×
1 588
Fashion Jobs
CONFIDENTIAL
Responsabile Ufficio Tecnico
Tempo Indeterminato · NOLA
FOURCORNERS
Media Marketing Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
E-Commerce Specialist Azienda Fashion
Tempo Indeterminato · GAGGIO MONTANO
FOURCORNERS
Sales Account
Tempo Indeterminato · REGGIO CALABRIA
CONFIDENZIALE
Sales Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CVG GOLD
Senior Buyer Retail
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Fabric Research Director
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Replenishment
Tempo Indeterminato · MILANO
WYCON S.P.A
District Manager Wycon - Calabria
Tempo Indeterminato · COSENZA
RANDSTAD ITALIA
Art Director
Tempo Indeterminato · MILANO
BOT INTERNATIONAL
Digital Marketing Specialist
Tempo Indeterminato · LUGANO
ROSSIMODA S.P.A.
Buyer Componenti Calzatura
Tempo Indeterminato · VIGONZA
FIRST SRL
Helpdesk IT Specialist
Tempo Indeterminato · RHO
DELL'OGLIO
Responsabile Amministrativo
Tempo Indeterminato · PALERMO
WAYCAP SPA
Impiegato/a Commerciale
Tempo Indeterminato · MIRANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Area Manager Lombardia/Piemonte- Settore Profumeria
Tempo Indeterminato ·
BOT INTERNATIONAL
Apparel, Footwear And Bags Buyer
Tempo Indeterminato · LUGANO
BOT INTERNATIONAL
Retail Area Manager
Tempo Indeterminato · LUGANO
BALENCIAGA LOGISTICA S.R.L.
Balenciaga Addetto/a Ufficio After Sales Calzature
Tempo Indeterminato ·
RANDSTAD ITALIA
Retail Business Analyst
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Retail Planner
Tempo Indeterminato · MILANO
SYNERGIE ITALIA
Sales Account
Tempo Indeterminato · LUCCA
Pubblicato il
12 set 2021
Tempo di lettura
3 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Puig punta a raddoppiare il fatturato di Uriage in 4 anni e spinge il brand Apivita

Pubblicato il
12 set 2021

Noto per la sua esperienza nel campo dermatologico e dei prodotti di bellezza, il marchio francese Uriage, nato nel 1992 a Uriage-les-Bains, nella regione dell'Isère, consente a tutti di trarre beneficio dalle proprietà dermatologiche dell’acqua termale, che costituisce il principale elemento di tutti i suoi trattamenti. Alla fiera OnBeauty di Bologna, l'azienda Puig, che ha acquisito la totalità di Uriage lo scorso anno, ha presentato i suoi piani di sviluppo per il marchio e quelli del brand Apivita, anch'esso di recente acquisizione.

Jean-Marc Balderacchi - E.P. - FashionNetwork.com


“Siamo qui anche per approfittare della contemporaneità di questo Cosmoprof OnBeauty, con le altre fiere complementari Sana, e soprattutto Cosmofarma, per spiegare ai farmacisti come entrare nel mondo del termalismo Uriage”, puntualizza a FashionNetwork.com Jean-Marc Balderacchi, Direttore Generale Italia del gruppo Uriage, che pochi giorni fa ha presentato nello Stivale la linea cosmetica e di solari per i bimbi rilanciata con nuove formulazioni e packaging che, come tutti i prodotti Uriage, sarà disponibile in farmacie e parafarmacie, ma anche nelle grosse catene di articoli per bambini (come Io Bimbo o Prénatal).
 
Altra novità sarà il rinnovamento della gamma dei solari, completamente riformulata, anche per l’adulto, ma Uriage tiene al centro del suo sviluppo il suo DNA: i prodotti dermatologici anti-age per pelli delicate, secche o grasse. “Continuare ad essere vicini al mondo dermatologico è fondamentale per noi”, spiega Balderacchi.

“Siamo presenti in circa 1.600 farmacie in Italia ma puntiamo ad arrivare in 5.000 indirizzi nella penisola, grazie anche allo sviluppo di una nuova rete commerciale e ad attività di formazione medica e merchandising. Uriage ha una filiale italiana a Milano, dove operano 75 persone”, sottolinea il dirigente.
 
L'azienda dermocosmetica genera un giro d’affari di oltre 200 milioni di euro, per due terzi ottenuto all’estero. L’Italia pesa per il 5% sul dato, la Francia supera gli 80 milioni di euro. Storicamente, oltre all’Italia, che cresce in modo importante, il gruppo Uriage ha molto successo in Portogallo, dove ha superato i 13 milioni di fatturato l’anno scorso. “Ma l’Italia dovrebbe superarlo nei prossimi anni”, assicura il DG Italia, con la Cina e altri Paesi asiatici vicini che rappresenteranno i prossimi assi di sviluppo della società francese, i cui piani prevedono un raddoppio del volume d’affari entro i prossimi 4 anni.
 
La chiave di volta per giungere ai 400 milioni di euro programmati sarà il canale delle “farmacie e parafarmacie in tutta Europa, aumentando la visibilità del brand anche attraverso l’e-shop”, conferma ancora Balderacchi, “mentre nel resto del mondo esistono schemi distributivi differenti, come i drugstore o le catene in America, ed in Estremo Oriente sono retail ed e-commerce a prevalere”, ricorda il dirigente.
 
L’e-commerce di Uriage viene gestito direttamente dall’azienda da due anni a questa parte, e genera ormai il 10% del fatturato complessivo Italia, con una crescita in doppia cifra sull’anno scorso a livello globale.
 
Uriage è stato comprato alla famiglia Bouchara nel 2011 da Exea, la holding familiare del gruppo catalano Puig, che da un anno possiede il marchio al 100%. “Puig ha deciso da una decina d’anni di investire in aziende cosmetiche. Dopo essere partito con l’operazione Uriage ha comprato il brand brasiliano Granado (non diffuso in Europa), ma anche ISDIN e recentemente il marchio greco Apivita”.
 
Fondata ad Atene nel 1979 da due farmacisti, Apivita (la “vita dell’ape”) offre prodotti di bellezza naturali per viso, corpo e capelli. Il distributore italiano di Apivita è stato ingaggiato come direttore commerciale di Uriage dopo che un anno fa si è concluso il suo contratto distributivo. Ora lo schema è proporre Uriage e Apivita insieme in modo complementare, ha rivelato Balderacchi.
 
Distribuito in 550 farmacie italiane al momento, Apività ha un target più selettivo sull’Italia, “sui 2.500 punti vendita, rispetto ai 5.000 di Uriage”, puntualizza Balderacchi. “Lavoreremo sull’identità di marca di Apivita in farmacia, Il fatturato di Apivita in Italia è di 3 milioni di euro, ma vogliamo superare i 10 milioni entro i prossimi 4-5 anni, con un e-commerce che dovrebbe arrivare nello stesso periodo a valere il 25% del fatturato complessivo del brand, che supera di poco i 70 milioni di euro all’oggi”, rivela. Apivita ha come primo mercato la Grecia, con circa 45 milioni di giro d’affari, seguita dalla Spagna con 10 milioni. “Dunque Francia e Asia, mercati in cui è ancora poco o per nulla diffuso, rappresenteranno un asse di sviluppo fondamentale nel prossimo futuro. Apivita in Grecia possiede anche una spa nel centro del Paese e pensiamo dper il prossimo futuro di poter sviluppare questo progetto anche in Italia”, conclude Jean-Marc Balderacchi.

Copyright © 2021 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.