×
1 009
Fashion Jobs
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Global Client Data Visualization Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
ANONIMA
Area Manager Estero - Settore Accessori
Tempo Indeterminato · NAPOLI
FOURCORNERS
Online Brand Executive
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Logistics Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
THE THIN LINE LANZAROTE
E-Commerce Manager
Tempo Indeterminato · TÍAS
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
e Commerce Manager- Azienda Moda
Tempo Indeterminato · MILANO
VERSACE
Wholesale Area Manager Italy
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Responsabile Sviluppo Collezioni Calzature
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
CRM Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci ww Business Performance Management Analyst
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Head of Marketing (Rif. Mkt)
Tempo Indeterminato · MILANO
FORPEN
Buyer Abbigliamento
Tempo Indeterminato · SAONARA
UNIGROSS SRL
Jobdesk Buyer Import
Tempo Indeterminato · CITTÀ SANT'ANGELO
CONFIDENZIALE
Talent Acquisition & Employer Branding Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Product Manager
Tempo Indeterminato · MILAN
ADECCO S.P.A
Responsabile Qualità
Tempo Indeterminato · SIENA
CONFIDENZIALE
Country Sales Manager Italy
Tempo Indeterminato · MILANO
CENTEX SPA
Responsabile Amministrativo
Tempo Indeterminato · GANDINO
FACTORY SRL
Impiegato/a Modellista
Tempo Indeterminato · FUCECCHIO
RETAIL SEARCH SRL
Responsabile Produzione - Settore Fashion
Tempo Indeterminato · MILANO
BENETTON GROUP SRL
Sap Analyst
Tempo Indeterminato · TREVISO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
e Commerce Manager- Accessori e Calzature
Tempo Indeterminato · MILANO
Pubblicità
Di
Reuters API
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
18 mar 2020
Tempo di lettura
3 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Secondo la banca Cowen, le vendite di Nike potrebbero diminuire di ben un terzo

Di
Reuters API
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
18 mar 2020

Il fatturato di Nike potrebbe diminuire di un terzo nel quarto trimestre, afferma Cowen, società americana di servizi finanziari. Il produttore di abbigliamento e attrezzature sportive deve affrontare serie di problematiche legate al diffondersi del coronavirus: chiusure di negozi, problemi di approvvigionamento e sospensione della stagione della lega NBA quest'anno.

Nike - Facebook


Il broker di New York afferma che il calo del 34% delle vendite di Nike previsto nel trimestre genererebbe una perdita di 4 centesimi di dollaro per azione. Gli analisti prevedono attualmente un aumento delle entrate del brand del 2,4%, che dovrebbero così raggiungere i 10,43 miliardi di dollari (9,33 miliardi di euro), e un utile di 64 centesimi per azione, secondo i dati IBES di Refinitiv.
 
“Il traffico di persone nei centri commerciali potrebbe arrestarsi nelle prossime settimane; i costi fissi e le future riduzioni delle scorte creano un esercizio di modellizzazione quasi impossibile a livello globale”, s'inquieta John Kernan, analista noto per l'accuratezza delle sue stime di entrate per Nike.

Il prezzo delle azioni del marchio della Virgola è precipitato di quasi il 16% in un contesto generale di caduta dei mercati. L’azione di Nike ha perso un terzo del suo valore dall'inizio dell'anno.
 
Ricordiamo che oltre 180.000 persone sono state ufficialmente infettate dal virus in tutto il mondo. Per milioni di altre, la vita sta cambiando a causa dei nuovi standard precauzionali adottati dai governi mondiali, tra il “distanziamento sociale” e il divieto di qualsiasi raduno di persone.
 
Anche le grandi leghe sportive professionistiche, NBA e NFL in testa, hanno sospeso le loro rispettive stagioni, mentre Nike, Lululemon Athletica e Under Armour hanno chiuso dei negozi in Nord America e in altri mercati per frenare la diffusione della pandemia.
 
“Le conseguenze della cancellazione di importanti eventi sportivi su Nike e i suoi concorrenti sono paragonabili a quelle del divieto di viaggiare negli Stati Uniti con le compagnie aeree”, si lamenta Jonathan Treiber, esperto di vendita al dettaglio e CEO del fornitore di soluzioni marketing RevTrax.
 
Da parte sua, la società di studi finanziari londinese Woozle Research stima che i ricavi di Nike potrebbero scendere di 5,5 miliardi di dollari (4,92 miliardi di euro) nel corso dei prossimi 3-6 mesi.
 
Secondo i circa 120 principali grossisti e distributori di prodotti Nike in Cina, Europa e Nord America sentiti da Woozle Research, le vendite globali dell'azienda dell’Oregon sarebbero già diminuite del 21% tra metà febbraio e il 10 marzo.
 
I ricavi di Nike avevano raggiunto circa 39,12 miliardi di dollari (35 miliardi di euro) nel corso dell’ultimo esercizio finanziario.
 
“Le persone non vogliono spendere 150 o 200 dollari per un paio di Nike VaporFly in questo momento”, riconosce uno dei grossisti intervistati da George Mosley, principale analista borsistico di Woozle — la società londinese viene coinvolta da aziende come il fondo speculativo Citadel e la socità di private equity KKR per condurre ricerche sulle aziende in cui investono.
 
Secondo le sue dichiarazioni della scorsa settimana, il produttore tedesco di articoli sportivi Adidas, il principale rivale di Nike, prevede che le sue vendite trimestrali diminuiranno di 1 miliardo di euro nella regione della Grande Cina, e che scenderanno di oltre il 10% in tutto il mondo.
 
Nike svelerà i risultati del terzo trimestre la prossima settimana. Il marchio americano non ha ancora risposto alle nostre richieste di commento, tuttavia ha avvertito che l'epidemia ha avuto un impatto sulle sue attività commerciali in Cina.

© Thomson Reuters 2021 All rights reserved.