×
1 455
Fashion Jobs
keyboard_arrow_left
keyboard_arrow_right

Salone del Mobile al via il 9 aprile con 2.350 espositori e omaggio a Leonardo

Di
APCOM
Pubblicato il
today 14 feb 2019
Tempo di lettura
access_time 2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

La 58esima edizione del Salone del Mobile è in agenda a Milano dal 9 al 14 aprile 2019, nella cornice della Fiera Milano a Rho. "In questo momento di grande successo di Milano, è importante consolidare la capacità attrattiva del Salone del Mobile che offre ai suoi visitatori un'ampia offerta di prodotti e occasioni di relazioni internazionali e opportunità di riflessione sul rapporto tra creatività e impresa", ha detto Claudio Luti, presidente del Salone del Mobile.

La conferenza di presentazione della 58esima del Salone del Mobile


Anno dispari e, come da tradizione, dedicato alle biennali Euroluce e Workplace 3.0. Le aziende espositrici segneranno una presenza liquida in tutta l'area fieristica, riflettendo in modo autentico la trasformazione sociale dell'area di lavoro in spazio flessibile, permeabile e dinamico, aperto alla condivisione professionale e alla contaminazione con altre attività quotidiane.

Sugli oltre 205.000 metri quadrati di superficie netta espositiva saranno 2.350 gli espositori e di questi, 550 i designer del Salone Satellite. Le aziende estere, escluse quelle del Salone Satellite, saranno il 34%. Per Workplace 3.0 saranno oltre 1.300 gli espositori per 149.500 metri quadrati di area; per Euroluce 421 espositori di cui il 48% esteri su oltre 38.100 metri quadrati.

La 58esima edizione sarà anche un omaggio al genio di Leonardo da Vinci, "precursore della relazione tra creativo e imprenditore", lo ha definito Luti, che nel 2019 sarà celebrato dalla città di Milano per il cinquantenario della sua morte. "Il Salone del Mobile”, è stato spiegato, “ha scelto di celebrare Leonardo nel cuore di Milano, presso la Conca dell'Incoronata, con un un'installazione di grande qualità e potere evocativo dedicata al suo genio e ai suoi studi sull'acqua".

L'opera racconterà, tra ragione e incanto, un piccolo frammento del Rinascimento e del futuro di Milano. Per stimolare designer e imprenditori, poi, il Salone realizzerà anche in fiera, presso il padiglione 24, un progetto per celebrare il lascito di Da Vinci alla cultura del progettare e del saper fare, con un'opera capace di raccontare in modo suggestivo il genio rinascimentale e il suo rapporto con il design italiano contemporaneo.

Uno scatto della passata edizione del salone milanese - @salonedelmobileofficial


"La forza del Salone del Mobile di Milano”, ha poi sottolineato il presidente di Federlegno Arredo, Emanuele Orsini, “è strettamente connessa all'unicità della filiera del legno-arredo". Il numero uno dell'associazione ha sottolineato che "è una trama straordinaria quella che lega creatività, ingegno e industria, e che fa del design italiano un punto di forza di importanza strategica per tutto il sistema Italia. E uno dei migliori biglietti da visita che la città di Milano, da sempre capace di interpretare il suo tempo con spirito internazionale, può mostrare al mondo", ha concluso Orsini.

Fonte: APCOM