×
1 394
Fashion Jobs
keyboard_arrow_left
keyboard_arrow_right

Richard Ginori debutta al Salone del Mobile.Milano Shanghai

Pubblicato il
today 21 nov 2018
Tempo di lettura
access_time 2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Dopo Mosca è la volta di Shanghai per la manifattura fiorentina di porcellane artistiche Richard Ginori, che fa il suo debutto nella tappa asiatica del Salone del Mobile, in programma dal 22 al 24 novembre all’interno del SEC (Shanghai Exhibition Center), insieme ad altri 120 brand italiani di design e arredo.

Lo stand di Richard Ginori al Salone del Mobile Milano.Shaghai


Un importante momento di business per “entrare in contatto diretto con clienti, giornalisti e operatori della Cina e di tutta l’Asia, promuovendo così il percorso di penetrazione del mercato cinese e lo sviluppo del brand a livello internazionale”, fanno sapere dell’azienda, che nel 2013 è entrata nell’orbita del gruppo del lusso francese Kering.

Per l’occasione, Richard Ginori espone una selezione delle collezioni ispirate a Giò Ponti, l'archi-designer che detenne la direzione creativa della manifattura dal 1923 al 1933, fra cui “Catene” e “Labirinto”, oltre alle serie “Oriente Italiano” e “Totem”, con nuovi oggetti personalizzabili.

Richard Ginori è presente nel grande Paese asiatico in selezionati department store e rivenditori multimarca di alto livello, fra cui spicca il Tiamantti a Shanghai. “La Cina è un’area di grande interesse, caratterizzata da un’economia guida per lo sviluppo dell’intera Asia. Il nostro obiettivo è quello di mettere in primo piano la qualità e la creatività di Richard Ginori in un mercato in grande crescita come quello cinese”, ha commentato Giovanni Giunchedi, presidente e amministratore delegato di Richard Ginori. 
 
Giunto alla sua terza edizione, il Salone del Mobile.Milano Shanghai rappresenta una vetrina unica per le aziende italiane del comparto, che nel 2017 hanno registrato un incremento delle esportazioni verso la Cina del 42%.

Copyright © 2019 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.