×
875
Fashion Jobs
THUN SPA
Regional Manager DACH Area
Tempo Indeterminato · MILANO
THUN SPA
Regional Manager France
Tempo Indeterminato · MILANO
MANPOWER GROUP
Responsabile Avanzamento Produzione Tessile
Tempo Indeterminato · VARESE
MASSIMO BONINI SHOWROOM
Wholesale Operations Executive
Tempo Indeterminato · MILANO
IRIDE GROUP SRL
Commerciale
Tempo Indeterminato · OTTAVIANO
MICHAEL PAGE ITALIA
Responsabile Commerciale - Premium Fashion Brand
Tempo Indeterminato ·
RANDSTAD ITALIA
Impiegato di Magazzino App. Categorie Protette
Tempo Indeterminato · MILANO
NEW GUARDS GROUP HOLDING SPA
jr Financial Controller
Tempo Indeterminato · MILANO
CAMICISSIMA
CRM Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
MALIPARMI
Responsabile Amministrativo ed Amministrazione Del Personale
Tempo Indeterminato · ALBIGNASEGO
CONFIDENTIAL
Impiegato Ufficio Acquisti Estero
Tempo Indeterminato · NOLA
CONFIDENTIAL
District Manager Veneto
Tempo Indeterminato · VERONA
INTIMAMEDIAGROUP
International Sales & Marketing
Tempo Indeterminato · CORSICO
GIOVANNI RASPINI
Retail Controller
Tempo Indeterminato · AREZZO
CONFIDENZIALE
Responsabile Commerciale Estero
Tempo Indeterminato · NOLA
RETAIL SEARCH SRL
Sales Account Piemonte Liguria
Tempo Indeterminato · CUNEO
UB INTERNATIONAL SAGL
Head of Retail/Retail Director
Tempo Indeterminato · LANDQUART
BOTTEGA VENETA S.R.L.
Bottega Veneta - Business Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
MIROGLIO FASHION S.R.L.
Brand Communication Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L.
Bottega Veneta - Project Manager Security Systems - Consultancy Contract
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Production Director
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Junior Export Area Manager - Calzature
Tempo Indeterminato · PADOVA

Primo semestre nero per pelletteria (-43,2%) e calzaturiero italiani (-36,3%)

Pubblicato il
16 set 2020
Tempo di lettura
3 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

A causa degli effetti della pandemia di coronavirus, la pelletteria italiana ha subito nei primi sei mesi del 2020 una forte battuta d’arresto, secondo i dati elaborati dal Centro Studi di Confindustria Moda per Assopellettieri: il fatturato è crollato del -43,2%, con una perdita di 1,9 miliardi di euro rispetto allo stesso periodo del 2019.

La pelletteria italiana scende del -43,2% nel primo semestre 2020 - assopellettieri.it

 
L’export è sceso del -30,6% in valore, a 3,57 miliardi di euro, tornando al livello di tre anni fa e interrompendo il trend di crescita degli ultimi anni. La flessione in quantità esportate è stata del -24,8% e il prezzo medio al kg è calato del -7,6%. Tutte le principali tipologie merceologiche hanno conosciuto flessioni rilevanti: le borse (che rappresentano il 65% del fatturato estero) hanno registrato cali del -26% in valore, le valigie del -30%, le cinture del -42% e la piccola pelletteria del -40%.
 
Analizzando le performance dal punto di vista geografico, a parte rarissime eccezioni come la Corea del Sud (+1,1%) e la Polonia (+6,8%), tutti i mercati hanno subito significative perdite. In valore, gli Stati Uniti sono scesi del -38%, la Svizzera (prima destinazione dell’export di pelletteria italiana con il suo ruolo di hub logistico di molte grandi griffe) del -40% circa, l’Unione Europea del -18%, la Francia del -9%. Belgio e Olanda registrano perdite di circa il -13%, la Germania (primo mercato in quantità) del -23%, la Spagna del -38% e l’Austria del -43,3%. Preoccupante anche la situazione dei Paesi extra-UE: il Far East registra un calo complessivo del -27,4% in valore, con Cina a -30%, Hong Kong a -47% e Giappone a -30%. Male anche Russia (-30,5%), Emirati Arabi (-39%) e Canada (-29%), mentre il Regno Unito, considerato post Brexit Paese extra UE, contiene la diminuzione al -13,4%.

In Italia, le vendite al dettaglio di pelletteria e calzature, riprese dopo il lockdown, presentano ancora andamenti insoddisfacenti: -35,1% a maggio e -12,8% a giugno, principalmente a causa del crollo del turismo, soprattutto per i prodotti di fascia alta.
 
Dopo il lockdown, la ripartenza è ancora lontana dall’arrivare: nel bimestre maggio/giugno l’export è calato del -35% in valore, le vendite al dettaglio del -24% e la produzione del -44%. Molti ordini sono stati annullati, sono cresciuti gli insoluti e 9 aziende su 10 hanno dovuto ricorrere agli ammortizzatori sociali.
 
Leggermente inferiori, ma comunque preoccupanti, le perdite subite dal comparto calzaturiero, che nei primi sei mesi dell’anno ha registrato un calo del -36,3% del fatturato e del -34,9% della produzione. L’export frena del -26,4% in quantità e del -25,4% in valore, attestandosi a 3,8 miliardi di euro, seppur con prezzi medi in debole aumento (+1,3%).
 
“L’emergenza sanitaria ha avuto pesanti ripercussioni sull’andamento del nostro comparto produttivo”, ha commentato Siro Badon, Presidente di Assocalzaturifici. Oltre alla contrazione nei valori produttivi e del fatturato, dobbiamo registrare una decisa flessione sul fronte dei consumi interni e dell’export. La spesa delle famiglie è scesa del -30%, nonostante l’impennata degli acquisti online (+42%) dovuta alla chiusura dei negozi durante il lockdown. Anche l’export non sorride: -22% in quantità i mercati dell’Unione Europea, dove sono dirette 2 calzature su 3 vendute all’estero, e -33,4% quelli extra-UE, con un saldo commerciale, seppur in attivo per 1,6 miliardi di euro, fortemente ridimensionato (-34%)”.
 
Cali generalizzati in tutti i mercati, con pochissime eccezioni (anche per le calzature, Polonia e Corea del Sud): la Germania, prima per volumi, perde il 17%, sia in quantità che in valore. Pesanti le flessioni dei flussi verso Cina e Hong Kong (rispettivamente -31,4% e -44,1%); il Far East perde nell’insieme circa il 30%, sia in quantità che valore. Sensibile arretramento sui mercati della CSI (-37% in volume e -30% in valore); male gli USA (cali prossimi al -40%) e il Medio Oriente (-26% in quantità). Si riducono di circa un quarto i volumi diretti verso la Svizzera e di un terzo quelli verso la Francia, ai primi due posti nella graduatoria per valore.
 
Anche tutte le principali regioni esportatrici hanno subito pesanti conseguenze, con la sola eccezione dell’Emilia Romagna (+20%), trainata da Piacenza, polo logistico distributivo in costante crescita negli ultimi anni. Le flessioni più marcate hanno riguardato la Toscana (-44%), le Marche (-32,5%) e la Campania (-34%); la Lombardia è scesa del -25,1%, il Veneto del -20,2%, la Puglia del -22,2% e il Piemonte del -20,9%.

Copyright © 2020 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.