×
1 275
Fashion Jobs
LUXURY GOODS ITALIA S.P.A
Gucci Stock Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Controller Società Estere
Tempo Indeterminato · MODENA
AZIENDA RETAIL
Area Manager Piemonte & Liguria
Tempo Indeterminato · TORINO
MICHAEL PAGE ITALIA
Wholesale Director Italia - Abbigliamento Femminile
Tempo Indeterminato ·
NEW GUARDS GROUP HOLDING SPA
Senior Production Developer
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Treasury Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENTIEL
Ecommerce Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta Human Resources Manager - Corporate & Business Functions
Tempo Indeterminato · MILANO
JIMMY CHOO
Costing Manager
Tempo Indeterminato · CHIESINA UZZANESE
CONFEZIONI GIOIELLI SPA
Buyer
Tempo Indeterminato · PRATO
BIJOU BRIGITTE S.R.L.
Direttore di Zona (m/f)
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Senior Controller
Tempo Indeterminato · MILANO
BALENCIAGA LOGISTICA S.R.L.
Balenciaga - Rtw Purchasing & Procurement Coordinator
Tempo Indeterminato · NOVARA
PATRIZIA PEPE
Back-Office Wholesale Specialist
Tempo Indeterminato · FIRENZE
SAY WOW SRL
Junior Operation Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta ww Merchandise & Retail Planning Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Marketing&Communications Manager
Tempo Indeterminato · MILAN
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Product Compliance Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
MILAAYA EMBROIDERIES
Business Development/Sampling & Production Coordinator
Tempo Indeterminato · MILAN
BENEPIU' SRL
Responsabile Tecnico
Tempo Indeterminato · CARPI
UMANA SPA
HR Administration Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
E-Commerce Operations And Digital Supply Senior Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
Pubblicato il
15 gen 2014
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Ritocchi al contrario: un fenomeno che comincia a far parlare di sé

Pubblicato il
15 gen 2014

“Ingrassare” le modelle per nascondere gli effetti collaterali dell'estrema magrezza: una sociologa americana lancia in Gran Bretagna la polemica denunciando il settore della moda, che nasconde gli effetti della sua dipendenza dalla magrezza delle modelle. Professore di sociologia all’Occidental College e autrice del libro “Sociological Images”, Lisa Wade ha pubblicato due immagini comparative che mostrano delle forme «rinforzate».

La foto scelta nel magazine "Numéro" da Lisa Wade


Guance riempite, ventre e fianchi arrotondati, pelli più polpose… Se i ritocchi dimagranti dei brand e delle riviste di moda sono ben noti, questa tendenza all'ingrassamento delle figure lo è meno. E l'articolo di Lisa Wade ha è stato subito ripreso dalla stampa anglosassone e dai social network.

Il “DailyMail” aveva già pubblicato quello che resterà un articolo di riferimento sull'argomento. Lo scritto è opera di Leah Hardy, ex giornalista di “Cosmo”, e cita numerosi attori della moda e della stampa che hanno fatto ricorso al procedimento. Dal creatore del marchio Boden ai giornalisti Jan Druker di “Healthy Magazine” e Alexandra Shulman di “Vogue UK”. Passando poi per il direttore creativo di questa stessa rivista, Robin Derrick, che rivela di aver trascorso dieci anni a rendere più magre le modelle, prima di passare i dieci seguenti a farle più grosse. Leah Hardy confessa di aver partecipato al fenomeno quando alcune modelle assunte per le loro curve e la loro pelle magnifica all'atto pratico si sono rivelate scheletriche e vittima dell'acne.

La dimostrazione di Lisa Wade ha scatenato forti reazioni negli Stati Uniti, dove la questione del sovrappeso è al centro di numerose polemiche. Da qui l'emozione suscitata dalle proposte della direzione di Abercrombie & Fitch sulle clienti che superino una certa taglia. O ancora dalle dichiarazioni del fondatore di Lululemon, per il quale una serie di pantaloni per lo yoga non era trasparente a causa di un difetto di produzione, ma a causa delle clienti troppo carnose.

Lo scorso settembre, “Vogue UK” si è distinto per proporre gratuitamente nelle scuole un documentario che mostra la vera e propria “fabbricazione” di una foto della moda, con i tantissimi ritocchi che comporta. L'obiettivo dichiarato è quello di prevenire qualsiasi complesso fra gli adolescenti britannici.

Un anno prima, Israele è stata la prima nazione al mondo a vietare le immagini di modelle molto magre nelle pubblicità. Alcuni mesi prima, i parlamentari britannici si sono occupati dello stesso argomento, senza però approdare ad alcuna decisione concreta.

Matthieu Guinebault (Versione italiana di Gianluca Bolelli)

Copyright © 2022 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.