×
1 352
Fashion Jobs
WOOLRICH EUROPE SPA
e - Commerce Operations & Digital Specialist
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Retail Planner
Tempo Indeterminato · MILANO
GI GROUP SPA - DIVISIONE FASHION & LUXURY
Account Executive - Showroom Premium Brand
Tempo Indeterminato · MILANO
MARNI
Account Executive
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Category Manager - Azienda Beauty
Tempo Indeterminato · MILANO
MIROGLIO FASHION SRL
Retail Merchandising Manager
Tempo Indeterminato · ALBA
ADECCO ITALIA SPA
Tecnico/a Produzione Abbigliamento
Tempo Indeterminato · STRA
CONFIDENZIALE
Commerciale
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
E-Commerce & Digital Marketing Specialist
Tempo Indeterminato · ROMA
YVES ROCHER
Digital Performance Marketing Specialist (Origgio-va)
Tempo Indeterminato · ORIGGIO
ULTIMA ITALIA S.R.L
Production And Sourcing CO-Ordinator (Production Merchandiser)
Tempo Indeterminato · MILANO
UMANA SPA
Ispettore Controllo Qualità Abbigliamento Estero
Tempo Indeterminato · PECCIOLI
CONFIDENZIALE
Europe Buying Manager Woman Ready to Wear
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Stock Controller - Milano
Tempo Indeterminato · MILANO
HERMES ITALIE S.P.A.
in Store Trainer - Boutique Milano
Tempo Indeterminato · MILANO
STAFF INTERNATIONAL
Industrial Controller
Tempo Indeterminato · NOVENTA VICENTINA
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
e Commerce Specialist - Settore Fashion
Tempo Indeterminato · MILANO
MIROGLIO FASHION SRL
Head of Merchandising
Tempo Indeterminato · ALBA
ISAIA E ISAIA
Information Technology Business Analyst
Tempo Indeterminato · CASALNUOVO DI NAPOLI
RANDSTAD ITALIA
Showroom Manager - Arredamento
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Showroom Manager- Arredamento
Tempo Indeterminato · BRESCIA
RANDSTAD ITALIA
Sales Manager Usa
Tempo Indeterminato · COMO
Pubblicità
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
5 lug 2017
Tempo di lettura
3 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Settimana dell’Alta Moda di Parigi: Chanel fa entrare la Tour Eiffel nel Grand Palais, mentre Karl riceve la Medaglia della Città di Parigi

Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
5 lug 2017

Karl Lagerfeld è stato insignito martedì scorso della Medaglia della Città di Parigi: l’onoreficenza più alta, quella di color vermiglio. Un onore davvero meritato. Perché nessun designer ha fatto di più dello stilista tedesco per incrementare il fascino e la reputazione di questa città come capitale della moda.

Chanel - autunno-inverno 2017 - Haute Couture - Parigi - © PixelFormula


Opportunamente, la decorazione della sfilata della collezione di Alta Moda di Chanel per l’autunno-inverno 2017 era perfettamente in tema con questa cerimonia. Lo show si è infatti svolto proprio sotto una sorprendente riproduzione, di circa 50 metri d’altezza, della Torre Eiffel, che scompariva sotto nuvole di ghiaccio secco sotto la cupola di vetro del Grand Palais. Ai suoi piedi, sedie verdi da giardino di metallo, una pista sterrata beige e chioschi pubblici grigi.
 
E infatti era la collezione stessa a giocare con il tradizionale amore che Chanel provava per tutto ciò che è britannico. La linea presentava chilometri di robusto tweed utilizzato in tutti i tipi di vestiti, dai cappotti arrotondati a forma di pezzi degli scacchi agli abiti da cocktail curvilinei, dai suggestivi stivali alla coscia, agli orecchini e bottoni, dotati persino dei corrispondenti cappelli a bombetta, che indossavano metà delle modelle. Una moda alla Magritte. Lagerfeld ha tagliato delle splendide nuove minigiacche con due bottoni inferiori e revers ampi; ma anche gonne svasate, tagliate giusto sotto il ginocchio. Oppure ha reinventato la giacca di Chanel a quattro bottoni abbinandola con larghi pantaloni da gaucho. Tutto funzionava perfettamente.

Chanel - autunno-inverno 2017 - Haute Couture - Parigi - © PixelFormula


Lagerfeld, che sembra riuscire sempre ad andare avanti e oltre, ha dovuto far mettere il turbo all’atelier di Chanel spingendolo fino a periodi di superlavoro, soprattutto per realizzare gli abiti da sera, concependo alcuni favolosi abiti da ballo e da cocktail dotati di maniche sublimi. Alcuni erano decorati da interi mazzi di piume di gallo; altri di piume di pavone. Tutti questi piumaggi oltrepassavano le spalle, e sembravano quasi volerle spingere.

Nel finale, Lagerfeld si è portato proprio sotto la torre di Chanel per ricevere un convinto e corposo applauso, dove la sindaca di Parigi Anne Hidalgo gli ha consegnato il riconoscimento.
 
“Il suo genio le permette di rischiare e di trasportarci in un universo nel quale eccelle. Lei è un immenso talento e una gran persona, che ha fatto tantissimo per rendere la nostra città ancora più creativa, magica e bellissima”, si è entusiasmata la sindaca.

Chanel - Un momento della sfilata autunno-inverno 2017 - Haute Couture - Parigi - © PixelFormula


Karl ha risposto: “Sono uno straniero e sono fiero di esserlo. E noi stranieri vediamo davvero come vive la Francia. E con gli ultimi cambiamenti abbiamo l’impressione che la Francia sia realmente cambiata. Tutti vogliono venire a Parigi e vivere in Francia e iniziare a imparare di nuovo il francese. Io questo lo trovo formidable! Quando non siete francesi vedete le cose chiaramente con un occhio disimpegnato dal nazionalismo e dal patriottismo. E voglio dire davvero Vive La France! Vive Paris! E Viva le Olimpiadi del 2024 a Parigi!”.
 
Versione italiana di Gianluca Bolelli

Copyright © 2023 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.