×
1 396
Fashion Jobs
THUN SPA
Area Manager Wholesales Roma
Tempo Indeterminato · ROMA
BABY DREAM SRL
Fashion Buyer
Tempo Indeterminato · NAPOLI
ROSSIMODA S.P.A.
Tecnico Industrializzatore Strutture
Tempo Indeterminato · VIGONZA
MICHELE FRANZESE LUXURY SRL
IT Manager
Tempo Indeterminato · NAPOLI
MICHELE FRANZESE LUXURY SRL
Responsabile Magazzino
Tempo Indeterminato · NAPOLI
PRAXI
Senior HR Controller
Tempo Indeterminato · FIRENZE
PRONOVIAS GROUP
Junior IT Assistant
Tempo Indeterminato · CUNEO
EXPERIS S.R.L.
Responsabile Commerciale
Tempo Indeterminato · FIRENZE
SASHA 2017 SRL
Gerente - Persona by Marina Rinaldi
Tempo Indeterminato · MILANO
HANG LOOSE SRL
Direttore Commerciale
Tempo Indeterminato · CASALE MONFERRATO
MIROGLIO FASHION SRL
Senior E-Commerce Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Digital Campaign Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
LA DOUBLEJ
Junior Sales Coordinator
Tempo Indeterminato · MILANO
MIROGLIO FASHION SRL
District Manager
Tempo Indeterminato · ROMA
CONFIDENZIALE
Product Development Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Responsabile Taglio
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
WYCON S.P.A
Area Manager Wycon - Centro Italia
Tempo Indeterminato · PESCARA
FOURCORNERS
HR Business Partner
Tempo Indeterminato · MILANO
EXPERIS S.R.L.
Account Manager Triveneto
Tempo Indeterminato · VICENZA
RETAIL SEARCH SRL
HR Admin & Payroll
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Area Manager Lombardia
Tempo Indeterminato · MILANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Senior Buyer - Fashion (Provincia Padova)
Tempo Indeterminato · PADOVA
Pubblicità

PT Pantaloni Torino ha svelato la sua nuova immagine a Pitti Uomo

Versione italiana di
Laura Galbiati
Pubblicato il
today 17 giu 2019
Tempo di lettura
access_time 3 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

PT Pantaloni Torino apre un nuovo capitolo della sua storia con un nuovo nome e un nuovo logo. Lo specialista del pantalone alto di gamma ha scelto la nuova denominazione PT Torino e un logo più conciso, in lettere nere su sfondo bianco. Abbandonati dunque PT 01, PT 05 e PT Torino Denim, le linee uomo e donna hanno oggi un solo nome, il medesimo. Questo cambio di immagine è stato svelato a Pitt Uomo con la nuova collezione primavera/estate 2020.

Un modello PT Torino - PT Torino


“Nel corso degli anni abbiamo ampliato la nostra offerta con tutta una serie di linee che alla fine venivano percepite come griffe indipendenti. Questo rebranding era necessario per rafforzare la nostra identità, ridandole coerenza. I nomi sono spariti, ma il prodotto resta”, ha spiegato a FashionNetwork.com Edoardo Fassino, CEO del gruppo Cover 50, a cui fa capo lo storico marchio di pantaloni.
 
Originari del Piemonte, i suoi nonni commerciavano in tessuti. Suo padre Pierangelo Fassino ha trasformato l’attività in un’azienda di confezione, fondata nel 1969, specializzandosi nei pantaloni. Nel 2018, la società ha realizzato un giro d’affari di 30 milioni di euro, in crescita del 10% rispetto al 2017, con un EBITDA del 23%.

L’Italia è ancora il primo mercato, con il 40% delle vendite totali, seguita da Giappone (20%) e Stati Uniti (12%), unico mercato in cui PT Torino ha una struttura dedicata. PT Torino propone un prodotto alto di gamma da 200 a 250 euro, venduto a 395 dollari negli USA e distribuito attraverso 1.200 negozi multimarca. Il menswear rappresenta l’85% del fatturato.
 
“La donna è una grande sfida per i prossimi anni, soprattutto con il cinque tasche”, prosegue il patron del gruppo, che utilizza “ancora molti tessuti italiani, come le lane di Biella”. “Ma purtroppo la situazione del settore è difficile e ciò ci ha costretto a prendere in carico delle attività che erano scomparse. Ad esempio, gestiamo le vetrine. Disegniamo anche dei tessuti, per completare un’offerta che non esiste più in quest’ambito”, ha sottolineato.

Edorado Fassino - PT Torino


“Abbiamo una passione totale per il pantalone, una vera ossessione. La produzione era basata in Piemonte fino agli anni ’90, poi nel Sud Italia. In seguito, abbiamo dovuto delocalizzare parte della produzione in Romania, attraverso società controllate da noi. Nella sede di Torino continuiamo a gestire tutto il processo di creazione, sviluppo prodotto, logistica, ecc.”, precisa Edoardo Fassino.
 
Nel corso degli anni, l’azienda ha saputo adattarsi a un mercato in piena trasformazione. “Per 20 anni il pantalone non è mai cambiato. Negli ultimi otto anni siamo passati dallo skinny all’extra large, dal corto al lungo. Senza parlare del ritorno delle pinces, sul quale nessuno avrebbe scommesso! Da qualche stagione assistiamo soprattutto a un trend significativo verso un gusto più raffinato, che richiede tessuti di alta qualità”, dichiara l’imprenditore. “Oggi, è il pantalone che determina lo stile di un uomo”.
 
Tra i prossimi progetti di PT Torino, l’imminente lancio di un sito e-commerce B2B dedicato inizialmente solo ai dettaglianti, che nell’arco di 6/9 mesi sarà completato da una piattaforma per la clientela finale, con l’obiettivo di rafforzare la notorietà del marchio.
 
Unico aspetto negativo, la quotazione in Borsa di Cover 50 nel 2011, che non ha dato i risultati sperati, come spiega Fassino: “Abbiamo introdotto il 25% del capitale sul mercato per diversificare il rischio della nostra azienda, fino ad allora detenuta al 100% dalla mia famiglia. Era anche un modo per crescere dal punto di vista professionale. Ma la piazza finanziaria di Milano è piccola e non riflette il valore del nostro gruppo, i cui fondamenti non sono assolutamente in linea con la percezione del mercato. La nostra società è sana e solida, registra crescite costanti, con una tesoreria di 15 milioni di euro. Ciò non ha impedito al titolo di perdere il 40% in quattro anni…”.

Copyright © 2019 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.