×
1 402
Fashion Jobs
RANDSTAD ITALIA
HR Business Partner
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta Global Digital Media Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Buyer Men's Rtw & Accessories Linea Giorgio Armani
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
E-Commerce Buying Coordinator
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
e- Commerce Specialist - Settore Fashion
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Sales Manager -Showroom Accessori e Abbigliamento Uomo
Tempo Indeterminato · MILANO
DR. MARTENS
Credit Controller - Italy
Tempo Indeterminato · MILANO
ALYSI
Addetto/a Commerciale Estero
Tempo Indeterminato · ROMA
ANONIMA
Sales Manager
Tempo Indeterminato · CREMONA
GIORGIO ARMANI S.P.A.
E-Commerce Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
WOOLRICH EUROPE SPA
e - Commerce Operations & Digital Specialist
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Retail Planner
Tempo Indeterminato · MILANO
GI GROUP SPA - DIVISIONE FASHION & LUXURY
Account Executive - Showroom Premium Brand
Tempo Indeterminato · MILANO
MARNI
Account Executive
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Category Manager - Azienda Beauty
Tempo Indeterminato · MILANO
MIROGLIO FASHION SRL
Retail Merchandising Manager
Tempo Indeterminato · ALBA
ADECCO ITALIA SPA
Tecnico/a Produzione Abbigliamento
Tempo Indeterminato · STRA
CONFIDENZIALE
Commerciale
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
E-Commerce & Digital Marketing Specialist
Tempo Indeterminato · ROMA
YVES ROCHER
Digital Performance Marketing Specialist (Origgio-va)
Tempo Indeterminato · ORIGGIO
ULTIMA ITALIA S.R.L
Production And Sourcing CO-Ordinator (Production Merchandiser)
Tempo Indeterminato · MILANO
UMANA SPA
Ispettore Controllo Qualità Abbigliamento Estero
Tempo Indeterminato · PECCIOLI
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
2 nov 2022
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Sourcing: chi sono i principali clienti dell’abbigliamento dell'Africa subsahariana?

Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
2 nov 2022

Nella prima metà del 2022, i Paesi dell'Africa subsahariana hanno esportato vestiti per un valore di 6,307 miliardi di dollari. Giordania, Kenya, Lesotho, Mauritius ed Etiopia costituirebbero il quintetto leader dell'Africa subsahariana, secondo Fibre2Fashion, che quantifica le esportazioni destinate ai mercati americano ed europeo.

Un produttore tessile etiope nel 2018 - Shutterstock


Gli Stati Uniti arrivano al primo posto tra i principali clienti dei produttori di abbigliamento africani. Nella prima metà dell'anno finanziario 2022, hanno importato vestiti per un valore di 1,416 miliardi di dollari, ovvero il 22,45% delle esportazioni totali della zona. L'Unione Europea non è da meno, con 1,28 miliardi di dollari, e il 20,3% del totale.

Nel dettaglio, le analisi fanno della Spagna, trainata da gruppi come Inditex (Zara) e Mango, il primo cliente europeo dell’abbigliamento africano, e il secondo cliente mondiale. Segue la Francia con 923,3 milioni di dollari di abbigliamento importato (14,64% del totale delle esportazioni africane). Terza e quarta l'Italia e la Germania con rispettivamente 414,6 e 391,5 milioni di dollari di vestiti provenienti dall'Africa.

Ma i numeri mostrano anche che, oltre ai quattro Paesi che annovera nella Top 5 dei maggiori clienti di abbigliamento africano, il Vecchio Continente è ben rappresentato anche nella Top 10. Il Regno Unito (347,1 milioni di dollari), i Paesi Bassi ( 179 milioni) e il Belgio (104,7 milioni) occupano rispettivamente il 5°, 6° e 9° posto. L'ottavo è invece occupato dagli Emirati Arabi Uniti (153,6 milioni), subito seguiti dal Sud Africa (146,8 milioni).
 
L'Africa subsahariana è stata per dieci anni al centro di investimenti crescenti da parte delle società asiatiche, e più in particolare di quelle cinesi. Un interesse alimentato dalla crescente produzione di cotone africano, di cui la Cina è un cliente chiave, ma anche da bassi salari che potrebbero diventare alternative ad altri paesi asiatici a basso costo. Tuttavia, le relazioni Cina-Africa devono ora affrontare una situazione di stallo sulle importazioni illegali di vestiti provenienti dalla Cina. Il che ha spinto i sindacati africani del settore a riprendere ad interessarsi della questione durante l'estate del 2021.

Copyright © 2023 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.