×
1 850
Fashion Jobs
SIDLER SA
HR Business Partner / Mendrisio
Tempo Indeterminato · MENDRISIO
SELECTA
Responsabile Tecnico di Produzione in Outsourcing
Tempo Indeterminato · FIRENZE
MOTIVI
District Manager
Tempo Indeterminato · FIRENZE
NEW GUARDS GROUP HOLDING SPA
Digital Catalogue Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
ADECCO ITALIA SPA
​Retail IT Specialist - Omnichannel
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
CANALI
Senior Analyst Developer
Tempo Indeterminato · SOVICO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Controller Estero - Settore Fashion
Tempo Indeterminato · MODENA
WEAREGOLD
ww Sales Force Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
HR Manager - Palermo
Tempo Indeterminato · PALERMO
ADECCO ITALIA SPA
E-Commerce Specialist
Tempo Indeterminato · TREZZANO SUL NAVIGLIO
CAMICISSIMA
Junior Product Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Wholesale Area Manager Area DACH
Tempo Indeterminato · MILANO
BIJOU BRIGITTE S.R.L.
Direttore di Zona (m/f)
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
EUROPRINT SRL
Export Manager
Tempo Indeterminato · OTTAVIANO
SKECHERS RETAIL SWITZERLAND
Retail Area Manager
Tempo Indeterminato · LUGANO
STELLA MCCARTNEY
Rtw Production Planner & Controller
Tempo Indeterminato ·
STELLA MCCARTNEY
Supply Chain Planning Analyst
Tempo Indeterminato · NOVARA
BOGLIOLI S.P.A.
Junior IT Application Manager\Junior IT Data Analyst
Tempo Indeterminato · GAMBARA
RANDSTAD ITALIA
Strategic Policy Manager Categoria Protetta ai Sensi Della lg. 68/99
Tempo Indeterminato · MILANO
WYCON S.P.A
Area Manager Piemonte & Liguria
Tempo Indeterminato · TORINO
BALENCIAGA LOGISTICA S.R.L.
Rtw Purchasing Specialist
Tempo Indeterminato · NOVARA
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
e Commerce Manager- Azienda Luxury
Tempo Indeterminato · MILANO
Di
AFP
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
15 lug 2022
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Richemont: un 1° trimestre in crescita del 20% nonostante la politica zero Covid in Cina

Di
AFP
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
15 lug 2022

Il colosso svizzero del lusso Richemont, proprietario tra gli altri della griffe di gioielli Cartier, ha annunciato venerdì 15 luglio di aver registrato un aumento delle vendite del 20% nel suo primo trimestre scalato, per un totale di oltre 5,2 miliardi di euro, nonostante l'impatto della politica zero Covid in Cina.

Uno degli ultimi modelli di Alaïa, una delle griffe d'alta moda di Richemont - maison-alaia.com


Per questo primo trimestre, dell'esercizio 2022/23, terminato alla fine di giugno,  il gruppo “ha beneficiato della forte domanda di prodotti di lusso nelle Americhe, nel Medio Oriente e in Europa, dove le sue vendite sono aumentate, approfittando della ripresa del turismo”, ha indicato in una nota.

In Europa, dove una quota significativa delle vendite di beni di lusso dipende dalla spesa turistica, le sue vendite sono aumentate del 42%, escludendo gli effetti valutari. Richemont ha persino registrato una crescita a tre cifre percentuali in Francia, specifica il gruppo, che oltre a Cartier possiede anche gli orologi Piaget, Vacheron Constantin e Jaeger-LeCoultre e le case di moda Alaïa, Chloé e AZ Factory.

Le sue vendite sono aumentate del 6% in Medio Oriente, del 25% nelle Americhe e dell'83% in Giappone.

Questa forte domanda per i beni di lusso ha contribuito a compensare il calo in Cina, dove le vendite hanno risentito della chiusura temporanea dei negozi a causa della politica zero Covid. Nel corso del primo trimestre, il fatturato di Richemont in Cina è diminuito del 37% rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso. A giugno la percentuale di ribasso è stata limitata al 12%, visto il graduale allentamento delle restrizioni sanitarie, ha comunque tenuto a precisare il gruppo di Ginevra.

Le restrizioni in Cina, mercato strategico per i produttori di beni di lusso, hanno pesato anche sulle vendite di Richemont a Macao e Hong Kong.

Il giorno prima, il gruppo Swatch, proprietario dei marchi di orologi Omega, Longines e Tissot, aveva segnalato un mancato guadagno per 400 milioni di franchi svizzeri in Cina durante la prima metà del 2022, a causa dei lockdown locali che avevano colpito i suoi punti vendita, ma anche i propri centri di distribuzione.

Copyright © 2022 AFP. Tutti i diritti riservati.