×
1 757
Fashion Jobs
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Website Analytics Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
247 SHOWROOM
Supply Chian & Logistic Operator
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Brand Manager Sneakers
Tempo Indeterminato · COLDRERIO
CI MODA SRL/COMPAGNIA ITALIANA
Resp. Amministrativo
Tempo Indeterminato · GUIDONIA MONTECELIO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
Area Manager - Sicilia
Tempo Indeterminato · PALERMO
SKECHERS
Supervisor
Tempo Indeterminato · MILAN
TALLY WEIJL
Merchandise Planner
Tempo Indeterminato · MILANO
ALANUI
Product Back-Office Assistant
Tempo Indeterminato · MILANO
NEW GUARDS GROUP HOLDING SPA
Design Consultant, Slgs
Tempo Indeterminato · MILANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Sportswear Merchandising Coordinator
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Technical Textile Production Manager – 271.Adv.21
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
HUGO BOSS
Sales Area Manager - Wholesale
Tempo Indeterminato · MILANO
ASCOLI HFD SRL
Impiegato Ufficio Acquisti e Gestione Cliente
Tempo Indeterminato · MILANO
HUGO BOSS
Construction Junior Project Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
NEIL BARRETT
Menswear Product Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Omnichannel Technology Analyst
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Digital Project Manager
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
MOTIVI
Head of Merchandising
Tempo Indeterminato · ALBA
RUBENS LUCIANO S.P.A.
IT Manager
Tempo Indeterminato · STRA
BLUDUE
Responsabile Prodotto e Produzione
Tempo Indeterminato · NAPOLI
CHABERTON PROFESSIONALS
Global Retail Planner, Fashion Premium Luxury
Tempo Indeterminato · MILANO
P448
Area Manager Italia
Tempo Indeterminato · MILANO
Di
AFP
Versione italiana di
Laura Galbiati
Pubblicato il
16 ott 2020
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Richemont conferma il programma di remunerazione degli azionisti

Di
AFP
Versione italiana di
Laura Galbiati
Pubblicato il
16 ott 2020

Il colosso svizzero del lusso Richemont, proprietario della maison di gioielleria Cartier, ha confermato il proprio programma di remunerazione degli azionisti, volto a compensare la diminuzione del dividendo.


Chloe - primavera/estate 2021 - sfilate donna - Parigi - © PixelFormula


Il programma è stato adeguato per consentire agli investitori che finora detenevano titoli sotto forma di certificati di deposito di beneficiarne. Richemont potrà così riprendere il suo piano di emissione di warrant negoziabili.
 
A fronte della crisi economica causata dalla pandemia, Richemont aveva deciso a marzo di dimezzare i dividendi, con l’obiettivo di preservare le liquidità. Il gruppo aveva proposto di abbassarli a 1 franco svizzero (0,93 euro) per azione per l’esercizio appena concluso, rispetto ai due franchi svizzeri dell’anno precedente. Ma aveva anche annunciato di voler studiare la possibilità di avviare un programma di fidelizzazione dei suoi azionisti per compensare tale diminuzione.

Ad agosto, la società ha dichiarato l’intenzione di proporre agli azionisti dei warrant negoziabili, dando loro la possibilità di acquistare delle azioni entro tre anni a prezzi “potenzialmente vantaggiosi”. In seguito, però, ha dovuto temporaneamente sospendere questo programma per tener conto delle specificità degli investitori che detenevano fino ad oggi dei titoli sotto forma di certificati di deposito in Africa del Sud, Paese di origine del gruppo.
 
Il programma dovrà essere validato dagli azionisti il prossimo 17 novembre, in occasione di un’assemblea generale straordinaria che si svolgerà a distanza a causa della pandemia, tramite il voto per delega.
 
Basata a Ginevra, la società svizzera è stata creata nel 1988 in seguito alla scissione del gruppo sudafricano Rembrandt, che ha consentito all’uomo d’affari sudafricano Anton Rupert di diversificare la propria fortuna, incentrata prevalentemente sul tabacco.
 
Oltre a Cartier, Richemont possiede la griffe di gioielli Van Cleef & Arpels e diversi marchi di orologi di lusso, tra cui Piaget e IWC, e brand di moda, come maison Chloé. Il gruppo ha visto le proprie vendite erose dalla crisi sanitaria, a causa della chiusura dei negozi e del crollo del turismo, da cui il settore del lusso dipende in modo importante. Tra aprile e fine giugno, il fatturato trimestrale è calato del 47%.

Copyright © 2022 AFP. Tutti i diritti riservati.