×
1 637
Fashion Jobs
VIVIENNE WESTWOOD SRL
Purchasing And Procurement Assistant
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Controller
Tempo Indeterminato · MILANO
JIL SANDER SPA
IT Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
BETTY BLUE S.P.A.
Product Manager Maglieria
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
CONFIDENZIALE
Responsabile Controllo Qualita'
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Impiegato/a Commerciale - Accessori e Minuterie- Settore Fashion
Tempo Indeterminato · PADOVA
NUOVA TESI
Responsbaile di Produzione Tessile -nt/1234
Tempo Indeterminato · MODENA
PFCMNA SPA
Area Manager - Ispettore Retail
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Responsabile Linea Montaggio Calzature
Tempo Indeterminato · VENEZIA
BETTY BLUE S.P.A.
Area Manager Direct Retail
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
PAGE PERSONNEL ITALIA
Area Manager Milano
Tempo Indeterminato ·
GIORGIO ARMANI
Retail Operation Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
ANONIMA
Product Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
WAYCAP SPA
Impiegato/a Commerciale
Tempo Indeterminato · MIRANO
ANONIMA
Visual Merchandising Manager
Tempo Indeterminato · AREZZO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
HR Manager
Tempo Indeterminato · PALERMO
CONFIDENZIALE
Visual Merchandising Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENTIAL
District Manager
Tempo Indeterminato · VERONA
LOGO FIRENZE SRL
Product Manager Rtw
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
NARA CAMICIE
CRM Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
247 SHOWROOM
Account Manager Italy
Tempo Indeterminato · MILANO
WYCON S.P.A
Retail Area Manager Piemonte/Liguria/Lombardia
Tempo Indeterminato · TORINO
Pubblicità
Di
Ansa
Pubblicato il
9 lug 2020
Tempo di lettura
3 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Prometeia: Pil Italia a livelli pre-Covid nel 2025

Di
Ansa
Pubblicato il
9 lug 2020

Per Prometeia il Pil dell'Italia caderà del 10,1% quest'anno per poi vedere un rimbalzo del 5,9% nel 2021 ma bisognerà attendere il 2025 per tornare ai livelli che il Paese registrava prima dell'esplodere della pandemia del coronavirus.

Ansa


All'indomani della revisione al ribasso delle stime della Commissione europea, che ha messo la Penisola in coda ai Paesi dell'eurozona con un calo dell'11,2% del Prodotto interno lordo 2020 seguito da un recupero del 6,1% l'anno prossimo, il centro bolognese di consulenza e ricerca diffonde le proprie stime e spiega che, nel nostro Paese, il recupero dei livelli di attività pre-Covid avverrà solo nel 2025.

Servono quindi cinque anni per uscire da quella che viene definita la peggiore recessione mai registrata in tempo di pace. E il motivo, spiega Prometeia, è legato al fatto che la risposta della politica fiscale, seppur rilevante e tempestiva e in linea a quella degli altri Paesi europei, non è sufficiente per riavviare in modo deciso consumi e investimenti. In una paese come il nostro, gravato in partenza dal macigno del debito pubblico, infatti "non sembra in grado di riavviare in modo deciso la domanda interna, frenata anche dalla forte incertezza che ancora pervade le aspettative degli operatori e dal crollo del commercio internazionale".

Nel suo rapporto di luglio Prometeia prevede che il rapporto deficit/Pil si attesterà all'11% nel 2020 e il debito/Pil salirà al 159%. E lo stimolo fiscale, stimato in circa 5 punti percentuali di Pil quest'anno, appare inadeguato "per riavviare in modo deciso i consumi e gli investimento".

L' unico aspetto vagamente positivo è che si sta traducendo anche in un forte aumento delle disponibilità liquide di famiglie e imprese. La fotografia del prossimo futuro dell'Italia è tuttavia nel complesso a tinte fosche: "La fase del superamento vedrà il nostro Paese con un livello di attività economica inferiore a quello pre-crisi, con meno occupazione, con un livello di risparmio delle famiglie più elevato e di debito delle imprese non finanziarie e del settore pubblico più alto" ma anche "con un aumento delle disparità a molti livelli, nella distribuzione funzionale e personale del reddito, tra i generi e le classi di età, tra settori produttivi e territori". "A farne le spese" saranno "in misura maggiore le piccole imprese e i lavoratori autonomi e meno istruiti", segnala Prometeia.

Insieme alla Spagna, in parte a causa di una diversa specializzazione e organizzazione produttiva, in parte per i limiti nelle risposte fiscali imposti da debiti pubblici elevati, l'Italia si trova oggi in una situazione pericolosa. Il rischio è che si possa avviare, se non è già accaduto, un circolo vizioso, dove risorse finanziarie e umane lasciano i Paesi fragili dell'Europa per migrare verso quelli più forti, "il che potrebbe rendere l'assetto attuale dell'area dell'euro insostenibile nel lungo periodo". In questo contesto il centro di ricerca è convinto che l'Italia farà ricorso al Mes e che i Paesi europei si metteranno d'accordo su 650 miliardi di euro aiuti per sostenere le economie nella fase della ripartenza, di cui 350 miliardi di sovvenzioni a fondo perduto e 300 di prestiti con l'Italia candidata a essere il maggior beneficiario di questi fondi (18,8% del totale).

Copyright © 2021 ANSA. All rights reserved.

Tags :
Business