×
1 580
Fashion Jobs
CONFIDENZIALE
Responsabile Controllo Qualita'
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Impiegato/a Commerciale - Accessori e Minuterie- Settore Fashion
Tempo Indeterminato · PADOVA
NUOVA TESI
Responsbaile di Produzione Tessile -nt/1234
Tempo Indeterminato · MODENA
PFCMNA SPA
Area Manager - Ispettore Retail
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Responsabile Linea Montaggio Calzature
Tempo Indeterminato · VENEZIA
BETTY BLUE S.P.A.
Area Manager Direct Retail
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
PAGE PERSONNEL ITALIA
Area Manager Milano
Tempo Indeterminato ·
GIORGIO ARMANI
Retail Operation Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
ANONIMA
Product Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
WAYCAP SPA
Impiegato/a Commerciale
Tempo Indeterminato · MIRANO
ANONIMA
Visual Merchandising Manager
Tempo Indeterminato · AREZZO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
HR Manager
Tempo Indeterminato · PALERMO
CONFIDENZIALE
Visual Merchandising Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENTIAL
District Manager
Tempo Indeterminato · VERONA
LOGO FIRENZE SRL
Product Manager Rtw
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
NARA CAMICIE
CRM Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
247 SHOWROOM
Account Manager Italy
Tempo Indeterminato · MILANO
WYCON S.P.A
Retail Area Manager Piemonte/Liguria/Lombardia
Tempo Indeterminato · TORINO
ANONIMA
ww Wholesale Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Global Digital Client Development Coordinator
Tempo Indeterminato · MILANO
ORIENTA SPA
General Manager - Bolzano
Tempo Indeterminato · BOLZANO
ANTONIOLI S.R.L.
SEO & SEM Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
Pubblicità
Pubblicato il
30 ago 2015
Tempo di lettura
3 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Si apre un nuovo capitolo per Ballantyne

Pubblicato il
30 ago 2015

Nuova partenza per Ballantyne. Dopo le delusioni degli ultimi anni, la storica azienda scozzese di cachemire fondata nel 1921 cambia proprietario. Acquistata nel 2004 dal fondo italiano Charme Investments, dell'ex patron della Ferrari Luca Cordero di Montezemolo, la griffe è stata ceduta per 6 milioni di euro allo stilista italiano Fabio Gatto tramite l'entità Corso Italia S.p.A.

Ballantyne metterà l'accento su un look più fashion


Questa società era stata creata nel 2014 per permettere al marchio di restare sul mercato, mentre l'ex società di Ballantyne, piena di debiti, fu posta in liquidazione. Nel 2012, Ballantyne aveva realizzato un fatturato di 14,4 milioni di euro, con perdite arrivate a 7,7 milioni di euro, cresciute fino a 12,8 milioni di euro al 30 settembre 2013.

“Gli azionisti di Ballantyne mi hanno chiamato nell'ottobre del 2013 per affidarmi la direzione artistica. Ho accettato, per tentare di fermare l'emorragia. Molto rapidamente, mi sono reso conto che il marchio aveva del potenziale, ma che bisognava ripartire da zero. Ho proposto di prendere l'etichetta in licenza per gestirne direttamente la produzione e la distribuzione e in seguito acquisirla. Ho concluso l'operazione il 7 agosto scorso acquistando il brand e la Corso Italia S.p.A.”, spiega a FashionMag.com Fabio Gatto.

Stilista appassionato di prodotto e “innamorato della materia”, il trevigiano ha lavorato per molti marchi attraverso la sua omonima agenzia creativa e ha aperto molte boutique multimarca. Oggi è il presidente e direttore creativo di Ballantyne, mentre suo figlio, Umberto Gatto, ne è l'amministratore delegato.

Fabio Gatto, il nuovo proprietario e DA di Ballantyne


Nel 2014, Fabio Gatto ha ridefinito totalmente la rete distributiva di Ballantyne, che secondo lui non era in linea con il livello e la percezione del marchio. “Vogliamo proporre un prodotto equilibrato, di buon gusto, innovativo e di grandissima qualità. Il nuovo cliente di Ballantyne non può più essere solo un consumatore nostalgico dei celebri motivi a losanga”, sottolinea.

Gatto puntualizza anche il grande potenziale della griffe, la quale “ha la possibilità di giocare su due tavoli, quello della tradizione e quello di un segmento molto più fashion, con una commercializzazione su questi due tipi di posizionamento”.

Attualmente, Ballantyne è distribuito in Italia in 190 punti vendita per la donna e 220 per l'uomo, e conta 350 clienti multimarca all'estero. Le vendite sono realizzate per il 70% nella penisola, seguita dalla Corea del Sud e dal Giappone. Il suo primo obiettivo è di svilupparsi in Europa, soprattutto in Francia, Germania e Regno Unito, e punta ad arrivare a un fatturato di 6 milioni di euro nel 2016.

Per il momento, le collezioni si concentrano sul core business, vale a dire la maglieria, arricchite da capi complementari, come pantaloni, giacche e camicie, concepite per “creare uno spirito e 'un'allure' Ballantyne”. L’azienda sta soprattutto lavorando su un tipo di giacca imbottita non con le piume, ma con del cachemire. In un anno, la donna, che rappresentava il 15% delle vendite, è passata al 50%.

Ballantyne punta sulla donna per rilanciarsi


La produzione è realizzata in gran parte in Italia e in Europa per quanto riguarda il particolarissimo procedimento intarsia. Prossimamente sarà prodotta in Scozia una capsule collection, prima maschile e in seguito femminile, mentre in settembre verrà svelata una mini-collezione realizzata con l’illustratrice italiana Olimpia Zagnoli.

“Non credo più alle ampie collezioni di 500 pezzi. Sono più stimolato dalla creazione di piccole storie, che possano accompagnare una collezione di base collaborando con diverse personalità”, conclude Fabio Gatto.

Dominique Muret (Versione italiana di Gianluca Bolelli)

Copyright © 2021 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.