×
1 398
Fashion Jobs
THUN SPA
Area Manager Wholesales Roma
Tempo Indeterminato · ROMA
BABY DREAM SRL
Fashion Buyer
Tempo Indeterminato · NAPOLI
ROSSIMODA S.P.A.
Tecnico Industrializzatore Strutture
Tempo Indeterminato · VIGONZA
MICHELE FRANZESE LUXURY SRL
IT Manager
Tempo Indeterminato · NAPOLI
MICHELE FRANZESE LUXURY SRL
Responsabile Magazzino
Tempo Indeterminato · NAPOLI
PRAXI
Senior HR Controller
Tempo Indeterminato · FIRENZE
PRONOVIAS GROUP
Junior IT Assistant
Tempo Indeterminato · CUNEO
EXPERIS S.R.L.
Responsabile Commerciale
Tempo Indeterminato · FIRENZE
SASHA 2017 SRL
Gerente - Persona by Marina Rinaldi
Tempo Indeterminato · MILANO
HANG LOOSE SRL
Direttore Commerciale
Tempo Indeterminato · CASALE MONFERRATO
MIROGLIO FASHION SRL
Senior E-Commerce Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Digital Campaign Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
LA DOUBLEJ
Junior Sales Coordinator
Tempo Indeterminato · MILANO
MIROGLIO FASHION SRL
District Manager
Tempo Indeterminato · ROMA
CONFIDENZIALE
Product Development Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Responsabile Taglio
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
WYCON S.P.A
Area Manager Wycon - Centro Italia
Tempo Indeterminato · PESCARA
FOURCORNERS
HR Business Partner
Tempo Indeterminato · MILANO
EXPERIS S.R.L.
Account Manager Triveneto
Tempo Indeterminato · VICENZA
RETAIL SEARCH SRL
HR Admin & Payroll
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Area Manager Lombardia
Tempo Indeterminato · MILANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Senior Buyer - Fashion (Provincia Padova)
Tempo Indeterminato · PADOVA
Pubblicità

Protesta a Parigi contro le multinazionali del tessile

Di
APCOM
Pubblicato il
today 21 mar 2013
Tempo di lettura
access_time 2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Due ONG hanno manifestato il 21 marzo a Parigi per chiedere alle multinazionali del tessile di prendere "misure concrete" contro gli incendi e, più in generale, contro la precarietà delle condizioni di lavoro nelle fabbriche del Bangladesh e di tutti i Paesi in via di sviluppo.

Foto: Apcom


"Popoli solidali" e "Collettivo etico sull'etichetta" hanno organizzato una sorta di sfilata di moda in una piazza del centro della capitale francese con una decina di modelle che indossavano abiti bruciati. Sotto accusa numerosi marchi della moda e del prêt-à-porter, da H&M, a Zara: "Queste case giocano con il fuoco", "Giustizia per le vittime della moda", "Chi sono davvero le vittime della moda", si può leggere sui numerosi striscioni esposti in piazza.

"Noi puntiamo il dito contro le firme della moda francese e internazionale che si riforniscono in Bangladesh e che non permettono alle fabbriche di garantire la sicurezza dei loro dipendenti, imponendo scadenze sempre più brevi e tariffe sempre più basse", ha spiegato Katia Roux, di "Popoli solidali".

"Chiediamo a queste aziende di firmare l'accordo proposto dalle organizzazioni di difesa dei diritti dei lavoratori e dei sindacati locali e internazionali che prevede misure concrete per prevenire questi incidenti".

Secondo la 'Clean Clothes Campaign', un'associazione di difesa dei lavoratori del tessile la cui sede si trova ad Amsterdam, dal 2006 sono più di 600 i lavoratori del tessile che hanno perso la vita in incendi nel Bangladesh, secondo esportatore al mondo di vestiti. Nel dicembre scorso un incendio a Dacca in una fabbrica aveva ucciso 110 dipendenti, tutte donne.

Fonte: APCOM