×
1 539
Fashion Jobs
ANONIMA
E-Commerce Specialist
Tempo Indeterminato · AREZZO
RETAIL SEARCH SRL
Business Analyst Omnicanale/Mondo Lusso
Tempo Indeterminato · COMO
CONFIDENTIAL
District Manager Estero
Tempo Indeterminato · NAPOLI
CAMICISSIMA
Magento Specialist 2.4
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Real Estate Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci- Corporate Image Department Director
Tempo Indeterminato · MILANO
SETTORE BELLEZZA
CRM Specialist (Sede Origgio)
Tempo Indeterminato · ORIGGIO
247 SHOWROOM
Regional Account Manager East Europe
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Responsabile Tecnico Qualità
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Europe Man Rtw Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
FACTORY SRL
Responsabile di Linea Maglieria
Tempo Indeterminato · FUCECCHIO
AZIENDA LEADER NEL SETTORE LUXURY GOODS
Global Retail CRM Analyst
Tempo Indeterminato · MILANO
CAMICISSIMA
Espansionista Commerciale
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Responsabile Manovia Montaggio
Tempo Indeterminato · FIESSO D'ARTICO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Global Client Data Visualization Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CMP CONSULTING
E-Commerce e Marketplace Specialist
Tempo Indeterminato · SAN GIOVANNI LA PUNTA
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Commerciale - Accessori e Minuterie - Settore Moda
Tempo Indeterminato · PADOVA
RETAIL SEARCH SRL
Back Office Commerciale - Customer Service Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Customer Engagement Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci HR Control Project Lead & Analyst
Tempo Indeterminato ·
RANDSTAD ITALIA
Operation Manager/Director
Tempo Indeterminato · MILANO
MICHELE FRANZESE LUXURY SRL
Gestione Ordini Marketplace
Tempo Indeterminato · NAPOLI
Di
Adnkronos
Pubblicato il
24 lug 2021
Tempo di lettura
5 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Riparte il risiko moda: da Armani a Prada, i big che resistono alle mani estere

Di
Adnkronos
Pubblicato il
24 lug 2021

Tutti ci invidiano e tutti ci vogliono. Ma c'è chi resiste e continua a dire 'no' alle lusinghe dell'estero. Mentre si allungano le mani sul Made in Italy nel risiko dei brand del lusso che finiscono oltre i confini italiani, come Etro, l'ultimo dei marchi tricolore che ha trovato un acquirente in L Catterton, la maggior società di private equity globale legata a Lvmh, diversi nomi del lusso nostrano resistono - almeno per ora - alle grinfie di acquirenti esteri. In mani italiane restano Prada, Armani, Tod's, Aeffe, Moncler e Brunello Cucinelli, ma anche Diesel, con il patron Renzo Rosso, proprietario del gruppo Otb, che oltre a crescere per linee interne nell'ultimo decennio ha fatto incetta di brand come Marni, Maison Margiela, Viktor & Rolf e, recentemente, Jil Sander.

Show Prada - Adnkronos


Armani nel 2019 ha costituito la sua Fondazione e qualche mese fa ha annunciato un cambiamento di avviso sul futuro dell'azienda, dicendosi disponibile ad alleanze con altre italiane, anche se il mese scorso re Giorgio sembra aver risposto negativamente alla proposta di Exor per una possibile alleanza. Tod's resta indipendente ma rumors continuano a susseguirsi dopo che nei mesi scorsi Lvmh ha aumentato la sua partecipazione dal 3,2% al 10%. Il Gruppo Prada, che nel portafoglio vanta firme come Miu Miu, Car Shoe, Church's e Marchesi 1824 ed è quotato a Hong Kong, vede saldo al timone Patrizio Bertelli e la famiglia di Miuccia Prada, con il figlio Lorenzo, da poco entrato in azienda. Non cedono alle lusinghe anche Dolce&Gabbana, Salvatore Ferragamo (che nonostante le voci ricorrenti ha sempre smentito una potenziale vendita) Moncler di Remo Ruffini, che l'imprenditore ha acquistato nel 2003, mentre Ermenegildo Zegna ha annunciato lunedì scorso la quotazione sulla Borsa di New York tramite una fusione con la spac americana di Investindustrial.

''Sicuramente gli ultimi due anni di convivenza con il Covid hanno messo sotto pressione la liquidità di molti brand”, spiegano all'Adnkronos Filippo Bianchi, managing director e partner di Bcg, e Filippo Prini, project leader di Bcg. “Se marchi supportati da grossi fondi hanno avuto la possibilità di fare leva sulla forza, anche finanziaria, del gruppo, i brand 'stand alone', nella maggior parte dei casi di taglia piccola, hanno sentito maggiormente le conseguenze della crisi, cosa che spiega, seppur parzialmente, il fermento nelle attività M&A attorno a questi brand''. Spesso questi brand 'stand-alone' vengono acquisiti da gruppi esteri e fino ad oggi l'Italia, se non con pochissime eccezioni, non è riuscita a creare un polo di gruppi del lusso come ad esempio è avvenuto in Francia, dove vi sono i due più grandi gruppi del lusso a livello mondiale come Lvmh e Kering o negli Usa con gruppi come Capri Holding.

''L'assetto del gruppo può vantare, per molteplici versi, un chiaro vantaggio competitivo”, sottolineano Bianchi e Prini, “ad esempio quando si contrattano spazi di vendita, anche all'interno di centri commerciali, o in termini di solidità finanziaria e di investimenti nello sviluppo di strategie e-commerce, di omnicanalità e di data and artificial intelligence, ormai divenuti fondamentali per una gestione ottimale dei dati a cui ogni brand ha accesso quotidianamente. Dunque, anche questo fenomeno, spiega l'interessamento di gruppi esteri per le eccellenze italiane che non hanno ancora raggiunto numeri comparabili ai loro, avendo queste fatturati minori di un miliardo di euro''.

Negli anni in mani estere sono finiti diversi brand: il colosso del lusso francese Kering ha acquistato Gucci, Bottega Veneta, Pomellato, Dodo, Brioni e Richard Ginori. Dal 2012 Valentino è passata a Mayhoola Investments e Versace è stata venduta all'americana Capri Holdings Ltd di Michael Kors, senza dimenticare l'altro potente polo francese del lusso, Lvmh di Bernard Arnault, che in una manciata di stagioni ha agguantato Loro Piana, Fendi, Emilio Pucci, Acqua di Parma, e Bulgari. Poi c'è la Cina, che ha fatto suoi brand come Krizia, Mila Schön, Sergio Tacchini, Ferrè e Sergio Rossi, finita di recente nelle mani di Fosun. E ancora realtà come Buccellati (acquistata da Richemont), La Rinascente, passata ai cinesi di Central Retail Corporation, La Perla, venduta agli olandesi di Sapinda.

''Nell'industria moda e lusso”, evidenzia Armando Branchini, strategic advisor parthenon Ey, Fashion, Luxury and Retail, “gli investimenti stranieri sono stati molteplici e rilevanti negli ultimi 30 anni. Si è sempre trattato di aziende italiane con marche famose a livello internazionale e fatturati significativi nei loro rispettivi comparti. Nella stragrande maggioranza dei casi le imprese sono state gestite meglio di prima, a giudicare dalla crescita dei fatturati, della marginalità, degli investimenti, della cura della cultura e dell'heritage individuale, dell'origine made in Italy, delle varie aziende e marche''.

Secondo Branchini sono tre i fattori principali che avvantaggiano i gruppi. ''Gestione affidata a manager selezionati con cura e spesso fatti crescere all'interno”, sottolinea. “Indicazione da parte del vertice del gruppo di obiettivi molto precisi e delega sulle modalità per raggiungerli. Soddisfazione interna del fabbisogno finanziario. In sintesi: una gestione razionale controllata''. Ma anche la capacità di ''coltivare, selezionare ed attrarre i migliori talenti creativi, in tutto il mondo e l'utilizzo della massa critica di gruppo in termini finanziari, di funzioni centrali (Hr e Talent, Consumer Relation, Innovazione Digitale, Esg, …) e delle capacità negoziali nei confronti dei partner commerciali, immobiliari, dei media''. Questi fattori, evidenzia, sono resi possibili grazie ad una divisione dei ruoli, sia pratica sia emotiva.

I proprietari dei grandi gruppi sono investitori e dirigono holding, rimarca Brachini, gli indipendenti sono proprietari di una marca che porta il loro nome. Le holding, ricorda, "non sono solo organismi finanziari, anzi hanno accresciuto negli anni le loro funzioni operative centrali, a supporto dei brand. Ne deriva che la coppia di persone a capo di ogni impresa, il Ceo e il direttore creativo, sono totalmente focalizzati sull'obiettivo di 'creare valore per il consumatore ed il gruppo'''. Questo, fa notare ancora l'esperto, spiega perché alla crescita dei fatturati, della marginalità, degli investimenti, siano state fortemente sviluppate la cura della cultura e dell'heritage individuale, dell'origine made in Italy delle varie aziende e marche.

''Nelle imprese indipendenti l'imprenditore, oltre che della scelta del Ceo e del direttore creativo”, chiosa Brachini, “si deve occupare dei rapporti con gli azionisti, spesso familiari, con le banche, con i grandi retailer, di investimenti e d'innovazione, di politica organizzativa e del personale, di politica fiscale. Se questa, in sintesi, è la rappresentazione del confronto tra imprese italiane indipendenti e non, negli ultimi vent'anni, l'arrivo inaspettato della pandemia speriamo induca alcuni imprenditori ed imprese familiari a rivedere gli approcci tradizionali ed a innovare prima di tutto la cultura d'impresa. E decidere di quotarsi in Borsa, piuttosto che passare la mano''.

Copyright © 2021 AdnKronos. All rights reserved.