×
1 462
Fashion Jobs
QUANTA PROFESSIONALS
Sales Analyst
Tempo Indeterminato · MILANO
EXPERIS S.R.L.
Area Manager Retail Sicilia
Tempo Indeterminato · CATANIA
DIEGO M
Product Developer Con Ottimo Inglese
Tempo Indeterminato · CASTELNUOVO DEL GARDA
CAMICISSIMA
Merchandiser Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
ALEGRI TRADE
Impiegato Ufficio Vendite
Tempo Indeterminato · PRATO
CONFIDENZIALE
Csr Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Digital & Ecommerce Professional
Tempo Indeterminato · MILANO
RETAIL SEARCH SRL
Finance Business Controller
Tempo Indeterminato · VARESE
CONFIDENZIALE
Area Manager Centro Sud
Tempo Indeterminato · ROMA
CONFIDENZIALE
Sales Manager - Fidenza Outlet
Tempo Indeterminato · FIDENZA
EXPERIS S.R.L.
Account Manager Beni di Lusso
Tempo Indeterminato · VICENZA
G COMMERCE EUROPE S.P.A.
Gucci Emea Emarketing & Analytics Manager
Tempo Indeterminato ·
AFS INTERNATIONAL SRL
Export Sales Manager
Tempo Indeterminato · POMPEI
EXPERIS S.R.L.
Area Manager Retail Puglia
Tempo Indeterminato · BARI
EXPERIS S.R.L.
Area Manager Piemonte
Tempo Indeterminato · TORINO
TRUSSARDI
Product Manager Leggero
Tempo Indeterminato · MILANO
TRUSSARDI
Senior Product Manager Knitwear
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
International Sales Manager
Tempo Indeterminato · NAPOLI
CONFIDENZIALE
Responsabile Commerciale Italia/Estero
Tempo Indeterminato · PESCARA
BENETTON GROUP SRL
Area Manager Centro - Franchising
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
MANPOWER GROUP
Area Manager Toscana
Tempo Indeterminato · FIRENZE
GUCCIO GUCCI S.P.A.
j&w, Licenses And Décor Digital Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO

Safilo perfeziona l’aumento di capitale da 150 milioni di euro

Pubblicato il
today 29 dic 2018
Tempo di lettura
access_time 2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Il gruppo padovano di occhialeria Safilo, ha comunicato, in una nota datata 28 dicembre, di aver concluso il suo aumento di capitale di 150 milioni di euro, deliberato dall’assemblea straordinaria degli azionisti del 29 ottobre 2018, con “l'offerta in opzione di massime 213.043.881 azioni ordinarie di nuova emissione”, dopo che nella prima tornata della sua offerta aveva raccolto sottoscrizioni per quasi l’81%.

Polaroid è uno dei marchi di proprietà di Safilo - polaroideyewear.com


Al termine del primo periodo di offerta, tenutosi dal 3 dicembre al 17 dicembre scorsi, erano infatti stati esercitati 50.580.195 diritti di opzione, con la sottoscrizione di 171.972.663 nuove azioni, pari a circa l’80,7% del totale, per un controvalore complessivo pari 121.068.754,76 euro.
 
Safilo ha quindi offerto in Borsa i 12.079.770 di diritti di opzione rimasti non esercitati nel periodo di opzione, validi per la sottoscrizione di 41.071.218 nuove azioni, i quali sono risultati interamente venduti il 20 dicembre 2018. Poi, il 28 dicembre sono state sottoscritte 15.877.881 nuove azioni, pari a 4.669.965 diritti inoptati, per un controvalore complessivo pari a 11.178.028,21 euro.

Al termine dell’offerta in Borsa residuano pertanto 25.193.337 nuove azioni, per un controvalore complessivo pari a 17.736.109,25 euro che dovranno essere integralmente sottoscritte e liberate dall’azionista di riferimento Multibrands Italy B.V., società controllata dall’olandese HAL Holding N.V., in conformità all’impegno assunto ai sensi dell’accordo di sottoscrizione siglato lo scorso 26 settembre.
 
Risultato finale, Multibrands detiene adesso 114.724.635 azioni Safilo, pari a circa il 45,8% di quelle in circolazione, e a seguito dell’operazione deterrà una partecipazione pari a circa il 50,7% del capitale sociale di Safilo.
 
Dopo un 2017 concluso con una perdita netta di 251 milioni di euro, il 2018 è stato davvero pesante per Safilo a Piazza Affari: dall’inizio dell’anno il gruppo ha ceduto in Borsa “quasi il 76%, essendo scivolato a poco più di 70 centesimi per azione dai 4,766 euro di fine 2017. Rispetto ai picchi di oltre 67 euro per azione del giugno 2007 il calo è ancora più marcato: -98,95%”, secondo il sito web Gooruf.
 
Un andamento negativo sul quale hanno pesato le incertezze riguardanti i rinnovi delle licenze ancora pendenti e la ridefinizione delle strategie del gruppo dopo la perdita di numerosi accordi di licenza negli anni scorsi, come quelli per Celine o Gucci, con quest’ultimo trasformato in contratto di fornitura, ma anche l’attesa per conoscere “l’esito delle negoziazioni in corso con Dior e col gruppo LVMH” (in particolare per Fendi), e per “verificare l’eventuale rinnovo di altre licenze importanti che scadranno nei prossimi anni, come quella di Boss (che terminerà nel 2020)”, prosegue il sito economico.
 
Sempre nel 2018, ad aprile il secondo produttore mondiale di eyewear ha salutato la CEO Luisa Delgado, ai comandi nel precedente quinquennio, sostituita da Angelo Trocchia.
 
Ma almeno questa fine d’anno è stata foriera di qualche buona notizia per l’azienda veneta, visti i rinnovi anticipati non solo della licenza per produrre gli occhiali sole/vista del brand statunitense Tommy Hilfiger (fino al 2025), ma anche di quella per il marchio brasiliano Havaianas (fino al 2024).

Copyright © 2019 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.