×
1 506
Fashion Jobs
CONFIDENZIALE
Europe Man Rtw Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
FACTORY SRL
Responsabile di Linea Maglieria
Tempo Indeterminato · FUCECCHIO
AZIENDA LEADER NEL SETTORE LUXURY GOODS
Global Retail CRM Analyst
Tempo Indeterminato · MILANO
MANDARINA DUCK
Ecommerce Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CAMICISSIMA
Espansionista Commerciale
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Responsabile Manovia Montaggio
Tempo Indeterminato · FIESSO D'ARTICO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Global Client Data Visualization Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CMP CONSULTING
E-Commerce e Marketplace Specialist
Tempo Indeterminato · SAN GIOVANNI LA PUNTA
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Commerciale - Accessori e Minuterie - Settore Moda
Tempo Indeterminato · PADOVA
RETAIL SEARCH SRL
Back Office Commerciale - Customer Service Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Customer Engagement Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci HR Control Project Lead & Analyst
Tempo Indeterminato ·
RANDSTAD ITALIA
Operation Manager/Director
Tempo Indeterminato · MILANO
MICHELE FRANZESE LUXURY SRL
Gestione Ordini Marketplace
Tempo Indeterminato · NAPOLI
SETTORE BELLEZZA
CRM Specialist (Sede Origgio)
Tempo Indeterminato · ORIGGIO
RETAIL SEARCH SRL
Direttore Boutique Lusso Firenze
Tempo Indeterminato · FIRENZE
BOT INTERNATIONAL
Apparel, Footwear And Bags Buyer
Tempo Indeterminato · LUGANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Learning & Development Specialist
Tempo Indeterminato ·
JIMMY CHOO
Stock Controller
Tempo Indeterminato · SERRAVALLE SCRIVIA
PVH ITALIA SRL
E-Commerce Content Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Wholesale Account Manager Italia
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Facility & IT Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
Versione italiana di
Laura Galbiati
Pubblicato il
3 nov 2020
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Primark quantifica in 375 milioni di sterline il costo dei lockdown europei

Versione italiana di
Laura Galbiati
Pubblicato il
3 nov 2020

Il gruppo proprietario di Primark, Associated British Foods, ha sorpreso il mercato pubblicando il 2 novembre un comunicato speciale, in cui la società analizza la prospettiva di nuove chiusure dei negozi nei principali mercati in cui opera.

Photo, Sandra Halliday


Dal 2 novembre, infatti, tutti gli store Primark in Irlanda, Francia, Belgio, Galles, Catalogna e Slovenia, ossia il 19% della superficie di vendita totale dell’insegna, sono temporaneamente chiusi.
 
E non è tutto: il governo britannico ha annunciato che tutti i negozi considerati non essenziali in Inghilterra dovranno chiudere per quattro settimane a partire da giovedì. In altri termini, il 57% degli spazi di vendita totali di Primark saranno chiusi dal 5 novembre.

La società ha dichiarato che la perdita in termini di vendite causata dai negozi chiusi, o in procinto di chiudere, sarà pari a circa 375 milioni di sterline (416 milioni di euro) per la durata del lockdown. In altri mercati, inoltre, gli orari di apertura sono limitati, il che aggrava ulteriormente i problemi.
 
Si tratta di un altro duro colpo per Primark, che aveva già perso più di 600 milioni di sterline al mese durante il primo lockdown. Ricordiamo che l’insegna non dispone di un circuito di distribuzione online, che potrebbe compensare la chiusura dei negozi fisici.
 
Tuttavia, Primark sembra registrare una crescita incoraggiante dopo la riapertura dei negozi e si dichiara abbastanza ottimista per la stagione delle feste. Attualmente, la società deve far fronte anche a un’enorme eccedenza di magazzino. Primark “implementerà piani operativi per gestire la conseguenza di queste chiusure: saranno adottate le misure più adeguate per ridurre i costi operativi”. L’insegna assicura inoltre che “tutti gli ordini fatti ai nostri fornitori saranno onorati”.
 
Durante il primo lockdown, la scorsa primavera, alcune aziende hanno annullato gli ordini che non erano ancora stati consegnati, mettendo in difficoltà le imprese a monte della supply chain. In Bangladesh, in particolare, le cancellazioni di ordini hanno colpito pesantemente l'economia del Paese, in gran parte basata sul settore tessile.

Copyright © 2021 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.