×
1 386
Fashion Jobs
keyboard_arrow_left
keyboard_arrow_right

Prada, tonfo in Borsa a Hong Kong

Di
Ansa
Pubblicato il
today 18 mar 2019
Tempo di lettura
access_time 2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Tonfo in Borsa ad Hong Kong per Prada. I conti del 2018 comunicati a mercato chiuso hanno deluso e il titolo della maison del lusso ha perso il 10,6% bruciando 761 milioni di euro di capitalizzazione.

@prada


Un'azione vale 22,35 dollari di Hong Kong. Un valore così basso non si vedeva dal 2016. Ben lontano dagli 82,3 dollari toccati nel marzo del 2013.

Sono stati i risultati in frenata del secondo semestre 2018 e le prospettive più deboli per l'anno in corso a portare diversi analisti a rivedere al ribasso i loro giudizi sulla società, da Kepler Cheuvreux a Sociète Generale.

Mediobanca, che ha mantenuto un giudizio di “underperform” ma tagliando il target price da 25 a 22,8 dollari, in un report parla di "risultati non entusiasmanti" coi "frutti di un'inversione di tendenza non ancora visibili".

Equita fa notare che l'eliminazione dei saldi continuerà nel 2019 "con ulteriore impatto sui volumi", concludendo che la società resta "in fase di transizione e la potenziale accelerazione degli utili ha ancora bassa visibilità".

I conti 2018 hanno infatti visto i ricavi 2018 il leggera crescita (+3% a 3,14 miliardi di euro) ma la redditività è ancora in sofferenza: l'EBITDA è sceso del 6,3% a 551 milioni, l'utile netto del 17,67% a 205 milioni. Di conseguenza anche il dividendo è stato tagliato a 6 centesimi per azione (da 7,5).

Le ragioni della performance deludente sono diverse. Hanno infatti inciso i disordini in Francia legati ai gilet gialli, che però non hanno avuto effetti simili sui conti delle francesi Kering e LVMH. Le valute hanno fatto la loro parte, col Nord America che ha sofferto per flussi turistici più deboli per un dollaro più forte. Ma soprattutto i turisti cinesi hanno speso meno ad Hong Kong e Macao per la debolezza dello yuan. Una tendenza che però concorrenti come Gucci sono riusciti in parte a controbilanciare grazie ad aumento dei ricavi nella Cina continentale.

Copyright © 2019 ANSA. All rights reserved.