Saint Laurent ha trovato il suo nuovo logo

Saint Laurent, e basta. Il brand sembra aver trovato in questo modo l'identità visiva che accompagnerà l'annunciato rebranding la cui realizzazione ha sorpreso il mondo della moda alcune settimane fa. Di passaggio a New York per il lancio della collaborazione fra Louis Vuitton e Yayoi Kusama, la stilista inglese Katie Grand – caporedattrice di “Love Magazine” per Condé Nast e collaboratrice di lunga data di Vuitton – ha postato su twitter una foto del pannello che copre la futura boutique di Saint Laurent su Mercer Street a SoHo. Lo stesso emblema figura anche nel ritratto fotografico dedicato a Hedi Slimane dal magazine “Vogue Paris” nel suo nuovo numero di agosto 2012. Contattato dalla nostra redazione, il marchio conferma che si tratta davvero della nuova immagine identitaria delle linee guidate da Hedi Slimane, che svelerà il suo lavoro nell'ottobre prossimo a Parigi.


Il pannello che riveste la futura boutique di Mercer Street, a SoHo
In linea con quanto recentemente annunciato, "Yves" va dunque a scomparire, a vantaggio di "Saint Laurent". Questa citazione grafica, basata sul logo originale della linea di prêt-à-porter Saint Laurent Rive Gauche lanciata nel 1966 dal couturier francese, si potrà trovare su tutte le etichette delle creazioni di Hedi Slimane, oltre che sulle facciate delle future boutique previste dalla maison del Gucci Group.

Questo prossimo flagship americano di Saint Laurent, come ormai bisogna definire il marchio, è stato avviato dalla precedente gestione della casa parigina due anni fa, e si aggiungerà così all'unica boutique YSL a New York, aperta nell’Upper East Side. Ad oggi, non è stata ancora annunciata alcuna data ufficiale d'apertura. I suoi locali sono ancora in stand-by dopo la nomina allo stile di Hedi Slimane nel marzo scorso, perché il nuovo direttore della creazione, al quale già si deve la paternità del marchio "Dior Homme" quando passò allo stile della linea maschile del gruppo Christian Dior (LVMH), secondo la sua nuova mission, deve ridefinire tutto il concept retail di Yves Saint Laurent. Ciò spiega il fatto che la maison abbia messo fra parentesi i vari progetti di aperture annunciati nei suoi ultimi rapporti annuali, a New York, Shanghai e soprattutto a Parigi, dove è attesa sui 900 m² di Avenue Montaigne.


Il logo originale di Saint Laurent Rive Gauche, riprodotto in occasione della retrospettiva del 2011 a Parigi. Foto: Fondazione Pierre Bergé-Yves Saint Laurent

Ma riguardo a questo rétro-branding che sta dividendo il mondo Fashion, s'impone una precisazione: il marchio Yves Saint Laurent non scomparirà totalmente. La casa ha confermato che solo le linee di prêt-à-porter e accessori firmate Hedi Slimane utilizzeranno il nuovo stemma approvato dal management. La ragione sociale della griffe, come pure la sua licenza per i prodotti di bellezza e i profumi gestita da L’Oréal, dovrebbero continuare ad operare sotto il nome completo di Yves Saint Laurent, impreziosite da uno dei loghi più evocativi della storia del lusso, creato dall'illustratore Cassandre nel 1963.

Florent Gilles (Versione italiana di Gianluca Bolelli)

Copyright © 2019 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.

Lusso - AltroPeople
ISCRIZIONE ALLA NEWSLETTER