×
1 602
Fashion Jobs
GIFRAB ITALIA S.P.A.
IT Business Intelligence Analyst - Palermo
Tempo Indeterminato · PALERMO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
IT Manager
Tempo Indeterminato · PALERMO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Moulds & Soles Buyer
Tempo Indeterminato · PADOVA
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Event Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
ELISABETTA FRANCHI
Retail Dos/Fch Supervisor Estero
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
WYCON S.P.A
Commerciale Estero Wycon Con Lingua Francese - Sede
Tempo Indeterminato · NOLA
CONFIDENTIAL
Senior Buyer - Menswear
Tempo Indeterminato · MILANO
S.A. STUDIO SANTAGOSTINO SRL
Responsabile di Produzione Moda d'Alta Gamma
Tempo Indeterminato · PESCARA
PATRIZIA PEPE
E-Commerce Buying Specialist
Tempo Indeterminato · FIRENZE
PATRIZIA PEPE
Retail Buying Specialist
Tempo Indeterminato · FIRENZE
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Responsabile Controllo Qualità-Accessori e Minuterie
Tempo Indeterminato · VIGONZA
SLAM JAM SRL
Back Office Specialist
Tempo Indeterminato · FERRARA
GI GROUP SPA - DIVISIONE FASHION & LUXURY
Customer Experience Manager_premium Brand Lingerie _ Orio al Serio
Tempo Indeterminato · ORIO AL SERIO
WYCON S.P.A
Area Manager Wycon - Emilia Romagna
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
MICHELE FRANZESE LUXURY SRL
Gestione Ordini Marketplace
Tempo Indeterminato · NAPOLI
BALENCIAGA LOGISTICA S.R.L.
Balenciaga - Rtw Purchasing & Procurement Coordinator
Tempo Indeterminato · NOVARA
MIRA GROUP SRL
Responsabile Prodotto
Tempo Indeterminato · POGGIOMARINO
CONFIDENZIALE
Responsabile Amministrativo/Contabile
Tempo Indeterminato · FIRENZE
DIAMONDS 4U SRL
Jewelry Sales Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
LYLIANE
Purchasing Manager
Tempo Indeterminato · VIGONZA
CONFIDENZIALE
Commerciale Junior Nord Italia
Tempo Indeterminato · MILANO
RETAIL SEARCH SRL
Stock Specialist Bologna
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
17 set 2021
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Reach4textile: il tessile europeo vuole un migliore controllo chimico delle importazioni

Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
17 set 2021

La confederazione europea del tessile e dell'abbigliamento, Euratex, dà il via al progetto Reach4textiles. Per correttezza ed equità con gli attori europei che rispettano gli standard del regolamento REACH adottato dall’UE in termini di ricorso a sostanze chimiche, l'industria vuole un migliore monitoraggio in materia di tessuti importati.

Shutterstock


“I fatti suggeriscono che il quadro normativo avanzato (appunto il REACH, ndr.) non sia integrato da un sistema di controllo, a livello UE, altrettanto avanzato o efficace in grado di garantire la conformità, in particolare nel caso dei prodotti importati”, indica Euratex. “Il progetto Reach4textiles mira ad esplorare possibili soluzioni per un monitoraggio equo ed efficace del mercato dei prodotti tessili”.
 
Per questo progetto, che durerà almeno due anni, sono indicati tre obiettivi. A cominciare da quello di bloccare alle porte dell'UE i prodotti che non soddisfano i requisiti dell'Unione. Anche il lavoro di sensibilizzazione e formazione presso gli attori del sourcing è all'ordine del giorno. Così come il supporto fornito a una futura rete di professionisti dedicata all'applicazione delle normative chimiche 2019/1020 dell'Unione.

“Le sfide da superare possono essere la mancanza di risorse, le difficoltà nell'individuare prodotti ad alto rischio, il costo e la gestione dei test chimici, la mancanza di metodi di test e la conoscenza delle migliori pratiche”, sottolinea Euratex, che vede questo problema accentuarsi con le vendite online. “Di conseguenza, i prodotti che non sono conformi alle normative REACH oggi incontrano pochi o nessun ostacolo per entrare nel mercato. Ciò non solo crea un rischio per la salute degli europei, ma danneggia anche la competitività di quelle aziende responsabili che adottano tutte le misure necessarie per rispettare tali regolamentazioni”.
 
Ogni anno, nell'Unione Europea circolano quasi 28 miliardi di capi di abbigliamento. Nell'80% dei casi, questi prodotti provengono da nazioni extra UE. Una massa di grandi dimensioni, ma che resta comunque un'industria importatrice tra tante altre, generando difficoltà in termini di controlli doganali a frontiere, porti e terminal aeroportuali del Vecchio Continente. Nell'esercizio 2020, l'UE ha importato 77,4 miliardi di euro di abbigliamento. Di cui 59,2 miliardi provenienti dai Paesi asiatici.

Copyright © 2022 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.