×
368
Fashion Jobs
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Digital go to Market Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L.
Bottega Veneta - HR Business Partner
Tempo Indeterminato · MILANO
INTICOM S.P.A.
Legal Specialist
Tempo Indeterminato · GALLARATE
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Digital Content Specialist
Tempo Indeterminato ·
UNIGROSS SRL
Jobdesk Buyer Import
Tempo Indeterminato · CITTÀ SANT'ANGELO
NEW GUARDS GROUP HOLDING SPA
Commercial Legal Counsel
Tempo Indeterminato · MILAN
CONFIDENZIALE
Senior Merchandising Manager - Women's
Tempo Indeterminato · MILANO
MICHAEL PAGE ITALIA
Area Manager Nord e Centro Europa - Abbigliamento Lusso
Tempo Indeterminato ·
MICHAEL PAGE ITALIA
Responsabile Commerciale Linea Donna - Abbigliamento Lusso
Tempo Indeterminato ·
THUN SPA
Head of Demand Management
Tempo Indeterminato · BOLZANO
THUN SPA
Product Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Rtw Talent Development Partner
Tempo Indeterminato · NOVARA
ANONIMO
e - Commerce Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Logistic Planning And Outbound Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
ST. BARTH SRL
Responsabile Amministrativo
Tempo Indeterminato · MILANO
MIROGLIO FASHION S.R.L.
Digital Analyst
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Media Content Coordinator
Tempo Indeterminato · MILANO
LK
Sales
Tempo Indeterminato · MILANO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
Supply Chain Manager
Tempo Indeterminato · PALERMO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
Area Manager Retail
Tempo Indeterminato · PALERMO
CONFIDENZIALE
Mrtw Merchandising Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
PRAXI
Responsabile Pianificazione Produzione Pelletteria Production Planning Manager Leather Goods
Tempo Indeterminato · FIRENZE
Di
Reuters
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
30 ott 2020
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Ralph Lauren, al di sotto delle stime, risente degli effetti della pandemia

Di
Reuters
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
30 ott 2020

Ralph Lauren Corporation ha reso noto di aver registrato ricavi inferiori alle stime degli esperti nel secondo trimestre, a causa del calo del traffico di clienti nei negozi e della diminuita richiesta per il suo abbigliamento e i suoi accessori d’alta gamma durante la pandemia di Covid-19.

Ralph Lauren - Primavera-Estate 2020 - Womenswear - New York - © PixelFormula


Il marchio d’abbigliamento premium ha già dichiarato di aspettarsi risultati ampiamente condizionati dalla pandemia nel terzo trimestre e sull'intero anno. La crisi attuale sembra gravare in modo profondo sulla domanda dei suoi clienti.
 
I ricavi netti del marchio statunitense sono scesi di circa il 30%, a 1,19 miliardi di dollari (1,02 miliardi di euro) nel trimestre chiuso il 26 settembre. Gli analisti avevano stimato 1,21 miliardi di dollari (1,04 miliardi di euro), secondo i dati pubblicati da Refinitiv.

“Nel corso del primo semestre fiscale, abbiamo continuato la nostra trasformazione accelerando l'implementazione di Connected Retail e mettendo in pratica uno sforzo maggiore nella digitalizzazione dell'azienda”, sottolinea Patrice Louvet, presidente e CEO di Ralph Lauren.
 
“Abbiamo anche avviato un difficile, ma necessario, lavoro di semplificazione della nostra struttura organizzativa e finanziaria al fine di posizionare al meglio l'azienda per la crescita futura”, prosegue Louvet. “In futuro, continueremo a concentrare i nostri sforzi sull'innalzamento dell'esperienza d’acquisto per ispirare i nostri clienti in tutto il mondo e creare valore per i nostri azionisti”.
 
L’azienda ha subito perdite nette pari a 39,1 milioni di dollari (33,45 milioni di euro), o 0,53 dollari (0,45 euro) per azione, contro l’utile di 182,1 milioni di dollari (155,8 milioni di euro), o 2,34 dollari (2 euro) per azione, registrato un anno fa.
 
Nel frattempo, il gruppo newyorchese si è alleato con l’associazione Parity.org ed altre società del settore, come PVH Corp., Lacoste, Tiffany & Co. e Movado Group Inc. per impostare una tabella di marcia sul tema dell'uguaglianza di genere nella moda.

Ralph Lauren fa parte dei membri fondatori di Parity.org - Instagram: @ralphlauren


Spiegato nei dettagli in un documento intitolato “Unlocking Gender Parity in Fashion” (“Promuovere l'uguaglianza di genere nella moda”), il roadbook propone un metodo in varie tappe da implementare all’interno delle aziende allo scopo di ottenere progressi misurabili a favore dell'uguaglianza di generi sessuali e stipendi a tutti i livelli di posti di lavoro.
 
Parity.org è un’associazione con sede a San Francisco dedicata alla promozione della parità di genere nelle posizioni dirigenziali. Lanciata nel 2017, conta Ralph Lauren tra i membri fondatori. La partecipazione di Ralph Lauren alla creazione di questa tabella di marcia fa seguito ad altri sforzi compiuti dall’iconica label per promuovere la diversità al suo interno. L'azienda ha raggiunto l'obiettivo di parità di genere per il 2023 ben tre anni prima del previsto, e così ora le donne rappresentano il 50% delle sue posizioni di vicepresidenza e direzionali.
 
Recentemente, Ralph Lauren è diventato anche un membro fondatore di ParityPledge, la filiale di Parity.org che sostiene le persone di colore.
 
Con Robin Driver

© Thomson Reuters 2020 All rights reserved.