Sfilate Uomo: le tendenze per la Primavera-Estate 2019

Le collezioni di moda maschile per la Primavera-Estate 2019 appena presentate a Londra, Firenze, Milano e Parigi, hanno mostrato in particolare dieci tendenze principali, che giocano sui fenomeni dello street e dello sportswear introdotti in questi ultimi anni. La tuta si erge ormai come il nuovo abito, mentre il guardaroba maschile continua a mutare, in uno spirito sempre più leggero e rilassato, senza dimenticare l’elemento sportivo e iper performante con particolare enfasi sui materiali tecnici.

N°21, Primavera-Estate 2019 - © PixelFormula

La dilagante ondata della plastica
 
Alcuni stilisti hanno cercato di sensibilizzare i consumatori rispetto ai pericoli dell'inquinamento e a favore della causa degli oceani invasi dai sacchetti di plastica (da notare la presenza di questi sacchetti legati ai polsi come braccialetti da Facetasm). Resta però ancora del lavoro da fare, a giudicare dall’esplosione di PVC e materiali plastici visti su tutte le passerelle. Come testimonia, soprattutto, la sala interamente coperta di plastica e arredata con pouf in PVC per la sfilata di Prada.
 
Questo materiale trasparente e brillante, rigido o fluido, certamente proposto in formule sostenibili e riciclate da molti marchi, è particolarmente attraente per gli stilisti, grazie al suo aspetto futurista e innovativo. Oltre ai cappotti trasparenti avvistati nelle ultime stagioni, adesso è tutto il guardaroba che deve farci i conti, dato che la plastica è declinata in versione vinile, tela cerata, poliestere, silicone, caucciù e neoprene. Senza dimenticare gli accessori, come la grossa catena di plastica vista da Louis Vuitton, Undercover e Maison Mihara Yasuhiro.

M1992, Primavera-Estate 2019 - © PixelFormula

La maxi-giacca
 
La tendenza dell’oversize derivata dallo streetwear, iniziata in queste ultime stagioni, si consolida, ma torna a proporzioni più misurate. Si mostra soprattutto nelle giacche per corporature massicce, che coprono sistematicamente le cosce, offrendo all’uomo un’armatura ideale per affrontare un mondo sempre più competitivo. Per la prossima estate, la maxi-giacca s’indosserà preferibilmente a vita stretta con una cintura. Per il resto, il fenomeno XXL si ritrova anche nei pantaloni ampi e confortevoli, e soprattutto nelle maxi-camicie, che assumono l'aspetto di tuniche.
 
Il gilè da cacciatore
 
Il tema della protezione intravisto l’inverno scorso perdura e si consolida, combinato con la necessità di affrontare tutte le situazioni, in una vita sempre più nomade, in cui l'uomo deve essere in grado di muoversi e viaggiare senza ostacoli con tutto il necessario addosso a lui, tanto che la tenda e lo zaino s’integrano nel vestito (Rick Owens, Cottweiler).

Junya Watanabe, Primavera-Estate 2019 - © PixelFormula

Tutto ciò si traduce in un outerwear funzionale superequipaggiato, visto in particolare nei pantaloni cargo addobbati con tutti i tipi di tasche e nelle cinture a cartucciera. Ma è il gilè ad impersonare al meglio questa evoluzione. Il gilè multi-tasche per l’avventuriero è onnipresente. Ma si declina altrettanto bene in versione giubbotto di salvataggio (arancione o giallo da Louis Vuitton), in giubbotto antiproiettile (Sankuanz) o da paracadutista (Junya Watanabe).

Fendi, Primavera-Estate 2019 - © PixelFormula

Il grande ritorno della borsa per il weekend
 
Questa piccola borsa per l’uomo, a metà strada tra il portafoglio e la bisaccia, concepita per contenere lo stretto necessario per un viaggio, fa il suo grande ritorno. Molto in voga negli anni ‘70, poi caduta nel dimenticatoio per il suo lato vecchio stile, è sulla buona strada per diventare di nuovo LA It bagmaschile. Si porta a tracolla, ben incastrata sotto il braccio, o appesa a una catena intorno al collo. L’altra tendenza è il micro-borsello, stile fondina o proteggi-passaporto, indossato sul petto attaccato a un nastro, anche in questo caso attorno al collo.
 
Il pantaloncino 
 
Questo è il capo che ogni uomo dovrà avere la prossima estate nel suo bagaglio! Lo short è totalmente sdoganato, ed entra nella maggior parte degli outfit, da giorno come da sera. La Coppa del Mondo di calcio attualmente in corso ha particolarmente ispirato gli stilisti, che propongono i pantaloncini in versione larga e confortevole da calciatore o persino da arbitro (da Represent).

Prada, Primavera-Estate 2019 - © PixelFormula

Sempre nel campo dello sport, c’è il pantaloncino da ciclista, quello da tennista, il combishort da surfista o il micro-pantaloncino da corsa. Prada riaggiorna invece ai gusti odierni la versione costume da bagno micro e attillato con stampe vintage. Lo short serve anche a perfezionare la camminata, indossato doppio, sovrapposto ad altri pantaloncini o in trompe l'oeilsui pantaloni. Senza dimenticare le declinazioni in versione bermuda in un abito o su un completo streetwear.

JUUN.J, Primavera-Estate 2019 - © PixelFormula

La giacca a vento 
 
Questo capo di vestiario ha il vento in poppa da alcune stagioni, sfruttando il successo del nylon e quello dei tessuti tecnici super-resistenti. È il vestito fondamentale che bisognerà avere nel proprio guardaroba della prossima estate, di preferenza nel modello classico con la tasca a canguro. Gli stilisti l’hanno proposto in tutte le taglie e i volumi, e rivisitato con materiali diversi.

Craig Green, Primavera-Estate 2019 - © PixelFormula

Il cordone
 
Cavalcando l'onda dello sport, tra canottaggio e arrampicata, il cordone è dappertutto, che sia sotto forma di corda o di lacci che circondano la corporatura, aggiungendo all’abbigliamento un piccolo elemento tecnico in più. È chiaramente visibile, e stringe il collo degli uomini nei cappucci dei maglioni o delle giacche a vento. Ma soprattutto nei pantaloni della tuta scanalati, annodato con grossi nodi dai colori spesso in contrasto.

A-Cold-Wall, Primavera-Estate 2019 - © PixelFormula

La rete
 
Questo tessuto traforato, proveniente dal mondo dello sport attraverso il mesh, amplifica le sue prestazioni e versioni per l'estate 2019. Lo si trova nella maglia stile rete da pesca, declinato in giacche, oppure in una camicia elegante e sexy che lascia trasparire una maglia nera sul corpo da Dolce & Gabbana. Il busto si rivela attraverso un maglione a maglie larghe da Pal Zileri o attraverso i fori spalancati dei capispalla di plastica di Raf Simons. Dior reinterpreta la rete da pesca in modo raffinato in grandi borse nere da spesa intrecciate in stile sedie Thonet.

Louis Vuitton, Primavera-Estate 2019 - © PixelFormula

Fluo
 
Intravisti nelle ultime stagioni a favore della tendenza in forte crescita del workwear, i colori flashy usati nei vestiti di sicurezza riflettenti vengono incorporati in tutte le collezioni. A cominciare dal giallo, molto presente anche in versione lime o giallo limone, seguito dall’arancione, dal rosa, dal turchese. Scintillii di luce che sferzano e rendono più dinamiche la maggior parte delle collezioni.

Marni, Primavera-Estate 2019 - © PixelFormula

Mai senza i miei calzini
 
È un grande momento per l'industria della calzetteria. Sempre sotto l’influenza dello sport, gli stilisti di moda hanno decretato che indossare i calzini è obbligatorio per la prossima estate, compreso nei sandali. Il look calzini corti bianchi nei mocassini sarà davvero chic. Proprio come le calze colorate a strisce, con il logo del marchio ben in vista, di tutte le lunghezze, indossate il più delle volte con le fondamentali scarpe da ginnastica. La palma del vincitore va alle calze a strisce larghe stile giocatore di rugby, dall’effetto maggiore. Ed è ancora meglio se sono scompagnate, come da Marni!

Versione italiana di Gianluca Bolelli

Copyright © 2018 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.

Moda - AltroSfilate
ISCRIZIONE ALLA NEWSLETTER