×
1 475
Fashion Jobs
keyboard_arrow_left
keyboard_arrow_right

Shandong Ruyi finalizza l’acquisto di Lycra da Invista

Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
today 1 feb 2019
Tempo di lettura
access_time 2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Poco più di un anno dopo l'annuncio dell'acquisizione della divisione Apparel & Advanced Textiles (A&AT) del gruppo Invista, il colosso cinese Shandong Ruyi annuncia la finalizzazione di tale acquisto. La struttura viene ribattezzata The Lycra Company, dal nome del marchio più celebre all’interno del portafoglio acquisito, e avrà la missione di rafforzare la leadership del gruppo cinese nel campo dell'elastane.

L'operazione era iniziata a fine 2017 - Lycra


La nuova entità, di cui Shandong Ruyi è, precisa lo stesso gruppo in un comunicato, “l’azionista di controllo”, opererà come una filiale indipendente del gruppo. Il suo portafoglio includerà le marche di fibre Lycra, Lycra Hyfit, Coolmax, Thermolite, Elaspan, Supplex, Tactel e Terathane. Il gruppo Invista conserva invece le fibre Cordura, Antron e Stainmaster.
 
L’acquisizione include gli asset della precedente divisione Invista, vale a dire 8 stabilimenti produttivi, 4 laboratori di ricerca e sviluppo e 17 uffici, distribuiti in 14 Paesi e che impiegano circa 3.000 persone.

Il precedente proprietario di Invista A&AT, il gruppo statunitense Koch Industries, prenderà parte al periodo di transizione. Come spiegava a FashionNetwork.com il vicepresidente responsabile delle tecnologie di A&AT, Bob Kirkwood, lui e Dave Trerotola, il CEO, rimarranno ai comandi dopo il cambio di proprietà. L'unica incertezza risiede nella strategia voluta dal nuovo proprietario.
 
“Ruyi ha una roadmap ben chiara. Le risorse e le tecnologie di classe mondiale di Invista, abbinate ai suoi marchi leader, notissimi presso i consumatori, genereranno grandi sinergie con le attività di Ruyi nel settore tessile e dell’abbigliamento”, spiega Yafu Qiu, Presidente del CdA di Shandong Ruyi Investment Holding.

The Lycra Company entra a far parte di un gruppo che possiede una trentina di marchi internazionali e controlla oltre 6.000 negozi - Lycra


“Come produttore di elastan, noi ammiriamo l'iconicità del marchio Lycra, affermatosi da anni come standard del settore, e siamo consapevoli del valore che Lycra Company apporterà alla nostra azienda. Le sue capacità e i suoi punti di forza completano perfettamente i nostri, e contribuiranno a rinforzare il nostro posizionamento come azienda tessile di livello mondiale completamente integrata”, aggiunge.
 
Gigante del tessile-abbigliamento cinese, la società Shandong Ruyi non limita le sue ambizioni e acquisizioni alle aziende a monte della filiera, ma è attivissima anche a valle. Come illustrato in particolare dall'acquisizione del gruppo francese SMCP (Sandro, Maje, Claudie Pierlot), ma anche del marchio britannico Aquascutum, della società giapponese Renown o dell’italiana Nogara. Più di recente, il gruppo ha lavorato all'acquisizione di Bagir e del marchio di accessori Bally, ed è salito nel capitale del sito cinese di vendita di prodotti di lusso Secoo. E avrebbe anche messo nel mirino il gruppo Arcadia, proprietario di Topshop. Attualmente Shandong Ruyi possiede una trentina di marchi internazionali, e può contare su una rete di oltre 6.000 negozi in 81 Paesi.

Copyright © 2019 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.