×
1 520
Fashion Jobs
keyboard_arrow_left
keyboard_arrow_right

Richard Ginori raggiunge 25 nuovi Paesi europei con il suo e-commerce

Pubblicato il
today 28 nov 2018
Tempo di lettura
access_time 2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

È una marcia spedita e senza sosta quella della Richard Ginori alla conquista dei consumatori digitali del Vecchio Continente: dopo solo 8 mesi dell’esordio della sua boutique online, avvenuto lo scorso aprile in Italia e a cui hanno fatto seguito i lanci in UK e Francia, la manifattura di porcellane artistiche ha annunciato il 28 novembre che il suo sito di e-commerce sarà attivo in 25 nuovi Paesi europei.

I Paesi europei in cui è presente Richard Ginori tramite la sua boutique online


La distribuzione delle collezioni Richard Ginori raggiunge ora anche Austria, Belgio, Bulgaria, Cipro, Croazia, Danimarca, Estonia, Finlandia, Germania, Grecia, Irlanda, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Repubblica Ceca, Romania, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia e Ungheria. 

La piattaforma web, navigabile sia da desktop che da mobile, serve complessivamente 28 Paesi europei, offrendo il servizio di personalizzazione dell’oggettistica della linea “Totem”, oltre alla possibilità di scegliere tra alcune delle collezioni di punta della Richard Ginori come “Volière”; “Oriente Italiano”; “Catene”; “Labirinto”; “Vecchio Ginori”; “Antico Doccia”; “Oro di Doccia”; “Arte”; “Babele”. 

Oggi, gli investimenti nel digitale rappresentano una colonna portante della strategia di crescita di qualsiasi marchio dell’alto di gamma. In questo quadro si inserisce la mossa della manifattura di Sesto Fiorentino, che punta a sviluppare a livello internazionale la sua piattaforma di e-commerce in quanto rappresenta il suo canale di vendita a più rapida crescita.
 
La stessa proprietaria di Richard Ginori, la francese Kering (che l’ha rilevata nel 2013), sta ponendo sempre maggiore attenzione al mondo dell’online, che nel primo semestre dell’anno ha inciso per il 6% sulle vendite consolidate. Inoltre, il gruppo del lusso guidato dal magnate figlio d’arte François-Henri Pinault ha da poco annunciato che dal primo semestre 2020 gestirà internamente le attività di commercio elettronico dei propri marchi, fino ad ora in mano alla joint-venture con YNAP.
 
Il mondo del web è infine il luogo prediletto dalle nuove generazioni, target a cui vuole avvicinarsi lo storico produttore fiorentino con un approccio customer-oriented, che coniuga una nuova creatività con un rispetto dell’heritage e del DNA del marchio. 

Copyright © 2019 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.