×
1 130
Fashion Jobs
LUXURY GOODS ITALIA S.P.A
Gucci Stock Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Controller Società Estere
Tempo Indeterminato · MODENA
AZIENDA RETAIL
Area Manager Piemonte & Liguria
Tempo Indeterminato · TORINO
MICHAEL PAGE ITALIA
Wholesale Director Italia - Abbigliamento Femminile
Tempo Indeterminato ·
NEW GUARDS GROUP HOLDING SPA
Senior Production Developer
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Treasury Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENTIEL
Ecommerce Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta Human Resources Manager - Corporate & Business Functions
Tempo Indeterminato · MILANO
JIMMY CHOO
Costing Manager
Tempo Indeterminato · CHIESINA UZZANESE
CONFEZIONI GIOIELLI SPA
Buyer
Tempo Indeterminato · PRATO
BIJOU BRIGITTE S.R.L.
Direttore di Zona (m/f)
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Senior Controller
Tempo Indeterminato · MILANO
BALENCIAGA LOGISTICA S.R.L.
Balenciaga - Rtw Purchasing & Procurement Coordinator
Tempo Indeterminato · NOVARA
PATRIZIA PEPE
Back-Office Wholesale Specialist
Tempo Indeterminato · FIRENZE
SAY WOW SRL
Junior Operation Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta ww Merchandise & Retail Planning Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Marketing&Communications Manager
Tempo Indeterminato · MILAN
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Product Compliance Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
MILAAYA EMBROIDERIES
Business Development/Sampling & Production Coordinator
Tempo Indeterminato · MILAN
BENEPIU' SRL
Responsabile Tecnico
Tempo Indeterminato · CARPI
UMANA SPA
HR Administration Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
E-Commerce Operations And Digital Supply Senior Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
26 giu 2017
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Settimana della Moda uomo di Parigi: il racconto di due debuttanti, Hed Mayner e Namacheko

Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
26 giu 2017

Un elemento fondamentale che si cerca in ogni giovane designer è uno stile visivo ben distinto, che è quello che ha mostrato Hed Mayner, il cui debutto parigino ha avuto come protagonisti la coraggiosa decostruzione del guardaroba maschile e una serie di tagli diabolicamente perfetti.

Hed Mayner, primavera-estate 2018


Questo talento nato in Israele ha usato tessuti di lana impeccabili e cotoni rigati molto virili associandoli a tele da tenda usate e a pellami utilizzati per i mobili, in quest’ultimo caso in un bomber a mongolfiera. Mayner taglia con audacia, ma assembla i capi con gusto. I gilet si allontanano dai fianchi; i baveri dei cappotti si curvano e si arricciano; le giacche sono così ampie che la loro linea di cintura è posta sotto l'ombelico, tanto da poterle definire “triplo petto”. L’impressione generale potrebbe essere di disordine, ma il cerebrale senso delle proporzioni di Mayner rende i risultati ottenuti tutti piuttosto riusciti e cool.
 
Il pubblico, in piedi, si allungava all’unisono per riuscire a fotografare i capi. Così tanto da invadere la passerella; un po’ come sulle strade del Tour de France o del Giro d’Italia, quando i fan di ciclismo occupano quasi tutta la strada, a volte ostacolando la progressione dei corridori. Tranne per il fatto che questo show era ospitato sotto le colonne dell'ex Borsa di Parigi, edificio che fa parte del salone moda Tranoï, sempre molto popolare e in perpetua evoluzione, vera istituzione parigina.

“Trasportare gli elementi sempre riconoscibili e tipici del guardaroba maschile verso qualcosa d’altro”, ha spiegato Mayner, che sembra avere un futuro molto promettente.
 
Fermata successiva da Namacheko, coppia di fratello e sorella curdi, Lezan e Dilan Lurr, che vivono in Svezia, i quali hanno debuttato all’interno della chiesa luterana delle Billettes, nel cuore del Marais. Un edificio molto rispettabile, situato proprio di fronte a un bar al contrario alquanto sulfureo, conosciuto come “United Colors of Cox”. Nel défilé, Namacheko ha citato molti artisti contemporanei, come Gerhard Richter e Olafur Eliasson. Tuttavia, questi ispiratori non hanno esattamente aiutato il duo, in quella che si è rivelata essere una collezione davvero elementare, che non ha davvero convinto.

Namacheko, primavera-estate 2018


Pantaloncini neri o bianchi con bordi liberi sormontati da lunghissimi top di maglia e giacche bianche con ampi colletti, tutte deludenti. I due di Namacheko hanno fatto sfilare parecchie camicie e cappotti tagliati in materiali lucidi ad effetto vetro colorato sicuramente ben fatti, ma che non sono riusciti a salvare questa modesta presentazione. Non nasce una stella ogni ora nel mondo della moda…
 
Versione italiana di Gianluca Bolelli

Copyright © 2022 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.