×
1 566
Fashion Jobs
keyboard_arrow_left
keyboard_arrow_right

Settimana dell’Alta Moda di Parigi: Armani Privé neoclassico con un tocco di eleganza

Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
today 6 lug 2017
Tempo di lettura
access_time 2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Radicale cambiamento di spirito da Giorgio Armani Privé, con lo stilista italiano che ha organizzato il suo défilé di Haute Couture più maestoso di sempre a Parigi. Via il telaio di sfondo a forma di scatola nera che privilegiava e spazio a una gloria neoclassica virtuale, con proiezioni di diapositive sui muri di Palazzo Corsini, il suo studio di Via Borgonuovo 11 nel centro di Milano, e a un cocktail pre-show con immagini giganti di affreschi italiani.

Armani Privé


Eliminata anche la storica colonna sonora disco-funky che accompagnava le sfilate del marchio. Al suo posto, musiche di Wagner, Rachmaninov, Offenbach e composizioni più gloriosamente italiche di Ludovico Einaudi.
 
Anche i vestiti erano più eterei e sofisticati. Splendide giacche slim fit tenute insieme da bottoni di ceramica, su pantaloni maschili rifiniti in sete superleggere. Tutto velato e sfumato con stampe di petali, uccelli e macchie; queste immagini si ripetevano in perline minutamente cucite e su strisce di plastica. Il tutto sormontato da cappelli da Doge veneziano con sopra cucite delle veline di maglia. Ambiguo, misterioso e sorprendente.

“Ho trovato tutto meraviglioso. I colori, l’eleganza e il senso di grazia”, ha detto l’attrice Naomi Watts, una della serie di celebrità presenti, sedutesi in prima fila. Una fila anteriore completamente priva di qualsiasi influencer, a differenza di tante case di moda sartoriale minori rivali di “Re Giorgio”.
 
Il momento più clamoroso ed eccezionale è stato il finale tutto in nero di Armani – e questo da parte di un creatore famoso per i suoi non-colori: fango, cemento e sabbia. Pizzi attaccati in modo prezioso, nastri di seta, fiori di tessuto e boccioli metallici apparivano su vestiti che lasciavano nude le spalle e su sottili abiti da cocktail.
 
“Bisogna prendere un po’ di distanza dal mondo. Per pensare e creare del mistero”, ha dichiarato Armani, dopo essere stato circondato da stelle del cinema. Sophia Loren, Watts, Kate Winslet e Isabel Huppert (che ha causato un enorme putiferio arrivando allo show quando due outfit avevano già sfilato dentro al Theatre de Chaillot) tutte schiacciate attorno a Giorgio. I loro occhi sorridevano in segno di silenzioso apprezzamento.
 
Versione italiana di Gianluca Bolelli

Copyright © 2019 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.