×
1 198
Fashion Jobs
DOLCE & GABBANA
Sales Manager - Milano
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
E-Commerce Operations And Digital Supply Senior Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENCIAL
Cost Controller - Milano
Tempo Indeterminato · MILANO
EDAS
Commerciale/Export
Tempo Indeterminato · ROMA
THE ATTICO SRL
HR Controller & Administration Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta Ecommerce Business Analyst
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Senior Graphic Designer & Art Director - Jewelry Sector
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Buyer Rtw Donna Linea Giorgio Armani
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Export Manager - Design Luxury
Tempo Indeterminato · MONZA
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Project Manager Produzione Rtw - Azienda Luxury
Tempo Indeterminato · NOVARA
MICHELE FRANZESE LUXURY SRL
E-Commerce Manager
Tempo Indeterminato · CARINARO
RANDSTAD ITALIA
Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
UMANA SPA
Industrializzatore e Production Planner
Tempo Indeterminato · VALEGGIO SUL MINCIO
BITTO SRL
Tecnico di Confezione
Tempo Indeterminato · RHO
RANDSTAD ITALIA
Ispettore Controllo Qualità Abbigliamento Sportswear
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Area Manager Estero Emporio Armani Bodywear
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENTIEL
Ecommerce Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Ecommerce Visual Shooting Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
RETAIL SEARCH SRL
IT Support Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
District Manager
Tempo Indeterminato · TOSCANA/EMILIA ROMAGNA/LAZIO
NEGRI FIRMAN PR & COMMUNICATION
Event Director
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Retail Operation Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
Pubblicato il
9 nov 2022
Tempo di lettura
3 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Renzo Rosso (OTB): “Bisogna aiutare le piccole imprese della moda, non necessariamente acquisirle”

Pubblicato il
9 nov 2022

Nel corso del suo intervento durante l’annuale Fashion Summit Pambianco-PwC, il patron di OTB Renzo Rosso non ha mancato di tirare una frecciatina, per usare un eufemismo, all’indirizzo dei grandi gruppi e griffe che dall’estero vengono a “fare acquisti” nella filiera produttiva italiana della moda.
 

Renzo Rosso al Fashion Summit Pambianco-PwC - Photo: FNW/Laura Galbiati


“A nostro avviso, le piccole imprese e i laboratori artigianali vanno supportati in altro modo. Noi lavoriamo con una miriade di piccolissime realtà, con le quali abbiamo creato dei legami molto stretti, fornendo loro formazione, un supporto tecnologico che una micro impresa non può permettersi, tutti gli strumenti necessari per puntare alla sostenibilità, che è molto complessa e costosa, fino al supporto finanziario tramite il nostro programma Cash, che ha tassi di gran lunga inferiori rispetto a quelli delle banche”, ha spiegato Rosso. “Piuttosto che acquisire un’azienda, preferisco aiutarla in questo modo, mantenendo al comando gli imprenditori che l’hanno creata, con il loro lavoro e la loro passione”.
 
L’imprenditore ha poi sottolineato le dimensioni e la composizione del gruppo OTB, non senza un giusto orgoglio e una piccola nota polemica: “Non capisco quando leggo che in Italia non c’è un grande gruppo del fashion. Noi siamo un gruppo vero e proprio, che ha centralizzato tutte le funzioni per fare sinergia ed è costruito in modo da dare il massimo supporto alle aziende che lo compongono, in termini di servizi e consulenza. Nel 2021 abbiamo realizzato un fatturato di 1,5 miliardi di euro e quest’anno arriveremo a 1,8 miliardi. Puntiamo sempre più in alto: a parte Diesel, tutti gli altri sono brand del lusso, alcuni dei quali crescono a ritmi del 30/40% anno su anno. Il comparto luxury sta andando bene, ma abbiamo bisogno anche della riapertura della Cina, che nei prossimi anni arriverà a rappresentare il 50/55% delle vendite di lusso”.

Capitolo a parte per Diesel, che Rosso definisce “uno dei 7/8 brand più ricercati al mondo in questo momento. Negli ultimi due o tre anni abbiamo fatto una cosa che in molti hanno paura di fare: abbiamo tagliato circa 400 milioni di fatturato per posizionare il marchio verso l’alto. C’è ancora molto lavoro da fare, ma un volta finito Diesel sarà un’azienda incredibile, in grado di fatturare nell’ordine dei miliardi di euro; voglio che diventi un’alternativa al lusso, un vero casual del lusso”.
 
Sul fronte sostenibilità, l’imprenditore ha raccontato che dopo Diesel anche tutti gli altri brand del gruppo inizieranno a introdurre capi dotati di RFID per garantire al cliente la massima tracciabilità. Per quanto riguarda, invece, il canale online, Rosso (che è stato uno dei primi soci di Yoox) ha ricordato come Diesel sia stato il primo marchio in Europa ad aprire il proprio e-commerce nel 1996: “Vendevamo 16 paia di jeans al giorno”, rammenta sorridendo, “Oggi non si può più fare a meno della dimensione digitale, che diventerà sempre più grande ma continuerà a viaggiare parallelamente all’universo fisico”.
 
Sul fatto che il gruppo OTB possa in futuro aprirsi anche ad altri settori, Rosso ha commentato: “Ci stiamo provando con l’occhialeria e mi piacerebbe il beauty, che però è un mondo molto complesso. Con la nostra holding di famiglia Red Circle sto seguendo molto progetti, sono affascinato dal mondo dell’hotellerie, del vino e del food organico. Il mio obiettivo per il futuro è che tutto ciò possa un domani convergere in un’unica holding”. E in merito a una possibile quotazione in Borsa della sua società, l’imprenditore anticipa: “Sicuramente stiamo lavorando per una futura quotazione, anche per supportare il passaggio generazionale e aiutare la famiglia a gestire tutte queste aziende, non è per niente facile”.

Copyright © 2022 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.