×
1 726
Fashion Jobs
SIDLER SA
HR Business Partner / Mendrisio
Tempo Indeterminato · MENDRISIO
SELECTA
Responsabile Tecnico di Produzione in Outsourcing
Tempo Indeterminato · FIRENZE
MOTIVI
District Manager
Tempo Indeterminato · FIRENZE
NEW GUARDS GROUP HOLDING SPA
Digital Catalogue Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
ADECCO ITALIA SPA
​Retail IT Specialist - Omnichannel
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
CANALI
Senior Analyst Developer
Tempo Indeterminato · SOVICO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Controller Estero - Settore Fashion
Tempo Indeterminato · MODENA
WEAREGOLD
ww Sales Force Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
HR Manager - Palermo
Tempo Indeterminato · PALERMO
ADECCO ITALIA SPA
E-Commerce Specialist
Tempo Indeterminato · TREZZANO SUL NAVIGLIO
CAMICISSIMA
Junior Product Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Wholesale Area Manager Area DACH
Tempo Indeterminato · MILANO
BIJOU BRIGITTE S.R.L.
Direttore di Zona (m/f)
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
EUROPRINT SRL
Export Manager
Tempo Indeterminato · OTTAVIANO
SKECHERS RETAIL SWITZERLAND
Retail Area Manager
Tempo Indeterminato · LUGANO
STELLA MCCARTNEY
Rtw Production Planner & Controller
Tempo Indeterminato ·
STELLA MCCARTNEY
Supply Chain Planning Analyst
Tempo Indeterminato · NOVARA
BOGLIOLI S.P.A.
Junior IT Application Manager\Junior IT Data Analyst
Tempo Indeterminato · GAMBARA
RANDSTAD ITALIA
Strategic Policy Manager Categoria Protetta ai Sensi Della lg. 68/99
Tempo Indeterminato · MILANO
WYCON S.P.A
Area Manager Piemonte & Liguria
Tempo Indeterminato · TORINO
BALENCIAGA LOGISTICA S.R.L.
Rtw Purchasing Specialist
Tempo Indeterminato · NOVARA
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
e Commerce Manager- Azienda Luxury
Tempo Indeterminato · MILANO
Di
Adnkronos
Pubblicato il
23 mar 2012
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Sostanze inquinanti nel bucato minacciano le risorse idriche e la salute

Di
Adnkronos
Pubblicato il
23 mar 2012

Alcune sostanze pericolose usate per la produzione di abiti di grandi marche dell'abbigliamento vengono rilasciate nell'ambiente dopo il lavaggio degli articoli in lavatrice. Una volta disperse in acqua, queste sostanze non sono trattenute dai sistemi di depurazione e si trasformano in nonilfenolo, un composto tossico e in grado di alterare, anche a livelli molto bassi, il sistema ormonale dell'uomo. A suonare il campanello d'allarme è Greenpeace che pubblica il rapporto 'Panni Sporchi 3' in vista della Giornata Mondiale dell'acqua.



L'indagine di Greenpeace, condotta su quattordici prodotti tessili di vari marchi fra cui Kappa, Ralph Lauren e Calvin Klein, infatti, misura per la prima volta la variazione delle quantità di nonilfenoli etossilati presenti nel tessuto prima e dopo il lavaggio domestico. In quasi la metà dei campioni, oltre l'80% di nonilfenoli etossilati presenti nel tessuto appena comprato sono fuoriusciti dopo un solo lavaggio.

"I risultati di questa indagine dimostrano che l'impatto dell'industria dell'abbigliamento non si ferma al Paese di produzione ma arriva ai Paesi consumatori creando un ciclo globale dell'inquinamento tossico. Le aziende tessili devono affrontare il problema e impegnarsi per l'eliminazione delle sostanze pericolose nell'intera filiera", afferma Vittoria Polidori, responsabile della campagna inquinamento di Greenpeace.

Nel 2011, le ricerche condotte da Greenpeace hanno prima evidenziato gli scarichi inquinanti dell'industria tessile nei fiumi della Cina e poi trovato tracce di nonilfenoli etossilati negli abiti di grandi firme dell'abbigliamento prodotti nei Paesi emergenti e venduti in occidente. La campagna 'Detox' di Greenpeace ha convinto prima i leader dell'abbigliamento sportivo Puma, Nike, Adidas e poi altre tre aziende fra cui H&M, Li-Ning e C&A a impegnarsi per eliminare tutti gli scarichi tossici nella catena di fornitura e nei prodotti in commercio, entro il 2020.

"Anche se l'uso di nonilfenoli etossilati nell'industria tessile è bandito nell'Unione europea, queste sostanze pericolose continuano ad arrivare tramite canali di mercato. In un certo senso, le aziende rendono i consumatori complici inconsapevoli dell'inquinamento delle risorse idriche", conclude Polidori.

Si stima che ogni anno nelle acque europee vengono sversate da ignari consumatori tonnellate di prodotti nocivi: è giunto il momento per il settore tessile di fare passi concreti verso l'adozione di alternative più sicure ai composti chimici inquinanti. Considerate le dimensioni del problema, Greenpeace invita le aziende del settore ad accogliere la sfida 'Detox'. Nonostante le ripetute sollecitazioni di Greenpeace rimane ferma l'italiana Kappa, del gruppo BasicNet, proprietaria anche dei marchi Superga e K-Way. Nei suoi prodotti sono stati ritrovati nonilfenoli etossilati, ma la compagnia non sembra ancora aver compreso l'importanza di andare oltre le leggi in vigore, ripulendo dai veleni la sua filiera produttiva.

Copyright © 2022 AdnKronos. All rights reserved.