×
1 618
Fashion Jobs
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Commerciale - Settore Accessori
Tempo Indeterminato · PADOVA
BOTTEGA VENETA S.R.L.
Emeabottega Veneta - Men's Categories Merchandising Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Controller
Tempo Indeterminato · TREVISO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Senior Controller & Accountant
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Export Area Manager- Russian Speaker- Premium Brand
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Retail Manager Europe Armani Exchange
Tempo Indeterminato · MILANO
MIROGLIO FASHION SRL
Online Store Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
IRIDE GROUP SRL
Impiegato/a Commerciale
Tempo Indeterminato · OTTAVIANO
RETAIL SEARCH SRL
Creative Art Director
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENTIAL
Paid Social And Digital Advertising
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
District Manager Nord Est Italia
Tempo Indeterminato · VERONA
LOGO FIRENZE SRL
Addetto Acquisti Tessuti/Accessori/Lavorazioni Rtw
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
ANONIMA
Espansionista Rete Franchising
Tempo Indeterminato · VARESE
CONFIDENZIALE
Impiegata/o Commerciale Con Esperienza Nel Settore Calzaturiero
Tempo Indeterminato · VIGONZA
LA RINASCENTE SPA
CRM Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Qualitative & Quantitative Research Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Export Sales Manager - Jewellery
Tempo Indeterminato · MILANO
ANONIMA
Commerciale
Tempo Indeterminato · MILANO
RETAIL SEARCH SRL
Head of Supply Chain - Demand Planning Emea
Tempo Indeterminato · FIRENZE
JIMMY CHOO
Stock Controller Incluse Categorie Protette l. 68/99
Tempo Indeterminato · SERRAVALLE SCRIVIA
LUCA FALONI SRL
Full Time - Responsabile Magazzino e Coordinatore Ordini Online
Tempo Indeterminato · BERGAMO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Marketing And Communication Manager - English And French
Tempo Indeterminato ·
Pubblicità
Versione italiana di
Laura Galbiati
Pubblicato il
3 nov 2020
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Primark quantifica in 375 milioni di sterline il costo dei lockdown europei

Versione italiana di
Laura Galbiati
Pubblicato il
3 nov 2020

Il gruppo proprietario di Primark, Associated British Foods, ha sorpreso il mercato pubblicando il 2 novembre un comunicato speciale, in cui la società analizza la prospettiva di nuove chiusure dei negozi nei principali mercati in cui opera.

Photo, Sandra Halliday


Dal 2 novembre, infatti, tutti gli store Primark in Irlanda, Francia, Belgio, Galles, Catalogna e Slovenia, ossia il 19% della superficie di vendita totale dell’insegna, sono temporaneamente chiusi.
 
E non è tutto: il governo britannico ha annunciato che tutti i negozi considerati non essenziali in Inghilterra dovranno chiudere per quattro settimane a partire da giovedì. In altri termini, il 57% degli spazi di vendita totali di Primark saranno chiusi dal 5 novembre.

La società ha dichiarato che la perdita in termini di vendite causata dai negozi chiusi, o in procinto di chiudere, sarà pari a circa 375 milioni di sterline (416 milioni di euro) per la durata del lockdown. In altri mercati, inoltre, gli orari di apertura sono limitati, il che aggrava ulteriormente i problemi.
 
Si tratta di un altro duro colpo per Primark, che aveva già perso più di 600 milioni di sterline al mese durante il primo lockdown. Ricordiamo che l’insegna non dispone di un circuito di distribuzione online, che potrebbe compensare la chiusura dei negozi fisici.
 
Tuttavia, Primark sembra registrare una crescita incoraggiante dopo la riapertura dei negozi e si dichiara abbastanza ottimista per la stagione delle feste. Attualmente, la società deve far fronte anche a un’enorme eccedenza di magazzino. Primark “implementerà piani operativi per gestire la conseguenza di queste chiusure: saranno adottate le misure più adeguate per ridurre i costi operativi”. L’insegna assicura inoltre che “tutti gli ordini fatti ai nostri fornitori saranno onorati”.
 
Durante il primo lockdown, la scorsa primavera, alcune aziende hanno annullato gli ordini che non erano ancora stati consegnati, mettendo in difficoltà le imprese a monte della supply chain. In Bangladesh, in particolare, le cancellazioni di ordini hanno colpito pesantemente l'economia del Paese, in gran parte basata sul settore tessile.

Copyright © 2021 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.