×
1 581
Fashion Jobs
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Leather Goods Merchandising Senior Manager
Tempo Indeterminato ·
DELL'OGLIO
HR Generalist
Tempo Indeterminato · PALERMO
DELL'OGLIO
Senior Fashion Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
C.P. COMPANY
Logistic Specialist
Tempo Indeterminato · MENDRISIO
FOURCORNERS
Area Manager
Tempo Indeterminato · ROMA
AZIENDA DEL SETTORE FASHION & LUXURY
Specialista Amministrazione Del Personale
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Retail Operation Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Buyer Allestimenti Visual - Emporio Armani
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Impiegato/a Commerciale - Accessori e Minuterie - Settore Fashion
Tempo Indeterminato · PADOVA
247 SHOWROOM
Regional Account Manager DACH
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Learning And Development Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA SRL
Bottega Veneta People Engagement And Employer Branding Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
ANONIMA
Allocatore
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Retail Training Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Retail Manager
Tempo Indeterminato · NAPOLI
ANONIMO
Responsabile di Magazzino
Tempo Indeterminato · MILANO
MICHAEL PAGE ITALIA
Head of Communication Per Noto Brand Del Lusso
Tempo Indeterminato ·
BALENCIAGA LOGISTICA S.R.L.
Balenciaga IT Project Leader
Tempo Indeterminato ·
SELTIS HUB SRL
Autista Personale di Presidenza
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Media Marketing Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
E-Commerce Specialist Azienda Fashion
Tempo Indeterminato · GAGGIO MONTANO
FOURCORNERS
Sales Account
Tempo Indeterminato · REGGIO CALABRIA
Di
AFP
Versione italiana di
Laura Galbiati
Pubblicato il
16 ott 2020
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Richemont conferma il programma di remunerazione degli azionisti

Di
AFP
Versione italiana di
Laura Galbiati
Pubblicato il
16 ott 2020

Il colosso svizzero del lusso Richemont, proprietario della maison di gioielleria Cartier, ha confermato il proprio programma di remunerazione degli azionisti, volto a compensare la diminuzione del dividendo.


Chloe - primavera/estate 2021 - sfilate donna - Parigi - © PixelFormula


Il programma è stato adeguato per consentire agli investitori che finora detenevano titoli sotto forma di certificati di deposito di beneficiarne. Richemont potrà così riprendere il suo piano di emissione di warrant negoziabili.
 
A fronte della crisi economica causata dalla pandemia, Richemont aveva deciso a marzo di dimezzare i dividendi, con l’obiettivo di preservare le liquidità. Il gruppo aveva proposto di abbassarli a 1 franco svizzero (0,93 euro) per azione per l’esercizio appena concluso, rispetto ai due franchi svizzeri dell’anno precedente. Ma aveva anche annunciato di voler studiare la possibilità di avviare un programma di fidelizzazione dei suoi azionisti per compensare tale diminuzione.

Ad agosto, la società ha dichiarato l’intenzione di proporre agli azionisti dei warrant negoziabili, dando loro la possibilità di acquistare delle azioni entro tre anni a prezzi “potenzialmente vantaggiosi”. In seguito, però, ha dovuto temporaneamente sospendere questo programma per tener conto delle specificità degli investitori che detenevano fino ad oggi dei titoli sotto forma di certificati di deposito in Africa del Sud, Paese di origine del gruppo.
 
Il programma dovrà essere validato dagli azionisti il prossimo 17 novembre, in occasione di un’assemblea generale straordinaria che si svolgerà a distanza a causa della pandemia, tramite il voto per delega.
 
Basata a Ginevra, la società svizzera è stata creata nel 1988 in seguito alla scissione del gruppo sudafricano Rembrandt, che ha consentito all’uomo d’affari sudafricano Anton Rupert di diversificare la propria fortuna, incentrata prevalentemente sul tabacco.
 
Oltre a Cartier, Richemont possiede la griffe di gioielli Van Cleef & Arpels e diversi marchi di orologi di lusso, tra cui Piaget e IWC, e brand di moda, come maison Chloé. Il gruppo ha visto le proprie vendite erose dalla crisi sanitaria, a causa della chiusura dei negozi e del crollo del turismo, da cui il settore del lusso dipende in modo importante. Tra aprile e fine giugno, il fatturato trimestrale è calato del 47%.

Copyright © 2021 AFP. Tutti i diritti riservati.