netti. 
 
Il designer, che ha lavorato da Armani, Prada e Yves Saint Laurent, sta posizionando il brand di ready-to-wear verso un'esposizione molto ampia, combinando abiti di alta qualità, modello produttivo nato digital-first ma proiettato al futuro della moda di fascia alta.

“Presentare in anteprima a Pitti Uomo il nuovo progetto di Stefano Pilati, Random Identities, è anzitutto un grande piacere”, ha dichiarato Lapo Cianchi, direttore comunicazione ed eventi di Pitti Immagine, “e il naturale, atteso, esito di un rapporto di stima e di amicizia. Aldilà del contributo originale che egli offre da tempo al confronto pubblico sui concetti di genere e identità, anche al di fuori dei confini della dimensione strettamente vestimentaria, Random Identities nasce”, almeno così ci appare, “da una spinta interiore di Pilati a esprimere sé stesso attraverso la moda, un’ossessione al vestirsi che è il risultato di decenni di integrità, lavoro e continuo apprendimento”. 

“Oggi questa sua urgenza creativa si manifesta con ancora maggior libertà di espressione”, continua Cianchi, “e sente l’esigenza di confrontarsi direttamente con chi indossa i suoi vestiti, anche attraverso i social media. Non c’è voluto molto altro per convincerci a iniziare subito a lavorare insieme...”.

Copyright © 2019 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.