×
1 543
Fashion Jobs
JENNIFER TATTANELLI
Responsabile Ufficio Prodotto
Tempo Indeterminato · FIRENZE
BALENCIAGA LOGISTICA
Balenciaga - Shoes Costing Specialist
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
GI GROUP SPA - DIVISIONE FASHION & LUXURY
Retail Supervisor Italia/Estero
Tempo Indeterminato · TORINO
GI GROUP SPA - DIVISIONE FASHION & LUXURY
Retail Supervisor Italia/Estero
Tempo Indeterminato · MILANO
GI GROUP SPA - DIVISIONE FASHION & LUXURY
Retail Supervisor Italia/Estero
Tempo Indeterminato · GENOVA
CONFIDENZIALE
Sales Manager Italia
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Responsabile Produzione e Avanzamento Produzione
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Sales Export Manager Usa
Tempo Indeterminato · MILANO
BALENCIAGA LOGISTICA
Balenciaga - Buyer Pellami, Tessuti e Semilavorati Per Pelletteria
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
RANDSTAD ITALIA
Ispettore Controllo Qualità Categoria Kids
Tempo Indeterminato · MILANO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
Retail Director - Palermo
Tempo Indeterminato · PALERMO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
IT Manager
Tempo Indeterminato · PALERMO
PAUL&SHARK
Area Manager Outlet - Centro Sud
Tempo Indeterminato · VARESE
SELECTA
Responsabile Tecnico di Produzione in Outsourcing
Tempo Indeterminato · FIRENZE
MOTIVI
District Manager
Tempo Indeterminato · FIRENZE
NEW GUARDS GROUP HOLDING SPA
Digital Catalogue Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
ADECCO ITALIA SPA
​Retail IT Specialist - Omnichannel
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
CANALI
Senior Analyst Developer
Tempo Indeterminato · SOVICO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Controller Estero - Settore Fashion
Tempo Indeterminato · MODENA
WEAREGOLD
ww Sales Force Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
HR Manager - Palermo
Tempo Indeterminato · PALERMO
ADECCO ITALIA SPA
E-Commerce Specialist
Tempo Indeterminato · TREZZANO SUL NAVIGLIO
Di
APCOM
Pubblicato il
2 feb 2012
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Scarcerato Perna, l'ex patron del colosso della moda IT Holding

Di
APCOM
Pubblicato il
2 feb 2012

Tra le motivazioni alla base dell'annullamento dell'arresto di Tonino Perna, depositate dai giudici del Riesame di Campobasso ci sono accuse che poggiano su "basi debolissime" e su "assunti errati", metodi "sbagliati", intercettazioni che "non dimostrano alcunché", insegnamento della Cassazione che viene "disatteso". L'ex patron del colosso della moda It Holding era stato arrestato il 9 gennaio con l'accusa di bancarotta fraudolenta per aver causato un danno patrimoniale, è la tesi della procura, di oltre 61 milioni di euro. Ma i giudici del Riesame contestano senza mezzi termini il lavoro di procura e gip di Isernia e spiegano, in 14 pagine, i motivi alla base della loro decisione.

IT Holding
La sfilata di uno dei marchi di moda prodotti in passato da It Holding - Foto Reuters

"La misura cautelare - hanno commentato Gian Piero Scarlato, Maria Rosaria Rinaldi e Teresina Pepe - va annullata perché il giudice per le indagini preliminari non ha motivato la persistenza delle esigenze cautelari nonostante il tempo trascorso dai fatti contestati, disattendendo l'insegnamento costante della Suprema Corte".

I giudici vanno oltre: "L'ordinanza ha recepito, in una materia così complessa, le risultanze di una consulenza di parte che, a sua volta, appare evasiva ed incerta soprattutto nella ricerca della documentazione".

Sotto la lente del Tribunale del Riesame finiscono altri passaggi: il primo è la cessione della Icg alla Ittierre Holding per 55 miliardi di lire, un valore questo che secondo l'accusa sarebbe stato irrisorio. Ciò era desumibile - è la tesi della procura - da una mancata valutazione preventiva che accertasse la congruità del valore dell'acquisto, sussistendo solo una perizia successiva alla cessione, perizia caratterizzata da gravi carenze metodologiche.

Una ricostruzione che i giudici di Campobasso bocciano senza mezzi termini: "Questa accusa - hanno detto - secondo la quale per un'operazione del gennaio 1997 sia stata effettuata una perizia solo nel maggio successivo, è falsa. Esisteva infatti una perizia precedente al gennaio 1997, ma nonostante questo veniva accettata integralmente dal gip nella sua ordinanza. La procura di Isernia avrebbe dovuto cercare questa perizia anziché affermare che era successiva e contrastarla nel merito".

Altro passaggio dell'ordinanza riguarda i tempi dell'inchiesta. "La pervicacia di Perna - si legge - consistita nel commettere reati in un arco temporale compreso tra il 1997 e il 2008 per una serie di irregolarità perseguibili d'ufficio, induce il Tribunale a chiedersi dove erano gli inquirenti quando Perna, secondo l'affermazione del gip, delinqueva e commetteva indisturbato una serie di reati". Inoltre, viene contestata la motivazione alla base della decisione di disporre l'arresto in carcere per un incensurato.

Fonte: APCOM