×
1 690
Fashion Jobs
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Website Analytics Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
247 SHOWROOM
Supply Chian & Logistic Operator
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Brand Manager Sneakers
Tempo Indeterminato · COLDRERIO
CI MODA SRL/COMPAGNIA ITALIANA
Resp. Amministrativo
Tempo Indeterminato · GUIDONIA MONTECELIO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
Area Manager - Sicilia
Tempo Indeterminato · PALERMO
SKECHERS
Supervisor
Tempo Indeterminato · MILAN
TALLY WEIJL
Merchandise Planner
Tempo Indeterminato · MILANO
ALANUI
Product Back-Office Assistant
Tempo Indeterminato · MILANO
NEW GUARDS GROUP HOLDING SPA
Design Consultant, Slgs
Tempo Indeterminato · MILANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Sportswear Merchandising Coordinator
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Technical Textile Production Manager – 271.Adv.21
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
HUGO BOSS
Sales Area Manager - Wholesale
Tempo Indeterminato · MILANO
ASCOLI HFD SRL
Impiegato Ufficio Acquisti e Gestione Cliente
Tempo Indeterminato · MILANO
HUGO BOSS
Construction Junior Project Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
NEIL BARRETT
Menswear Product Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Omnichannel Technology Analyst
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Digital Project Manager
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
MOTIVI
Head of Merchandising
Tempo Indeterminato · ALBA
RUBENS LUCIANO S.P.A.
IT Manager
Tempo Indeterminato · STRA
BLUDUE
Responsabile Prodotto e Produzione
Tempo Indeterminato · NAPOLI
CHABERTON PROFESSIONALS
Global Retail Planner, Fashion Premium Luxury
Tempo Indeterminato · MILANO
P448
Area Manager Italia
Tempo Indeterminato · MILANO
Pubblicato il
21 gen 2022
Tempo di lettura
3 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Primark: la ripresa prosegue, ma non è ancora ai livelli pre-Covid

Pubblicato il
21 gen 2022

Associated British Foods, la società madre di Primark, ha pubblicato giovedì risultati economici che dimostrano come la catena di fast fashion stia lentamente iniziando a riprendersi dalla pandemia.


Photo, Sandra Halliday


Nel periodo di 16 settimane concluso l’8 gennaio, corrispondenti al 1° trimestre dell'anno fiscale 2022, i ricavi della divisione retail hanno raggiunto 2,672 milioni di sterline (3,22 milioni di euro), in aumento del 32% rispetto all'anno precedente e del 36% escludendo gli effetti valutari. Una crescita in cui si sperava, visto che nello stesso periodo dell'anno scorso buona parte dei negozi nel Regno Unito e in Europa erano chiusi.
 
Ma i numeri dell'era pre-Covid sono ancora lontani. Le vendite totali di Primark per il periodo sono infatti del 5% inferiori a quelle del 2019 e le vendite comparabili sono diminuite del -11%. Nonostante ciò, l’insegna sembra aver preso una direzione incoraggiante e i suoi negozi sono apprezzati dai clienti fisici come prima della pandemia.

Per il momento, la grande sfida di Primark resta quella di attirare traffico nei suoi grandi flagship in centro città. Nel primo trimestre, infatti, i risultati sono ancora molto migliori nei centri commerciali e nelle piccole città rispetto alle grandi: nei centri commerciali le vendite comparabili sono già superiori ai livelli del 2019.
 
Le vendite nel Regno Unito sono ampiamente superiori rispetto a quelle dell'anno scorso. E anche se le vendite comparabili rimangono inferiori del -10% rispetto a due anni fa, stanno iniziando a migliorare nel quarto trimestre dell'anno fiscale 2021. L'attività ha sofferto "di un calo del traffico nei negozi a causa del massiccio aumento della contaminazione da Omicron, anche se nelle ultime settimane si è fatto sentire un miglioramento".
 
Anche in Europa continentale le vendite sono significativamente superiori rispetto allo scorso anno, anche se quelle comparabili sono diminuite del -14% rispetto al 2020, sempre a causa di Omicron. Il fatturato totale, però, è solo del 2% inferiore a quello di due anni fa grazie a un aumento del 12% dello spazio di vendita al dettaglio. Il deficit è stimato in circa 30 milioni di sterline (36,1 milioni di euro), a causa della chiusura dei negozi in Austria e nei Paesi Bassi durante questo periodo.
 
Negli Stati Uniti, un mercato che i più scettici credevano che Primark avrebbe faticato a conquistare, la performance è stata "notevole", con una crescita delle vendite comparabili del 4% rispetto allo stesso periodo prima della pandemia. Le vendite totali sono superiori del 37% rispetto a due anni fa.
 
Una migliore redditività
 
Quali sono state le conseguenze sui profitti? Il margine operativo del periodo ha superato le previsioni del marchio e dovrebbe raggiungere oltre il 10% nel primo semestre, riflettendo "una ripresa della densità di vendita".
 
Altra buona notizia: la pressione inflazionistica sulle materie prime e sulla catena di approvvigionamento nel primo trimestre è stata "in larga misura compensata dal cambio favorevole del dollaro rispetto allo scorso anno e dalla riduzione dei costi di esercizio dei negozi e delle spese generali".
 
Ma non è tutto: le difficoltà di approvvigionamento rilevate in autunno “sembrano allentarsi”, anche se permangono ritardi nella presa in carico dei porti di partenza. I tempi di spedizione dovrebbero continuare a essere superiori al normale per qualche tempo.
 
La catena prevede inoltre di "semplificare la [sua] struttura di gestione delle boutique nel Regno Unito come parte del [suo] programma in corso per migliorare l'efficienza delle [sue] attività in boutique".
 
Allo stesso scopo, l'implementazione della soluzione di gestione degli stock di Oracle in tutti i negozi "sta procedendo bene e ci auguriamo che tutti gli store siano dotati di terminali di vendita all'avanguardia entro la fine del 2022".
 
In programma anche il lancio del "nuovo e migliorato sito web, ​​entro la fine di marzo nel Regno Unito ed entro questo autunno in tutti i mercati". Il nuovo sito proporrà molti più prodotti e farà sapere ai clienti quando gli articoli saranno disponibili in negozio, ma non consentirà ancora lo shopping online e l’insegna resterà una delle poche a limitarsi al commercio fisico.
 
I negozi fisici restano quindi ovviamente un elemento chiave dell'attività del brand. Dall'inizio della pandemia, Primark ne ha inaugurati 25, aumentando del 7% i suoi spazi di vendita. La società prevede di aggiungere altri 50.000 metri quadrati di superficie commerciale nell’esercizio fiscale in corso e "continua a inaugurare nuovi negozi, soprattutto nei [suoi] mercati principali: Stati Uniti, Francia, Italia e Penisola Iberica".
 
Dall'inizio dell'anno fiscale, il brand ha già firmato diversi nuovi contratti, tra cui uno per un nuovo store nel centro di Bucarest, il primo in Romania. Con l'inaugurazione del suo primo spazio in Slovacchia, Primark sarà presto disponibile in 16 mercati.

Copyright © 2022 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.