×
1 546
Fashion Jobs
RETAIL SEARCH SRL
Head of Supply Chain - Demand Planning Emea
Tempo Indeterminato · FIRENZE
JIMMY CHOO
Stock Controller Incluse Categorie Protette l. 68/99
Tempo Indeterminato · SERRAVALLE SCRIVIA
LUCA FALONI SRL
Full Time - Responsabile Magazzino e Coordinatore Ordini Online
Tempo Indeterminato · BERGAMO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Marketing And Communication Manager - English And French
Tempo Indeterminato ·
AZIENDA DEL SETTORE FASHION & LUXURY
Analista di Processi Finance & Controlling
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Knitwear Senior Product Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Commerciale Illuminazione - Design
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Logistic Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Head of Operations
Tempo Indeterminato · MILANO
BALENCIAGA LOGISTICA S.R.L.
Balenciaga Addetto/a Lavorazioni Intermedie
Tempo Indeterminato ·
GIFRAB ITALIA S.P.A.
Coordinatore di Magazzino - Department Store
Tempo Indeterminato · PALERMO
PARIS TEXAS
Online Store Manager
Tempo Indeterminato · MONZA
VICE VERSA SRL
Wholesale Area Manager For Local And Int. Markets
Tempo Indeterminato · MILANO
MANPOWER SRL
Business Developer
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Credit Manager Italia
Tempo Indeterminato · MILANO
ADECCO S.P.A
Digital Acqusition Media Specialist Appartenente Alle Categorie Protette Legge 68/99
Tempo Indeterminato · MILANO
THUN SPA
HR Business Partner Corporate
Tempo Indeterminato · BOLZANO
CONFIDENZIALE
E-Commerce Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Wholesale Area Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Global Media Strategist, Native Content & Affiliates
Tempo Indeterminato · MILANO
ANONIMA
Responsabile Sviluppo Franchising - Italia
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Talent Acquisition Partner
Tempo Indeterminato ·
Pubblicità
Pubblicato il
1 dic 2020
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Smi apre la trattativa per il rinnovo del CCNL del tessile abbigliamento

Pubblicato il
1 dic 2020

Il 1° dicembre si è formalmente aperta la trattativa per il rinnovo del Contratto nazionale di lavoro del settore tessile abbigliamento, scaduto il 31 marzo 2020, che riguarda circa 45.000 aziende italiane, per un totale di 400.000 addetti.

Marino Vago, Presidente di SMI

 
“Con l’apertura della piattaforma odierna inizia un percorso complesso per affrontare la gravissima crisi della filiera del tessile e abbigliamento, per la quale occorrono soluzioni straordinarie. È indispensabile un piano di interventi specifici a livello istituzionale, per accompagnare la mutazione profonda che caratterizzerà il sistema per i prossimi tre anni”, ha dichiarato il Presidente di SMI, Marino Vago.
 
Durante un incontro svoltosi in video conferenza per le limitazioni imposte dalla pandemia, SMI ha presentato alle organizzazioni sindacali Femca-Cisl, Filctem-Cgil e Uiltec-Uil la situazione del settore sulla base dell’indagine realizzata dal Centro Studi di Confindustria Moda e relativa al terzo trimestre 2020.

Lo studio evidenza che per il 2020 è previsto un calo di fatturato di settore pari a circa il 30%, che equivale ad una riduzione del volume d’affari di oltre 16 miliardi di euro (sui 55 miliardi del 2019). Sulla base di questi dati, si prevede che anche il 2021 sarà un anno complicato, visto che difficilmente la domanda potrà tornare a livelli normali in breve tempo. E questa situazione, ribadisce SMI, riguarda tutte le aziende della filiera, da quelle a monte fino alla produzione dei capi finiti e alla distribuzione a livello mondiale.
 
“In questa situazione eccezionale, con l’apertura della trattativa per il rinnovo del Contratto nazionale di lavoro, SMI ha accettato la sfida di condividere i grandi problemi del settore con le organizzazioni sindacali, per definire una piattaforma di proposte comuni, specifiche e concrete, da sottoporre al Governo: il settore moda, infatti, risulta secondo tutte le statistiche di gran lunga il più colpito, tra tutti i settori industriali, dagli effetti della pandemia, al pari di settori non industriali come il turismo e i servizi. Merita perciò un’attenzione e interventi particolari anche da parte di tutte le istituzioni, perché il Paese intero non può permettersi di abbandonare al suo destino il secondo settore manifatturiero italiano, che esporta in tutto il mondo la qualità della vita e dei prodotti del made in Italy”, sottolinea SMI nel comunicato stampa diramato”, dichiara SMI.

Copyright © 2021 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.