×
1 338
Fashion Jobs
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Controller Società Estere
Tempo Indeterminato · MODENA
AZIENDA RETAIL
Area Manager Piemonte & Liguria
Tempo Indeterminato · TORINO
MICHAEL PAGE ITALIA
Wholesale Director Italia - Abbigliamento Femminile
Tempo Indeterminato ·
NEW GUARDS GROUP HOLDING SPA
Senior Production Developer
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Treasury Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENTIEL
Ecommerce Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta Human Resources Manager - Corporate & Business Functions
Tempo Indeterminato · MILANO
JIMMY CHOO
Costing Manager
Tempo Indeterminato · CHIESINA UZZANESE
CONFEZIONI GIOIELLI SPA
Buyer
Tempo Indeterminato · PRATO
BIJOU BRIGITTE S.R.L.
Direttore di Zona (m/f)
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Senior Controller
Tempo Indeterminato · MILANO
BALENCIAGA LOGISTICA S.R.L.
Balenciaga - Rtw Purchasing & Procurement Coordinator
Tempo Indeterminato · NOVARA
PATRIZIA PEPE
Back-Office Wholesale Specialist
Tempo Indeterminato · FIRENZE
SAY WOW SRL
Junior Operation Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta ww Merchandise & Retail Planning Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Marketing&Communications Manager
Tempo Indeterminato · MILAN
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Product Compliance Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
MILAAYA EMBROIDERIES
Business Development/Sampling & Production Coordinator
Tempo Indeterminato · MILAN
BENEPIU' SRL
Responsabile Tecnico
Tempo Indeterminato · CARPI
UMANA SPA
HR Administration Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
E-Commerce Operations And Digital Supply Senior Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Area Manager Italia Wholesale – Responsabile Showroom
Tempo Indeterminato · MILANO
Di
Ansa
Pubblicato il
4 ago 2015
Tempo di lettura
3 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Ramadan Collection: ecco la Modest Fashion per islamici

Di
Ansa
Pubblicato il
4 ago 2015

Abiti sobri che celano le forme scivolandovi sopra, che coprono braccia e corpo, ma alla moda e colorati. E' l'essenza della ''Modest Fashion'' - una moda semplice e sobria rispettosa dei valori cui si ispirano le donne e gli uomini musulmani - che nel 2014 ha generato un giro d'affari di circa 300 miliardi di dollari e che entro il 2019 dovrebbe attestarsi attorno a quota 484 miliardi.  Requisiti fondamentali che devono avere gli abiti? Coprire gambe e braccia, il capo dipende dalle tradizioni. Sulla moda islamica si è tenuto il ''Turin Modest Fashion Roundtable'' a Torino organizzato dal Comune, Thomson Reuters e Dubai Chamber.

Foto: Ansa


Nel settore, spiega Alia Khan, presidente dell'Islamic Fashion and Design Council - organizzazione creata per lo sviluppo dell'industria della moda islamica nel mondo - esiste un vero e proprio vuoto da parte dei produttori occidentali. ''Poca consapevolezza e capacità di aggredire questo mercato ancora inesplorato, anche dalle aziende italiane''. A lanciare collezioni per il Ramadan - il mese sacro di digiuno - sono state nel tempo griffe come DKNY, ''la prima tra le grande firme a farlo'', seguita da case che alla donna musulmana hanno dedicato parte delle loro linee (Valentino, Dolce & Gabbana, Prada, Victoria Beckham, Yohji Yamamoto e altri). E anche marchi più popolari ''come Zara e Mango, che quest'anno hanno lanciato una propria Ramadan Collection così come H&M''. Ma non basta. Serve, rilancia Khan, ''uno studio più attento dei consumatori musulmani che non si sentono compresi al 100%''.

Indubbio il problema della certificazione. Il suo organismo sta lavorando a un marchio ''iFash'' (Islamic fashion) che consenta ai brand intenzionati a investire nella moda islamica di ottemperare ad alcuni requisiti e fare in modo che i potenziali clienti sappiano dove rivolgersi per i loro acquisti che devono essere ''modest''. Al contrario di quanto sostengono alcuni, gli abiti alla maniera 'islamica' sono ricchi, pieni di stile e design e la domanda di questi è in continua ascesa.

Un mercato, quello musulmano, promettente e immenso che le case di moda occidentali non posso certo ignorare, ma dove scarseggiano brand interamente dedicati a questa fetta di consumatori. ''E dove non esiste - come nei settori della finanza islamica e del cibo halal (lecito) - una certificazione in grado di stabilire precisi criteri cui le imprese che intendono investire possano attenersi'', fa notare Gianmarco Montanari, direttore generale per lo sviluppo economico della città di Torino e promotore dell'iniziativa.

Dopo il Turin Islamic Economic Forum dello scorso anno - primo incontro internazionale promosso da un'istituzione in Europa per approfondire i temi dell'economia e della finanza islamica - e quello della scorsa settimana sulla moda, ''in ottobre ospiteremo quello dedicato al cibo halal''. A far capire che quella è la direzione giusta, sono i numeri.

''Tra i Paesi con il più alto numero di consumatori musulmani - sottolinea - secondo gli ultimi dati disponibili (2013), ci sono la Turchia (39,3 miliardi di dollari) gli Emirati Arabi Uniti (22,5 miliardi di dollari), l'Indonesia (18,8 miliardi di dollari), l'Iran (17,1 miliardi di dollari), Arabia Saudita (16 miliardi di dollari) e la Nigeria (14,4 miliardi di dollari). Da non sottovalutare, poi, la platea europea di fedeli: ''con Francia, Germania e Regno Unito che ha superato i 25 miliardi di dollari di consumi'', conclude Montanari.

 

 

Copyright © 2022 ANSA. All rights reserved.