×
1 744
Fashion Jobs
FOURCORNERS
Head of Production
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Site Management Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
MIROGLIO FASHION SRL
E-Commerce Merchandising Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
MIROGLIO FASHION SRL
E-Commerce Store Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
ELENA MIRO'
Head of Merchandising & Buying
Tempo Indeterminato · ALBA
GIFRAB ITALIA S.P.A.
Area Manager - Sicilia
Tempo Indeterminato · PALERMO
PATRIZIA PEPE
Digital Adversiting Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
PATRIZIA PEPE
E-Commerce Buying Specialist
Tempo Indeterminato · FIRENZE
PATRIZIA PEPE
Retail Buying Specialist
Tempo Indeterminato · FIRENZE
PATRIZIA PEPE
Business Controller
Tempo Indeterminato · FIRENZE
CONFIDENZIALE
IT Help-Desk
Tempo Indeterminato · FIRENZE
PATRIZIA PEPE
International Key Account Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CHABERTON PROFESSIONALS
CRM Manager, Fashion Retail
Tempo Indeterminato · MILANO
SKECHERS
Supervisor
Tempo Indeterminato · MILAN
NALI ACCESSORI
Commerciale Estero
Tempo Indeterminato · NAPOLI
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Business Developer- Interior Design Lusso
Tempo Indeterminato · MILANO
OTB S.P.A.
Global Collection Merchandising Manager Rtw ww
Tempo Indeterminato · VICENZA
OTB S.P.A.
Global Collection Merchandising Manager Denim
Tempo Indeterminato · VICENZA
CONFIDENZIALE
HR Business Partner
Tempo Indeterminato · TORINO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Buyer Accessori di Produzione e Lavorazioni
Tempo Indeterminato · PADOVA
CMP CONSULTING
E-Commerce Specialist - Korean Speaking
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta Global Retail Training Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
24 feb 2022
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Scalapay raccoglie 497 milioni di dollari, di cui 215 in aumento di capitale

Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
24 feb 2022

Dopo aver raccolto l'equivalente di 131 milioni di euro lo scorso settembre, lo specialista italiano dello split payment (o pagamento frazionato) annuncia un nuovo aumento di capitale di 497 milioni di dollari (441 milioni di euro), di cui 282 milioni di dollari di debiti. Con l'ambizione di raddoppiare la propria forza lavoro nel 2022, la struttura sfrutta questa raccolta di fondi per lanciare l’offerta "Magic Checkout", che riduce il numero di passaggi necessari per il pagamento.

Scalapay


Questo round di finanziamento è stato guidato da Tencent (società madre della cinese WeChat) e Willoughby Capital, che si sono uniti agli investitori storici Tiger Global, Gangwal, Moore Capital, Deimos e Fasanara Capital.
 
Fondata a Milano da Simone Mancini e Johnny Mitrevski nel 2019, la struttura ha finora raccolto 700 milioni di dollari (622 milioni di euro), e indica di aver triplicato il volume dei pagamenti rispetto alla roundtable svoltasi a settembre.

Posizionato sul segmento del pagamento frazionato, o "buy now pay later" ("compra ora paga dopo"), Scalapay offre pagamenti in tre o quattro rate, o il pagamento completo dopo quattordici giorni. Un'offerta che ha conquistato brand e distributori come Shein, Decathlon, Calzedonia, Morgan, Cache-Cache, Bréal, Moschino, Don't Call Me Jennifer, Samsonite, Nike e Pandora.
 
Inoltre, come detto, Scalapay annuncia il rafforzamento della propria offerta con l'arrivo del "Magic Checkout". Un nuovo percorso che permette di finalizzare un pagamento in pochi click e di stabilire una modalità di pagamento differito per i propri acquisti.

Simone Mancini e Johnny Mitrevski - Scalapay


“Abbiamo rimosso tutti i tradizionali punti deboli del pagamento e affrontato i principali motivi di abbandono del carrello, come l’iscrizione o la connessione, la spedizione, la selezione del metodo di pagamento e i consensi sulla privacy”, spiega Johnny Mitrevski, co-fondatore e CTO di Scalapay. “E questo, nel rispetto delle rigide regole europee DSP2 e RGPD”.
 
Una precisazione che assume il suo pieno significato quando sappiamo che l'Unione Europea intende attuare un giro di vite sull’inquadramento dello split payment. La direttiva europea 2008/48/CE attualmente esclude questi pagamenti dal quadro imposto al credito al consumo. Tuttavia, il legislatore europeo intende rimediare a ciò per contrastare i rischi di sovraindebitamento. “Il vincolo non sarebbe proporzionale al livello di rischio”, ha recentemente indicato a FashionNetwork.com la confederazione delle vendite online Ecommerce Europe.
 
Secondo Mediamétrie, il pagamento differito e il pagamento frazionato sono soluzioni che si rivolgono a marchi e distributori, perché consentono ai venditori online di aumentare i carrelli della spesa. Per Médiamétrie, l'aumento sarebbe in media del +4% per acquisti inferiori a 30 euro e del +17% sopra i 250 euro.

Copyright © 2022 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.