×
1 009
Fashion Jobs
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Global Client Data Visualization Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
ANONIMA
Area Manager Estero - Settore Accessori
Tempo Indeterminato · NAPOLI
FOURCORNERS
Online Brand Executive
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Logistics Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
THE THIN LINE LANZAROTE
E-Commerce Manager
Tempo Indeterminato · TÍAS
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
e Commerce Manager- Azienda Moda
Tempo Indeterminato · MILANO
VERSACE
Wholesale Area Manager Italy
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Responsabile Sviluppo Collezioni Calzature
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
CRM Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci ww Business Performance Management Analyst
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Head of Marketing (Rif. Mkt)
Tempo Indeterminato · MILANO
FORPEN
Buyer Abbigliamento
Tempo Indeterminato · SAONARA
UNIGROSS SRL
Jobdesk Buyer Import
Tempo Indeterminato · CITTÀ SANT'ANGELO
CONFIDENZIALE
Talent Acquisition & Employer Branding Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Product Manager
Tempo Indeterminato · MILAN
ADECCO S.P.A
Responsabile Qualità
Tempo Indeterminato · SIENA
CONFIDENZIALE
Country Sales Manager Italy
Tempo Indeterminato · MILANO
CENTEX SPA
Responsabile Amministrativo
Tempo Indeterminato · GANDINO
FACTORY SRL
Impiegato/a Modellista
Tempo Indeterminato · FUCECCHIO
RETAIL SEARCH SRL
Responsabile Produzione - Settore Fashion
Tempo Indeterminato · MILANO
BENETTON GROUP SRL
Sap Analyst
Tempo Indeterminato · TREVISO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
e Commerce Manager- Accessori e Calzature
Tempo Indeterminato · MILANO
Pubblicità
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
22 mar 2021
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Sourcing: classifica dei fornitori tessili rivoluzionata nel 2020

Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
22 mar 2021

L'Unione Europea ha ridotto del 12% le proprie importazioni d’abbigliamento l’anno scorso, a 77,6 miliardi di euro. Un calo che ha interessato in diverse misure i 20 principali Paesi fornitori del continente, mentre le esportazioni europee del comparto si sono anch’esse contratte del 12%, a 25,5 miliardi di euro.

IFM


Come precedentemente indicato allo studio dell’Institut Français de la Mode (IFM) e di Première Vision, alla fine il calo delle importazioni colpisce assai poco la Cina, che scende solamente del 4%, a 25,7 miliardi di euro di merci. Da notare che Hong Kong, hub regionale della filiera, ottiene sull’anno un incremento del 16%, a 397 milioni di euro. Primo Paese toccato dalla crisi sanitaria, l’Impero di Mezzo è stato effettivamente anche il primo a rilanciare la sua economia nel corso del 2020.
 
Il primo sfidante della Cina, il Bangladesh, sperimenta invece una diminuzione del 17%, a 14,6 miliardi, mentre la Turchia scende sotto la soglia psicologica dei 10 miliardi dopo un calo del 7%. Secondo le cifre delle dogane europee, le contrazioni maggiori le mostrano l’India (-25%), la Cambogia (-25%), il Marocco (-23%), l'Indonesia (-19%) e gli Stati Uniti (-19%).

Sul lato delle importazioni tessili, i numeri vengono disturbati dal dover tenere conto delle mascherine in questa categoria. Il che determina un’esplosione del 66% delle importazioni europee nel corso dell’anno, a 51,7 miliardi di euro. La Cina e Hong Kong mostrano quindi incrementi rispettivi del 190% e del 516% dei tessuti spediti verso la UE, mentre anche il Vietnam ha approfittato del bisogno di mascherine in Europa (+74% d’importazioni).

IFM


Pure le esportazioni di abbigliamento hanno sofferto per la crisi sanitaria, ma dietro al calo complessivo del 12% figurano comunque alcuni incrementi degni di nota. Come quelli delle esportazioni verso Israele (+57%), Corea del Sud (+22%) e Australia (+20%). E in misura minore verso Macao (+6%) e Cina (+4%). Le diminuzioni maggiori si registrano negli ordini provenienti da USA, Russia, Turchia, Messico, Emirati Arabi Uniti e Taiwan.
 
Sul versante delle esportazioni tessili, anch’esse da leggere alla luce dell’inclusione dei dati sulle mascherine, le dogane riscontrano una contrazione globale del 14%, a 20,5 miliardi di euro. L'Asia e le nazioni del bacino del Mediterraneo, che praticamente pareggiano tra loro in termini di cifre, mostrano cali rispettivamente del 21% e 17%. Primi clienti dei tessuti europei sono gli Stati Uniti, la Cina e la Turchia, che mostrano diminuzioni dal 12% al 18%. Il Marocco e la Tunisia si contraggono del 19% e 15%. Il calo maggiore della Top 20 è dell’India, i cui ordini sono scesi del 35%.

Copyright © 2021 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.