×
1 121
Fashion Jobs
LUXURY GOODS ITALIA S.P.A
Gucci Stock Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Controller Società Estere
Tempo Indeterminato · MODENA
AZIENDA RETAIL
Area Manager Piemonte & Liguria
Tempo Indeterminato · TORINO
MICHAEL PAGE ITALIA
Wholesale Director Italia - Abbigliamento Femminile
Tempo Indeterminato ·
NEW GUARDS GROUP HOLDING SPA
Senior Production Developer
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Treasury Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENTIEL
Ecommerce Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta Human Resources Manager - Corporate & Business Functions
Tempo Indeterminato · MILANO
JIMMY CHOO
Costing Manager
Tempo Indeterminato · CHIESINA UZZANESE
CONFEZIONI GIOIELLI SPA
Buyer
Tempo Indeterminato · PRATO
BIJOU BRIGITTE S.R.L.
Direttore di Zona (m/f)
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Senior Controller
Tempo Indeterminato · MILANO
BALENCIAGA LOGISTICA S.R.L.
Balenciaga - Rtw Purchasing & Procurement Coordinator
Tempo Indeterminato · NOVARA
PATRIZIA PEPE
Back-Office Wholesale Specialist
Tempo Indeterminato · FIRENZE
SAY WOW SRL
Junior Operation Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta ww Merchandise & Retail Planning Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Marketing&Communications Manager
Tempo Indeterminato · MILAN
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Product Compliance Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
MILAAYA EMBROIDERIES
Business Development/Sampling & Production Coordinator
Tempo Indeterminato · MILAN
BENEPIU' SRL
Responsabile Tecnico
Tempo Indeterminato · CARPI
UMANA SPA
HR Administration Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
E-Commerce Operations And Digital Supply Senior Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
Pubblicato il
11 feb 2022
Tempo di lettura
3 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Rossignol Apparel punta a 80 milioni di euro nel 2022/23

Pubblicato il
11 feb 2022

È una crescita impetuosa quella di Rossignol Apparel, la divisione fondata nel 2015 dallo specialista francese dello sci per coordinare il business di abbigliamento, accessori e scarpe, uomo, donna e bambino, da neve o fuori neve. Una vera sfida, come sottolinea il CEO di Rossignol Apparel Alessandro Locatelli, perché nonostante la forza dello storico marchio, non era così facile avere successo in un mercato diverso rispetto a quello delle attrezzature da sci, da sempre core business di Rossignol, perché le dinamiche sono differenti.


Alessandro Locatelli, CEO di Rossignol Apparel


 
“Tutto è bene quel che finisce bene, mi verrebbe da dire. Dalla sua nascita ad oggi, Rossignol Apparel ha moltiplicato per sei volte il suo fatturato, con un CAGR che fino a prima del Covid era pari al 40%. Nel 2020 abbiamo perso circa il 22%, un calo che definirei contenuto visti gli eventi e la chiusura totale degli impianti sciistici. Nel 2021 abbiamo recuperato le posizioni perse e chiuderemo l’anno fiscale in corso a 60 milioni di euro; per il 2022/23 prevediamo di raggiungere gli 80 milioni”, ha spiegato Locatelli a FashionNetwork.com.
 
Tra i primi mercati di Rossignol Apparel ci sono la Francia, chiaramente, il Nord America, e l’Italia. “Abbiamo limitato l’impatto negativo del Covid soprattutto grazie al Nord America, dove le stagioni sciistiche non hanno subito tutte le limitazioni imposte in Europa”, precisa il CEO. “Post pandemia, abbiamo beneficiato della grande voglia che le persone avevano di uscire, di fare esperienze positive e sane; in questo senso, la montagna, in tutte le stagioni, è la risposta perfetta a tali esigenze, perché coniuga vita all’aria aperta, sport e divertimento. Abbiamo lanciato un nuovo ‘mood’ di marketing, denominato 'Escaper', in cui tutte queste persone si possano identificare. Il nostro obiettivo è di evolvere da specialista della neve a specialista della montagna, 12 mesi l’anno; in questo modo, si aprono per noi nuove e importanti opportunità”.
 

Rossignol Apparel


Infatti, se il giro d’affari di Rossignol Apparel è rappresentato ancora oggi per circa il 50% dall’abbigliamento da sci, il 15% è realizzato con le proposte estive, il 10% dalle calzature, il 10% dalla parte più lifestyle e il 5% dalle collezioni junior; uomo e donna realizzano vendite omogenee.

Molto importante per la società è anche il canale DTC (Direct-To-Consumer), che include store monomarca ed e-commerce e pesa oggi per il 40% sul fatturato totale. “Oggi abbiamo 42 negozi a insegna Rossignol, in location prestigiose come New York, Aspen, Prigi e Chamonix, tra cui alcuni outlet, come quelli italiani a Serravalle e Udine. L’e-commerce durante la pandemia è davvero esploso e continuiamo a mantenere dei buoni ritmi”, aggiunge Locatelli.
 
Sul fronte prodotto, Rossignol ha recentemente lanciato un nuovo modello di doposci, denominato Apres Podium e andato velocemente sold out, che si ispira alle calzature che i campioni di sci indossano una volta tolti gli scarponi per salire sul podio: doposci facili e veloci da indossare, dunque, oltre che comodi, caldi e con un ottimo grip neve.
 

Rossignol Apparel


“La tecnologia oggi ci aiuta molto, noi ad esempio utilizziamo come materiale isolante esclusivamente il Primaloft, che è molto leggero, riscalda in modo immediato e asciuga rapidamente, oltre a essere riciclato e quindi sostenibile”, conclude il CEO. “Continuiamo inoltre a portare avanti le nostre collaborazioni con brand prestigiosi, come Balmain o Tommy Hilfiger, con cui abbiamo lavorato per un paio d’anni, oltre a quella storica con Jean-Charles de Castelbajac”.

Copyright © 2022 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.