Skechers: le vendite internazionali superano quelle negli States

Skechers moltiplica i record nel primo trimestre del 2016. Al 31 marzo scorso, le vendite trimestrali del marchio statunitense di calzature sono arrivate a 978,8 milioni di dollari (870 milioni di euro), per una progressione del 27,4% rispetto al primo trimestre del 2015.

Un negozio Skechers - Skechers

Per quanto riguarda il risultato operativo e l'utile netto, la constatazione è la medesima, con il marchio americano che ha realizzato delle performance inedite. Il primo aumenta del 14,2% arrivando a 138,6 milioni di dollari (25 milioni di euro). L'utile netto passa invece dai 56,1 milioni di dollari (50 milioni di euro) ottenuti nel medesimo periodo dell'anno scorso ai 97,6 milioni di dollari (860 milioni di euro) di quest'anno.

Sempre per la prima volta, la percentuale delle vendite retail e wholesale realizzate all'estero è superiore a quella delle vendite concluse sul mercato di casa del brand. L'estero rappresenta il 47,7% del totale delle vendite. La differenza consiste in royalties varie e diverse.

Per rispondere a questa domanda sempre maggiore di prodotti Skechers, David Weinberg, direttore operativo e finanziario del marchio, ha spiegato che sono stati realizzati degli investimenti per migliorare le prestazioni del centro europeo di distribuzione, che lo scorso febbraio hanno permesso di spedire per la prima volta ben 3 milioni di paia di scarpe.

Una vetrina Skechers - Assitencal

Questo centro sarà anche ampliato di 10.000 metri quadrati nel corso del prossimo trimestre e sarà totalmente automatizzato entro la fine del 2016.

L'obiettivo manifestato da Skechers alla fine del 2015 era di raggiungere le 1.250 boutique nel mondo. Oggi, il CEO Robert Greenberg ha comunicato che esistono 1.414 negozi Skechers, 1.017 dei quali all'estero.

Lucile Deprez (Versione italiana di Gianluca Bolelli)

Versione italiana di Gianluca Bolelli

Copyright © 2019 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.

SportBusiness
ISCRIZIONE ALLA NEWSLETTER