×
1 330
Fashion Jobs
BURBERRY
IT Project Manager
Tempo Indeterminato ·
BURBERRY
District Manager Outlets Northern Europe
Tempo Indeterminato · MILANO
ANTONIA SRL
Fashion Buyer-Woman Collection
Tempo Indeterminato · MILANO
SIDLER SA
Hse Specialist / Mendrisio
Tempo Indeterminato · MENDRISIO
RANDSTAD ITALIA
HR Business Partner
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta Global Digital Media Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Buyer Men's Rtw & Accessories Linea Giorgio Armani
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
E-Commerce Buying Coordinator
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
e- Commerce Specialist - Settore Fashion
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Sales Manager -Showroom Accessori e Abbigliamento Uomo
Tempo Indeterminato · MILANO
DR. MARTENS
Credit Controller - Italy
Tempo Indeterminato · MILANO
ALYSI
Addetto/a Commerciale Estero
Tempo Indeterminato · ROMA
ANONIMA
Sales Manager
Tempo Indeterminato · CREMONA
GIORGIO ARMANI S.P.A.
E-Commerce Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
WOOLRICH EUROPE SPA
e - Commerce Operations & Digital Specialist
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Retail Planner
Tempo Indeterminato · MILANO
GI GROUP SPA - DIVISIONE FASHION & LUXURY
Account Executive - Showroom Premium Brand
Tempo Indeterminato · MILANO
MARNI
Account Executive
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Category Manager - Azienda Beauty
Tempo Indeterminato · MILANO
MIROGLIO FASHION SRL
Retail Merchandising Manager
Tempo Indeterminato · ALBA
ADECCO ITALIA SPA
Tecnico/a Produzione Abbigliamento
Tempo Indeterminato · STRA
CONFIDENZIALE
Commerciale
Tempo Indeterminato · MILANO
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
29 lug 2021
Tempo di lettura
3 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Puma prevede una crescita del 20% a cambi costanti nel 2021

Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
29 lug 2021

Puma rimane preoccupata per l'impatto a breve termine della pandemia di coronavirus sulla sua catena di approvvigionamento, ha dichiarato giovedì il produttore tedesco di articoli sportivi, ribadendo però che le prospettive a medio termine per il settore e la società restano positive.

I risultati di Puma nel secondo trimestre e nella prima metà del 2021 - Puma


Secondo il CEO Björn Gulden, la società è stata in grado di superare le carenze nelle capacità di trasporto merci, le congestioni portuali e le restrizioni legate al Covid-19 in alcune nazioni, registrando notevoli vendite nel secondo trimestre e una crescita dei profitti grazie alla forte domanda.
 
“Siamo, ovviamente, ancora preoccupati per l'impatto che il Covid-19 continuerà ad avere sulla nostra attività a breve termine, specialmente adesso sulla catena di approvvigionamento”, ha affermato Björn Gulden in un comunicato.

Il CEO ha rilevato che la significativa crescita dei costi di trasporto merci ha avuto ripercussioni sui margini del gruppo. Gulden ha anche specificato nella presentazione dei risultati semestrali che la chiusura delle fabbriche nel sud del Vietnam per combattere la pandemia sta avendo un impatto diretto sulla produzione di Puma. Il manager ha infatti sottolineato che il 15% del suo sourcing globale è localizzato in questa zona. Il gruppo, in attesa di notizie dallo Stato vietnamita sulla proroga da lunedì prossimo di queste misure, spiega di star analizzando le opzioni per ridurre i tempi di consegna dei prodotti, ma anche per trovare alternative produttive nel nord del Vietnam, in Cina e in Indonesia. Björn Gulden, però, ha chiarito che per ogni prodotto esistono da due a tre regioni di produzione, in modo da dare flessibilità e sicurezza al gruppo.
 
“Continuiamo a essere molto positivi riguardo alle prospettive a medio termine per il nostro settore in generale, e in particolare per Puma”, ha aggiunto. “Tutti i mercati stanno crescendo nelle vendite rispetto al 2019, tranne la Corea del Sud”, ha anche sottolineato.
 
La società ha confermato i dati preliminari di giro d’affari e utili del secondo trimestre pubblicati due settimane fa: ricavi a valuta costante che sono quasi raddoppiati (+96%) per raggiungere gli 1,589 miliardi di euro, e un utile prima di interessi e imposte (EBIT) di circa 109 milioni di euro, contro la perdita di 115 milioni registrata l'anno scorso nello stesso periodo.
 
Questa crescita è trainata da un aumento delle vendite dell'85% nella zona Europa, Medio Oriente e Africa, a 572 milioni di euro, di oltre il 29% in Asia-Pacifico, a 341 milioni, e del 183% nella zona Americhe, a quasi 676 milioni di euro.
 
Specificità di Puma rispetto ai leader di settore Nike e Adidas, l'elevata quota delle sue vendite all'ingrosso, che sono aumentate del 114% nel trimestre, a 1,2 miliardi di euro. Le vendite dirette ai consumatori (D2C) sono cresciute di quasi il 55%, a 389 milioni di euro. Da segnalare che le vendite presso i punti vendita di sua proprietà sono più che raddoppiate (+107%) e che, nonostante la riapertura dei negozi, le vendite online hanno continuato a crescere (+8,5%).
 
Tale performance è spiegabile anche dagli investimenti effettuati nel periodo. Il produttore tedesco di articoli sportivi ha infatti speso 650 milioni di euro in iniziative di marketing nel secondo trimestre, ma anche in logistica e distribuzione, per supportare il proprio rilancio. Una cifra maggiore al 2020, quando aveva investito 483 milioni, e che è anche ben al di sopra dei 531 milioni dedicati a tali scopi nel 2019.
 
Puma ha anche riaffermato la sua previsione per il 2021 di un aumento di almeno il 20% dei ricavi a tassi di cambio costanti, quando in precedenza prevedeva un aumento di circa il 15%. Il suo management prevede quindi un utile operativo compreso tra 400 e 500 milioni di euro per l'intero esercizio.
 
A livello sportivo, l'estate è iniziata bene per Puma, con la vittoria dell'Italia negli Europei di calcio. Il felino ora guarda alle Olimpiadi di Tokyo, dove sponsorizza 13 federazioni e più di 200 atleti.

Con Reuters

Copyright © 2023 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.