Ralph Lauren annuncia la propria ristrutturazione

L'annuncio era molto atteso. Sin dal suo arrivo al timone di Ralph Lauren, il 1° novembre scorso, Stefan Larsson ha promesso di modificare la strategia del gruppo statunitense. Il mese scorso, alla presentazione dei risultati annui per il 2015/16, il dirigente aveva chiesto di avere un po' di pazienza prima di comunicare il suo piano.

Stefan Larsson, CEO di Ralph Lauren, con Ralph Lauren - linkedin.com/in/stefan-larsson-56a67858

Ed ecco che finalmente oggi il gruppo americano ha fornito i primi dettagli di questo piano, chiamato “Way Forward”. “Il nostro piano, spalmato su diversi anni, condurrà Ralph Lauren, uno dei marchi veramente iconici del comparto, verso una crescita redditizia delle vendite e una creazione di valore sul lungo termine per gli azionisti”, ha precisato il giovane CEO in un comunicato.

La nuova strategia (che si presumeva tale, conoscendo il profilo del nuovo amministratore delegato) è quella di ridurre i ritardi e accorciare i tempi a tutti i livelli della catena di fornitura. Il gruppo vuole anche migliorare il sourcing e attuare una strategia di sviluppo multicanale. Concretamente, il piano include anche una ristrutturazione che punta a semplificare gli organigrammi del gruppo, il quale intende focalizzarsi sul cuore dell'identità di Ralph Lauren e passare da nove livelli decisionali a sei.

Ralph Lauren annuncia costi per la ristrutturazione che saranno nell'ordine dei 400 milioni di dollari, che graveranno principalmente sull'esercizio fiscale 2017, il quale si concluderà a fine marzo del 2017. Una volta a regime, il piano dovrebbe permettere alla società di generare risparmi da 180 a 220 milioni di dollari all'anno. Due anni fa, il gruppo Levi Strauss aveva dichiarato di avere lo stesso tipo di obiettivo. All'epoca aveva annunciato l'eliminazione del 5% dei suoi dipendenti, pari a 800 persone nel mondo.

Nell'esercizio in corso, il gruppo Ralph Lauren stima dunque che vi sarà un calo a due cifre del proprio fatturato, visto che dovrà liberarsi delle scorte di magazzino, chiudere alcuni negozi e lavorare sulla politica di prezzi. Ralph Lauren punta ad ottenere un margine operativo nell'ordine del 10%. Nel lungo termine, il gruppo ha nel mirino un miglioramento dei margini operativi a partire dal prossimo esercizio e annuncia di voler stabilizzare l'attività nell'esercizio 2017/18, per poi ripartire all'attacco nel 2018/19 e infine guadagnare delle quote di mercato nel 2019/20, con un obiettivo di margine operativo attorno al 15%.

Olivier Guyot (Versione italiana di Gianluca Bolelli)

Versione italiana di Gianluca Bolelli

Copyright © 2018 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.

Lusso - Prêt à porter Nomine
ISCRIZIONE ALLA NEWSLETTER