Salvatore Ferragamo si espande in Cina

Salvatore Ferragamo consolida la sua presenza in Cina annunciando l’apertura di un nuovo flagship di 780 metri quadrati di superficie commerciale su 2 livelli all’interno del China World di Pechino. 

Le vetrine del nuovo store di Ferragamo aPechino

La boutique presenta un design fresco e contemporaneo frutto di un deciso restyling voluto dalla maison; a partire della facciata, composta da un pannello in bronzo illuminato da strisce a LED verticali che evocano l’iconico fiocco della scarpa ‘Vara’.
 
Al primo piano sono esposte le collezioni di womenswear della griffe (borse, gioielli, accessori e prêt-à-porter e calzature). Qui, gli arredi in noce con elementi metallici in ottone e acciaio e la tappezzeria in velluto di seta oro e rosa enfatizzano l’atmosfera - femminile - del reparto.
 
Al primo piano, invece, un’ambiente arredato con gusto più maschile, dai pavimenti in legno e marmo ai mobili in noce passando per divani e poltrone in velluto azzurro o color senape, fa da sfondo alle proposte uomo di Ferragamo.
 
All’interno del negozio è infine presenta una VIP room, accessibile esclusivamente tramite ascensore dedicato, pensata per ospitare trunk-show.
 
L’apertura non manca di prestare la giusta attenzione anche al tema della sostenibilità. Il nuovo punto vendita cinese di Ferragamo è infatti certificato LEED Gold, attestato che ne riconosce l’efficienza energetica e idrica, oltre a premiare alcune scelte “green” adottate dall’azienda, per esempio nella selezione dei materiali e nella gestione del cantiere.
 

L'interno del nuovo store Ferragamo

Il grande Paese asiatico si conferma una piazza di primo piano per l’espansione del business di Ferragamo, che nel binomio retail-Asia ha il suo principale driver di crescita.
 
Nell’ultimo trimestre del 2018, i suoi negozi diretti cinesi hanno infatti registrato una progressione delle vendite del 7,6% (+10% a tassi di cambio costanti) sul quarto trimestre del 2017.
 
Nell’ultimo esercizio fiscale, Salvatore Ferragamo ha realizzato la maggior parte dei suoi ricavi proprio nella regione Asia-Pacifico (in testa con il 37,6% sul totale dei ricavi) e attraverso il canale retail, arrivato a rappresentare quasi i 2/3 del fatturato consolidato.

​Al 31 dicembre scorso, la casa di moda fiorentina disponeva di 94 monomarca nella Greater China, di cui 71 a gestione diretta e 23 (inclusi i travel retail) in franchising, su 672 attivi a livello globale.

Copyright © 2019 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.

Lusso - ScarpeLusso - AltroDistribuzione
ISCRIZIONE ALLA NEWSLETTER