×
1 272
Fashion Jobs
THE ATTICO SRL
HR Controller & Administration Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta Ecommerce Business Analyst
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Senior Graphic Designer & Art Director - Jewelry Sector
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Buyer Rtw Donna Linea Giorgio Armani
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Export Manager - Design Luxury
Tempo Indeterminato · MONZA
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Project Manager Produzione Rtw - Azienda Luxury
Tempo Indeterminato · NOVARA
MICHELE FRANZESE LUXURY SRL
E-Commerce Manager
Tempo Indeterminato · CARINARO
RANDSTAD ITALIA
Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
UMANA SPA
Industrializzatore e Production Planner
Tempo Indeterminato · VALEGGIO SUL MINCIO
BITTO SRL
Tecnico di Confezione
Tempo Indeterminato · RHO
RANDSTAD ITALIA
Ispettore Controllo Qualità Abbigliamento Sportswear
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Area Manager Estero Emporio Armani Bodywear
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENTIEL
Ecommerce Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Ecommerce Visual Shooting Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
RETAIL SEARCH SRL
IT Support Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
District Manager
Tempo Indeterminato · TOSCANA/EMILIA ROMAGNA/LAZIO
NEGRI FIRMAN PR & COMMUNICATION
Event Director
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Retail Operation Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Chief Financial Officer
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Sistemista Senior
Tempo Indeterminato · VICENZA
MIRIADE SPA
Retail Planner
Tempo Indeterminato · NOLA
ADECCO ITALIA SPA
Country Manager Area DACH
Tempo Indeterminato · MILANO
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
27 lug 2022
Tempo di lettura
3 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Puma varca l'asticella dei 2 miliardi di euro di fatturato nell'ultimo trimestre

Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
27 lug 2022

Crescita delle vendite di oltre il 18%, utile operativo in salita del 34% e utile netto balzato del 73%: nel secondo trimestre Puma ha confermato il proprio dinamismo. Il produttore tedesco di attrezzature sportive ha persino superato il traguardo dei 2 miliardi di euro di vendite nel periodo. Il suo utile operativo è stato pari a 146 milioni e l'utile netto è risultato essere di 84 milioni di euro.

La divisa disegnata da Puma per la squadra calcistica dell'Olympique Marsiglia, stagione 2022-23 - Puma


“Riteniamo che gli investimenti in ricerca e sviluppo, innovazione e sviluppo prodotto, che abbiamo incrementato negli ultimi anni, stiano iniziando a dare i loro frutti”, ha affermato il CEO Bjorn Gulden in un comunicato.

Nel periodo aprile-giugno, il marchio del felino saltellante ha visto progredire le vendite in tutte le sue categorie di prodotto, sottolineando i progressi registrati nel running, nello sportstyle, o nel basket con il lancio del modello “MB.01 Galaxy” insieme al giocatore LaMelo Ball, ma anche con il debutto del modello femminile firmato dalla giocatrice Breanna Stewart.

Le sue vendite di scarpe hanno superato il miliardo di euro, in aumento di quasi il 20% dopo aver applicato i tassi di cambio; l'abbigliamento è cresciuto allo stesso ritmo, a 666 milioni di euro. Un po' meno elevato il dinamismo degli accessori, con un aumento dell'11%, a 329 milioni di euro.

Puma continua a fare affidamento sui propri rivenditori per garantirsi lo sviluppo, registrando un aumento di quasi il 23% delle vendite all'ingrosso, a 1,56 miliardi di euro. La sua attività di vendita diretta è invece cresciuta di 439 milioni di euro.

L'area delle Americhe è quella in cui il marchio tedesco ha registrato la maggiore vitalità nell'ultimo trimestre, con un aumento di quasi il 26%, a 941 milioni di euro, tanto che il continente si sta affermando come il suo mercato di riferimento. Anche Europa, Medio Oriente e Africa sono in crescita, del 21,5%, a 706 milioni. L'area Asia-Pacifico, invece, resta sotto pressione, con un calo di quasi il 2% delle vendite, a 355 milioni di euro.

“Mentre la pandemia di Covid-19 si è attenuata in Europa e nelle Americhe durante la prima metà dell'anno e non abbiamo assistito a ulteriori chiusure di negozi su larga scala, la situazione in alcune parti dell'Asia, in particolare in Cina, è rimasta difficile per la nostra rete di negozi e la nostra catena di approvvigionamento”, spiega l'azienda nel suo comunicato. “I nostri team hanno svolto un lavoro eccezionale per garantire che le interruzioni delle forniture della catena di approvvigionamento fossero ridotte al minimo”.

Redditività erosa dall'aumento dei costi per gli approvvigionamenti
 
Negli ultimi mesi, il gruppo tedesco ha sperimentato problemi di produzione e logistica in Asia, che ne hanno complicato le consegne. Non senza ripercussioni sulla sua redditività.

“Il nostro margine lordo è attualmente sotto pressione ed è diminuito di 100 punti base, al 46,5%, principalmente a causa di un mix geografico e di canali sfavorevole, nonché dell'aumento delle tariffe dei trasporti”, spiega Bjorn Gulden. “Nonostante l’incremento dei costi, continueremo a concentrarci sul mantenere i nostri prezzi competitivi. Inoltre daremo la priorità alla crescita delle vendite e al guadagno di quote di mercato invece che alla redditività a breve termine”.

Puma ha recentemente ingaggiato la cinque volte campionessa olimpica di atletica Elaine Thompson-Herah - soffiata ai rivali di Nike - come sua nuova testimonial globale


Forte dei buoni risultati del primo semestre, il gruppo tedesco ha deciso di rivedere al rialzo le sue previsioni annuali. Ora conta su un incremento delle vendite del 15%, dopo aver applicato gli effetti dei cambi, contro il 10% precedente, puntando a un utile operativo compreso tra 600 e 700 milioni di euro.

Tuttavia, avverte che molti fattori d’incertezza influiscono sulla sua visibilità. “Sebbene il primo semestre dell'anno sia stato solido, continuiamo ad affrontare crescenti incertezze e sfide geopolitiche e macroeconomiche”, avverte il CEO. “Le attuali restrizioni legate al Covid-19, in particolare nei mercati asiatici, alla crisi in Ucraina e al persistere di un'elevata inflazione stanno avendo un impatto negativo sulla fiducia e sulla domanda dei consumatori. Inoltre, i continui vincoli nella catena di approvvigionamento e gli aumenti dei prezzi delle forniture e dei trasporti limitano la disponibilità di prodotti ed esercitano una pressione sui margini”.
 
Pertanto, la redditività del gruppo bavarese con sede a Herzogenaurach dovrebbe essere nuovamente impattata da tutte queste problematiche nella seconda metà dell'anno.

Copyright © 2022 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.