Primark continua il suo buon momento, nonostante il rallentamento dell’estate

Associated British Foods, il proprietario di uno dei dettaglianti britannici osservati con più attenzione nell’ambiente (Primark), ha reso noti martedì i risultati annui di quest’ultimo. Apparentemente, l'esercizio che si è concluso il 15 settembre scorso è stato piuttosto buono per la catena di moda.

Primark

Ma non si tratta di un successo assoluto. Il fatturato di Primark ha sì raggiunto i 7,477 miliardi di sterline (8,5 miliardi di euro), vale a dire il 6% in più dell'anno scorso a tassi di cambio reali, e il 5,2% in più a cambi costanti, ma questa progressione, stimolata dall’aumento delle superfici di vendita, è stata compensata da un calo delle vendite su base comparabile del 2,1%. Tuttavia, il suo margine operativo è passato dal 10,4% all’11,3%, e l’utile operativo adjusted è progredito del 13% a cambi costanti, per raggiungere i 543 milioni di sterline (622 milioni di euro).
 
La performance di Primark è stata particolarmente buona nel Regno Unito, con vendite salite del 5,3%, e dell’1,2% a dati comparabili; per quanto riguarda la sua quota sul mercato totale dell'abbigliamento, essa è “fortemente progredita”, in un mercato in declino nel corso dell’esercizio.
 
Ma Primark ha anche subito l’impatto del rallentamento generalizzato di questa estate. La crescita a dati comparabili è stata “forte nel primo semestre e in leggera contrazione nel secondo semestre, in un mercato molto più debole”. Tuttavia, il marchio irlandese ha dichiarato che la sua collezione per l’estate si è comportata bene, con ottime vendite: i ribassi sono stati inferiori alle attese e l'inizio della commercializzazione della sua collezione autunno-inverno “è stato incoraggiante”.
 
Nello stesso tempo, le vendite della zona euro sono aumentate del 4,7% rispetto allo scorso anno a cambi costanti, con una crescita delle vendite in Spagna, Portogallo e Germania, e performance notevoli in Francia, Belgio e Italia. Dopo l’aggiustamento per gli effetti di cannibalizzazione relativi all'apertura di nuovi negozi, Primark stima che le proprie vendite in comparabile siano calate del 3,6%. Questa situazione si spiega con le condizioni meteorologiche inusuali registrate nel corso di tre periodi distinti quest'anno, in particolare nel Nord Europa, e con la debolezza degli scambi commerciali sul mercato tedesco.
 
Ma l’azienda si è dichiarata “molto soddisfatta” della sua performance negli USA nel secondo semestre di quest’anno. Il suo nono negozio negli States, che ha aperto i battenti a Brooklyn in luglio, “ha registrato un’attività molto corposa” e i suoi negozi esistenti hanno ottenuto una crescita su base comparabile nel secondo semestre, compresi gli store con aree di vendita ridotte, a Freehold e Danbury, con la riduzione degli spazi che ha contribuito alla redditività dei punti vendita.

Primark

Ampliamento della superficie di vendita
 
Primark ha siglato accordi per aprire altri due negozi. American Dream, in New Jersey, dovrebbe essere inaugurato nel 2019 e Sawgrass Mills, in Florida, nel 2020. E il marchio irlandese ha in progetto di aggiungere altri negozi a medio termine nella zona est degli Stati Uniti.
 
Nel corso del prossimo esercizio finanziario, Primark prevede di ampliare la propria superficie di vendita di quasi 100.000 metri quadrati, in particolare in Germania, in Francia, in Spagna e nel Regno Unito; 15 nuovi punti vendita saranno aperti in tutto il globo. Il primo negozio sloveno della catena aprirà i battenti nel 2019 a Lubiana. Primark ha anche in previsione di entrare in altri mercati dell’Europa centrale e orientale negli anni a venire - il contratto di locazione per il suo primo negozio a Varsavia è già stato firmato.
 
Per quanto riguarda l’anno prossimo, i contratti di cambio a termine sono stati garantiti contro tutte le merci nel primo semestre e l'indebolimento del tasso di cambio del dollaro USA per questi contratti si tradurrà in un margine più elevato nel primo semestre da un anno all’altro. Ma supponendo che gli acquisti per la collezione primavera-estate siano garantiti ai tassi di cambio correnti, Primark si aspetta un margine inferiore nel secondo semestre.

Versione italiana di Gianluca Bolelli

Copyright © 2018 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.

Moda - Prêt à porter Moda - AltroBusiness
ISCRIZIONE ALLA NEWSLETTER