×
1 504
Fashion Jobs
keyboard_arrow_left
keyboard_arrow_right

Safilo e Kering rinnovano l'accordo di fornitura per Gucci

Di
Ansa
Pubblicato il
today 7 ott 2019
Tempo di lettura
access_time 2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Continuano le grandi manovre nel mondo dell'occhialeria tra Italia e Francia. Kering Eyewear e Safilo hanno rinnovato l'accordo per la produzione dell'eyewear Gucci. A inizio settimana le indiscrezioni di un possibile interesse del colosso francese del lusso sul gruppo italiano avevano mosso al rialzo il titolo di Safilo, che ha chiuso la scorsa settimana con un balzo dell'11,85% a 1,15 euro.

@gucci


Di fatto è solo l'ultimo movimento di 'truppe' nel settore lenti e occhiali a cavallo tra i due Paesi. Una direttrice che non solo ha visto nel 2018 l'italiana Luxottica di Leonardo Del Vecchio convolare a nozze con Essilor ma, anche nel 2017, la joint venture in Thelios tra LVMH e Marcolin. Sullo sfondo ci sono le stime degli analisti vedono il settore dell'occhialeria in crescita nei prossimi anni, soprattutto per la fame di lusso (e di vista migliore) di mercati dinamici come Asia e Paesi emergenti.

La partnership triennale tra Kering e Safilo partirà dal gennaio 2021, in continuità col precedente contratto. I due Gruppi hanno spiegato di aver "consolidato un rapporto di fiducia reciproca". Safilo negli ultimi anni ha dovuto affrontare una serie di difficoltà. Tra cui anche il fatto che alla scadenza del contratto con Safilo, a fine 2020, LVMH ha ovviamente deciso di far produrre gli occhiali a marchio Dior a Thelios.

A spingere le speculazioni di un interesse di Kering adesso è anche la presenza dell'ex CEO di Safilo, Roberto Vedovotto, al vertice della divisione Eyewear di Kering. Il gruppo non ha mai nascosto di puntare ad un rafforzamento del comparto occhiali. Per gli analisti di Bernstein l'acquisto di Safilo "avrebbe senso" in quanto la divisione degli occhiali di Kering sta appunto crescendo velocemente e avrebbe tutto l'interesse a rilevare capacità produttiva in Italia. Inoltre per il gruppo francese, che capitalizza 55 miliardi di euro, non si tratterebbe di una spesa particolarmente onerosa, dato che in Borsa la società veneta (ma di proprietà del fondo olandese Hal), nonostante i rally degli ultimi giorni, vale 'solo' 317 milioni.

Copyright © 2019 ANSA. All rights reserved.