×
1 122
Fashion Jobs
LUXURY GOODS ITALIA S.P.A
Gucci Stock Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Controller Società Estere
Tempo Indeterminato · MODENA
AZIENDA RETAIL
Area Manager Piemonte & Liguria
Tempo Indeterminato · TORINO
MICHAEL PAGE ITALIA
Wholesale Director Italia - Abbigliamento Femminile
Tempo Indeterminato ·
NEW GUARDS GROUP HOLDING SPA
Senior Production Developer
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Treasury Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENTIEL
Ecommerce Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta Human Resources Manager - Corporate & Business Functions
Tempo Indeterminato · MILANO
JIMMY CHOO
Costing Manager
Tempo Indeterminato · CHIESINA UZZANESE
CONFEZIONI GIOIELLI SPA
Buyer
Tempo Indeterminato · PRATO
BIJOU BRIGITTE S.R.L.
Direttore di Zona (m/f)
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Senior Controller
Tempo Indeterminato · MILANO
BALENCIAGA LOGISTICA S.R.L.
Balenciaga - Rtw Purchasing & Procurement Coordinator
Tempo Indeterminato · NOVARA
PATRIZIA PEPE
Back-Office Wholesale Specialist
Tempo Indeterminato · FIRENZE
SAY WOW SRL
Junior Operation Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta ww Merchandise & Retail Planning Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Marketing&Communications Manager
Tempo Indeterminato · MILAN
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Product Compliance Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
MILAAYA EMBROIDERIES
Business Development/Sampling & Production Coordinator
Tempo Indeterminato · MILAN
BENEPIU' SRL
Responsabile Tecnico
Tempo Indeterminato · CARPI
UMANA SPA
HR Administration Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
E-Commerce Operations And Digital Supply Senior Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
13 ott 2020
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Reliance non comprerà Debenhams, che potrebbe perdere il negozio di Oxford Street

Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
13 ott 2020

L'elenco dei potenziali candidati per l'acquisizione di Debenhams si riduce: Reliance Retail ha gettato la spugna. Reliance, gruppo controllato dall’uomo più ricco d’India, era considerato dal mese scorso come uno dei favoriti nella corsa all'acquisto del colosso britannico dei grandi magazzini, che sta sperimentando grosse difficoltà. All'epoca, le voci sulla sua candidatura avevano sorpreso e fatto sensazione.

Photo: Sandra Halliday


Ma il quotidiano britannico The Times, che cita una fonte vicina al dossier, indica che Reliance non è più coinvolto nell’operazione, pur specificando che “diverse parti” sono ancora interessate all'asta per assicurarsi il gruppo britannico.
 
La società Debenhams aveva chiesto di essere posta in una procedura di amministrazione controllata più “snella” in aprile, durante il lockdown nel Regno Unito. Ma l'uscita da questo regime si è rivelata più difficile del previsto, perché le presenze nei negozi al dettaglio restano alquanto basse oltremanica.

La catena Debenhams è attualmente di proprietà di un pool dei suoi creditori, compresi degli hedge fund statunitensi e alcune banche. Se il processo di vendita fallirà e la società dovrà essere liquidata, Hilco Capital è stata incaricata di guidare la procedura.
 
Queste notizie piuttosto cupe vengono affiancate da due punti incoraggianti: da un lato, l'azienda ha registrato negli ultimi mesi un'attività commerciale migliore del previsto (anche se la situazione resta difficile) e dall’altro il suo status di azienda in fallimento le consentirebbe, in caso di acquisizione da parte di un nuovo proprietario, di abbandonare i suoi negozi non redditizi secondo un processo relativamente semplice.
 
L'azienda ha già chiuso numerosi negozi e così alcuni suoi concorrenti di successo, come Next, ne hanno approfittato per impadronirsi dei locali lasciati vacanti. Inoltre, la società britannica potrebbe essere costretta ad abbandonare alcune delle sue location più quotate.
 
Il Times indica che tra queste location potrebbe essere compreso il flagship su Oxford Street, che appartiene dal 2016 all’ex presidente di H&M e uomo più ricco di Svezia, Stefan Persson, attraverso il suo veicolo di investimento Ramsbury.
 
L'imprenditore avrebbe infatti “intenzione di esercitare una clausola risolutiva del contratto di locazione alla fine dell'anno”. “[Stefan Persson] ha ingaggiato degli agenti immobiliari per trovare un locatario temporaneo mentre elabora dei piani di ristrutturazione del sito”, riferisce il quotidiano.
 
Sebbene il sito di Londra sia estremamente costoso e al momento soffra di scarso traffico di persone, rimane un vero polo di attrazione in tempi normali, e svolge un ruolo importante per le vendite di prodotti di bellezza di lusso, cruciali per Debenhams.
 
Se il rivenditore si vedesse costretto ad abbandonare il suo flagship store, lo spazio di vendita potrebbe essere ridotto dal suo attuale proprietario. Mike Ashley, il boss di Frasers Group (Sports Direct), ex principale azionista di Debenhams prima della sua acquisizione da parte dei creditori, sarebbe interessato e cercherebbe di rilevare altre location di Debenhams per installarvi i suoi marchi.
 
La filiale danese di Debenhams, Magasin du Nord, che sta vivendo giorni migliori, viene invece venduta nel quadro di una procedura separata.

Copyright © 2022 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.