×
1 377
Fashion Jobs
BURBERRY
IT Project Manager
Tempo Indeterminato ·
BURBERRY
District Manager Outlets Northern Europe
Tempo Indeterminato · MILANO
ANTONIA SRL
Fashion Buyer-Woman Collection
Tempo Indeterminato · MILANO
SIDLER SA
Hse Specialist / Mendrisio
Tempo Indeterminato · MENDRISIO
RANDSTAD ITALIA
HR Business Partner
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta Global Digital Media Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Buyer Men's Rtw & Accessories Linea Giorgio Armani
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
E-Commerce Buying Coordinator
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
e- Commerce Specialist - Settore Fashion
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Sales Manager -Showroom Accessori e Abbigliamento Uomo
Tempo Indeterminato · MILANO
DR. MARTENS
Credit Controller - Italy
Tempo Indeterminato · MILANO
ALYSI
Addetto/a Commerciale Estero
Tempo Indeterminato · ROMA
ANONIMA
Sales Manager
Tempo Indeterminato · CREMONA
GIORGIO ARMANI S.P.A.
E-Commerce Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
WOOLRICH EUROPE SPA
e - Commerce Operations & Digital Specialist
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Retail Planner
Tempo Indeterminato · MILANO
GI GROUP SPA - DIVISIONE FASHION & LUXURY
Account Executive - Showroom Premium Brand
Tempo Indeterminato · MILANO
MARNI
Account Executive
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Category Manager - Azienda Beauty
Tempo Indeterminato · MILANO
MIROGLIO FASHION SRL
Retail Merchandising Manager
Tempo Indeterminato · ALBA
ADECCO ITALIA SPA
Tecnico/a Produzione Abbigliamento
Tempo Indeterminato · STRA
CONFIDENZIALE
Commerciale
Tempo Indeterminato · MILANO
Pubblicato il
19 set 2013
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Quando la London Fashion Week ispira i "retailers"

Pubblicato il
19 set 2013

Quando il sindaco di Londra, Boris Johnson, decide di parlare per incoraggiare il settore della moda britannica, le sue parole rimangono impresse. "Londra provoca il mondo della moda con l'eleganza di un titano, e sono estremamente fiero di sostenere la London Fashion Week con i suoi pop-up store, il suo live streaming e anche il suo festival di film sulla moda", ha precisato Johnson in un comunicato pubblicato all'inizio della cinque giorni fashion, che ha visto programmate 58 sfilate e 15 presentazioni di collezioni.

"The Shop", un pop-up gestito direttamente dal British Fashion Council


Sponsor principale dell'avvenimento, il sindaco va oltre: "Al di là dello stile e della creatività, la moda per Londra rappresenta un grande vettore di crescita, che attira ordini da tutto il mondo e genera miliardi di introiti per la nostra economia".

Da Topshop a Harvey Nichols, i retailers hanno capito molto bene il messaggio, e molti di loro hanno approfittato della fashion week per far ricordare la loro particolarità ai circa "5.000 visitatori provenienti da 52 Paesi" attesi dal British Fashion Council. Quest'ultimo, ha persino integrato per la prima volta il proprio pop-up shop direttamente al centro dell'evento. Chiamato "The Shop" (nella foto), lo store ha fatto conoscere per cinque giorni vari modelli di molti giovani stilisti londinesi ai giornalisti e ai visitatori di passaggio alla Somerset House.

Browns Focus ha modernizzato il suo concetto di negozio


Il multimarca di lusso Browns Focus ha festeggiato il suo nuovo concept ultramoderno firmato dal laboratorio di design che sta dietro all'estetica di Christie’s, Alexander McQueen e Burberry: lo Studio Toogood. Un altro indirizzo di culto che si trova sia a Notting Hill che a Mayfair, Wolf & Badger, ha organizzato una propria presentazione primavera-estate 2014 di 22 marchi già selezionati nel corso di un'intera giornata all'interno del suo flagship di Dover Street. Dato che il core business dell'offerta di Wolf & Badger è costituito soprattutto dai giovani talenti inglesi, la tentazione (poi concretizzata) di collegarsi alla fashion week è sembrata del tutto naturale.

Wolf & Badger ha organizzato una sfilata con una sua selezione primavera-estate 2014


Sempre guardando ai multimarca indipendenti, la giovane boutique Machine-A, grazie all'impulso datole dalla sua fashion director Anna Traveylan (ex assistente di Nicola Formichetti) si aggiudica il premio dell'idea più originale: l'organizzazione di un gemellaggio con un altro concept-store innovativo, questa volta newyorchese, che si chiama V-Files. Il primo ha investito nel secondo e viceversa durante la fashion week di New York, fino al termine dei défilé della Grande Mela. Il tutto è stato creato soprattutto al fine di esportare una selezione di alcuni designer locali da una sponda e dall'altra dell'Atlantico. Una capsule collection in edizione limitata con i loghi delle due location, presente in ognuno dei due concept-store, ha contraddistinto simbolicamente e concretamente questo "shopswap" (scambio di shop, ndr.). Un interessante film virale (visibile qui sotto in versione originale) è stato invece utilizzato per far conoscere l'iniziativa al pubblico più giovane e connesso digitalmente.



Florent Gilles (Versione italiana di Gianluca Bolelli)

Copyright © 2023 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.