×
1 742
Fashion Jobs
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Omnichannel Technology Analyst
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Digital Project Manager
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
MOTIVI
Head of Merchandising
Tempo Indeterminato · ALBA
RUBENS LUCIANO S.P.A.
IT Manager
Tempo Indeterminato · STRA
BLUDUE
Responsabile Prodotto e Produzione
Tempo Indeterminato · NAPOLI
CHABERTON PROFESSIONALS
Global Retail Planner, Fashion Premium Luxury
Tempo Indeterminato · MILANO
P448
Area Manager Italia
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Showroom Manager Arredo Design
Tempo Indeterminato · MILANO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
IT Business Intelligence Analyst - Palermo
Tempo Indeterminato · PALERMO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
IT Manager
Tempo Indeterminato · PALERMO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Moulds & Soles Buyer
Tempo Indeterminato · PADOVA
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Event Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
ELISABETTA FRANCHI
Retail Dos/Fch Supervisor Estero
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
WYCON S.P.A
Commerciale Estero Wycon Con Lingua Francese - Sede
Tempo Indeterminato · NOLA
CONFIDENTIAL
Senior Buyer - Menswear
Tempo Indeterminato · MILANO
S.A. STUDIO SANTAGOSTINO SRL
Responsabile di Produzione Moda d'Alta Gamma
Tempo Indeterminato · PESCARA
PATRIZIA PEPE
E-Commerce Buying Specialist
Tempo Indeterminato · FIRENZE
PATRIZIA PEPE
Retail Buying Specialist
Tempo Indeterminato · FIRENZE
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Responsabile Controllo Qualità-Accessori e Minuterie
Tempo Indeterminato · VIGONZA
SLAM JAM SRL
Back Office Specialist
Tempo Indeterminato · FERRARA
GI GROUP SPA - DIVISIONE FASHION & LUXURY
Customer Experience Manager_premium Brand Lingerie _ Orio al Serio
Tempo Indeterminato · ORIO AL SERIO
WYCON S.P.A
Area Manager Wycon - Emilia Romagna
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
Di
Reuters
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
3 nov 2021
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Ralph Lauren costretto a confrontarsi con l'aumento dei costi di approvvigionamento

Di
Reuters
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
3 nov 2021

Il gruppo statunitense Ralph Lauren prevede di dover affrontare costi per spedizioni e materie prime più elevati nei prossimi mesi per garantire che i negozi vengano riforniti durante le festività natalizie, in particolare delle sue famose polo in cotone.

Foto: Ralph Lauren


Le azioni della società con sede a New York sono scese del 4% dopo che questo annuncio è stato dato martedì mattina, anche se Ralph Lauren ha rivisto al rialzo le proprie previsioni di ricavi annuali.
 
Contrariamente ai suoi omologhi europei del lusso, che producono la maggior parte dei loro prodotti nei propri mercati interni, Ralph Lauren acquista la stragrande maggioranza dei suoi prodotti al di fuori degli Stati Uniti: il 40% è realizzato in Cina e in Vietnam, rendendo l'azienda più vulnerabile ai ritardi nelle spedizioni e alle chiusure di stabilimenti.

Queste problematiche nella catena di approvvigionamento stanno paralizzando particolarmente il settore dell'abbigliamento, che ha registrato i livelli più alti di esaurimento delle scorte online tra tutti i settori della vendita al dettaglio negli Stati Uniti nel periodo che ci avvicina alle festività natalizie, secondo Adobe Analytics.
 
Ralph Lauren si dice fiducioso che l'azienda possieda scorte sufficienti per soddisfare la domanda delle festività e sta spendendo molti soldi per spedire i suoi prodotti per via aerea.
 
“Ci aspettavamo una grande variabilità nei flussi di inventario da un trimestre all'altro, ma riteniamo che le nostre scorte siano ben posizionate per soddisfare la domanda durante le imminenti festività natalizie e la primavera del 2022”, afferma Jane Nielsen, direttore finanziario della società.
 
Il dettagliante si aspetta che il suo fatturato dell’esercizio 2022 a tassi di cambio costanti cresca dal 34% al 36%, rispetto a una previsione precedente dal 25% al ​​30%.
 
Tuttavia, Ralph Lauren mantiene la sua previsione di margine operativo per l'intero anno tra il 12% e il 12,5%, a causa dei maggiori costi di trasporto e dell’aumento dei prezzi di materie prime come il cotone.
 
Le entrate di Ralph Lauren sono aumentate del 26%, a 1,5 miliardi di dollari (1,29 miliardi di euro) nel secondo trimestre conclusosi il 25 settembre. La ripresa della domanda di beni di lusso in Nord America ed Europa ha contribuito a compensare le deludenti performance in Giappone e Cina, dove il ripristino delle restrizioni sanitarie ha fatto calare le vendite al dettaglio. L'ultimo esercizio complessivo, quello chiusosi lo scorso marzo per l'annata 2020/21, il gruppo Ralph Lauren Corporation lo aveva terminato a 4,4 miliardi di dollari complessivi (3,6 miliardi di euro) di giro d’affari, -29% sull'esercizio precedente, diminuzione dovuta quasi esclusivamente all'impatto della crisi pandemica.

In questo 2021, Ralph Lauren si è impegnato in un piano di taglio costi che dovrebbe fargli risparmiare oltre 200 milioni di dollari, da ottenere anche attraverso il taglio del 15% della sua forza lavoro, per un totale di 3.600 posizioni, mentre lo scorso aprile ha nominato Jack Becht, ex direttore Digital Fashion di Selfridges, direttore creativo delle divisioni Polo, Luxury, Lauren Home e RL. Gli altri marchi del gruppo sono Ralph Lauren, Ralph Lauren Collection, Ralph Lauren Purple Label, Polo Ralph Lauren, Double RL, Lauren Ralph Lauren, Polo Ralph Lauren Children e Chaps.

© Thomson Reuters 2022 All rights reserved.