×
1 627
Fashion Jobs
JIL SANDER SPA
IT Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
BETTY BLUE S.P.A.
Product Manager Maglieria
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
CONFIDENZIALE
Responsabile Controllo Qualita'
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Impiegato/a Commerciale - Accessori e Minuterie- Settore Fashion
Tempo Indeterminato · PADOVA
NUOVA TESI
Responsbaile di Produzione Tessile -nt/1234
Tempo Indeterminato · MODENA
PFCMNA SPA
Area Manager - Ispettore Retail
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Responsabile Linea Montaggio Calzature
Tempo Indeterminato · VENEZIA
BETTY BLUE S.P.A.
Area Manager Direct Retail
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
PAGE PERSONNEL ITALIA
Area Manager Milano
Tempo Indeterminato ·
GIORGIO ARMANI
Retail Operation Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
ANONIMA
Product Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
WAYCAP SPA
Impiegato/a Commerciale
Tempo Indeterminato · MIRANO
ANONIMA
Visual Merchandising Manager
Tempo Indeterminato · AREZZO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
HR Manager
Tempo Indeterminato · PALERMO
CONFIDENZIALE
Visual Merchandising Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENTIAL
District Manager
Tempo Indeterminato · VERONA
LOGO FIRENZE SRL
Product Manager Rtw
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
NARA CAMICIE
CRM Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
247 SHOWROOM
Account Manager Italy
Tempo Indeterminato · MILANO
WYCON S.P.A
Retail Area Manager Piemonte/Liguria/Lombardia
Tempo Indeterminato · TORINO
ANONIMA
ww Wholesale Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Global Digital Client Development Coordinator
Tempo Indeterminato · MILANO
Pubblicità
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
26 nov 2019
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Raf Simons: “Ancora oggi, gli stilisti devono creare desiderio"

Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
26 nov 2019

Giovedì sera è stato il punto culminante dei Fashion Talks 2019, la cui quarta edizione si è svolta nel recinto della storica Borsa di Anversa: Raf Simons ha parlato per la prima volta dopo la sua partenza da Calvin Klein, avvenuta a fine 2018. L'argomento spinoso, tuttavia, non è stato affrontato da Alexander Fury, il giornalista che ha moderato l'intervista.

Raf Simons conversa con Alexander Fury durante i Fashion Talks 2019 - Flanders DC


Comunque, i circa 800 ospiti dell'evento hanno potuto assistere a una chiacchierata che ha spaziato su tanti argomenti di generi diversi e che ha permesso a Raf Simons di esprimere ancora una volta le proprie critiche, talvolta aspre e al vetriolo, al settore della moda.
 
Naturalmente, Raf Simons per prima cosa ha ricordato i suoi inizi ad Anversa negli anni '90. All’epoca, ha raccontato, fu soprattutto Walter Van Beirendonck, anch’egli presente in mezzo al pubblico, che l’aiutò a lanciarsi. A quel tempo, l'ecosistema della moda di Anversa era solidale e unito, i designer si sostenevano a vicenda.

Quando Alexander Fury gli fa una domanda sul ruolo odierno dello stilista, Raf Simons mette in primo piano il processo creativo. “Ancora oggi un designer deve creare desiderio”, afferma la star della moda belga. Una visione relegata in secondo piano durante l'evento, rimasta celata dietro a tutte le domande sullo sviluppo sostenibile e sulle tecnologie indossabili sentite ad Anversa.
 
Raf Simons ha inoltre ribadito le sue difficoltà con i ritmi ormai prevalenti nel settore della moda, caratterizzata da un rinnovamento sempre più rapido delle collezioni, tra pre-collezioni, collaborazioni e cruise collection.

Raf Simons: "Anche al giorno d'oggi, il designer deve saper creare il desiderio" - Flanders DC


“Quando lavoravo da Dior, la pressione era veramente forte”, confida il designer. Secondo lui, la curiosità della stampa alimentava questa tensione permanente, perché richiedeva informazioni sulle collezioni settimane prima della sfilata, ed esigeva di vedere il designer al lavoro durante il processo creativo.
 
In altre parole, la sua visione del futuro degli stilisti di moda non è particolarmente ottimista. Per lui, le questioni del marketing e l’imperativo assoluto di crescere sempre e comunque hanno avuto la precedenza sulla sartorialità e sulla lavorazione artigianale, condannando i marchi ad una continua rincorsa commerciale.
 
L'intervento dello stilista e la sua breve ma illuminante conversazione con Alexander Fury hanno suscitato un fragoroso applauso.

Copyright © 2021 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.