Prada prosegue la sua incursione nel design e nell’arte

Nei giorni della Settimana del Design di Milano, Prada ha lanciato la seconda edizione del progetto “Prada Invites”, iniziato nel gennaio del 2018 con i designer e architetti Ronan & Erwan Bouroullec, Konstantin Grcic, Herzog & de Meuron e Rem Koolhaas. Stavolta il marchio italiano ha coinvolto tre donne architetto: Cini Boeri, Elizabeth Diller e Kazuyo Sejima, invitandole a reinventare degli accessori attorno al suo tessuto emblematico, il nylon nero.

La borsa firmata da Cini Boeri per il marchio con sede a Milano - Prada

Le tre donne hanno lavorato a dei progetti modulabili e personalizzabili. L’italiana Cini Boeri, che ha debuttato con Gio’ Ponti e collaborato con Marco Zanuso prima di aprire il proprio studio, ha sviluppato una borsa “versatile”, che può essere ingrandita o ridotta a seconda delle necessità.
 
La giapponese Kazuyo Sejima, dello studio di architettura Sanaa, ha immaginato una borsa che prende la forma di una specie di cuscino, composta da diverse tasche zippate tra loro e completata da vari accessori colorati che si trasformano in manici. Una creazione originale, che può essere indossata come uno scialle o come un boa attorno al collo.
 
Infine, la statunitense di origine polacca Elizabeth Diller, dello studio Diller Scofidio + Renfro, quello che ha realizzato in particolare la High Line di New York, ha concepito due oggetti ibridi. “The Yoke”, sorta di coprispalle stile giubbotto di salvataggio pieno di tasche, e “The Envelope”, una grande borsa da indossare come una mantella o un abito-gilet.
 
Questi pezzi unici sono stati svelati in settembre nel corso della sfilata Prada Primavera-Estate 2019 e sono stati presentati a Milano in occasione del Salone del Mobile. Adesso vengono commercializzati in alcuni negozi della casa di moda milanese in quantità limitate.

La borsa ibrida immaginata da Elizabeth Diller per la griffe quotata alla Borsa di Hong Kong - Prada

L’iniziativa “Prada Invites” è stata presentata anche a Hong Kong all’interno del club Prada Mode. Si tratta di uno spazio temporaneo incentrato sulla cultura contemporanea, ma anche di una sorta di salotto privato con un programma di eventi speciali organizzati dall’azienda. Prada Mode si è stabilito a fine marzo, in occasione di Art Basel Hong Kong, nello storico edificio Barrack Block del quartiere Tai Kwun. Questo club itinerante si era insediato per la prima volta a Miami, nel dicembre 2018, durante Art Basel Miami.
 
Altro importante appuntamento è la mostra, curata da Germano Celant, che la Fondazione Prada organizzerà nella sua sede di Venezia, a Ca’ Corner della Regina, dal 15 maggio al 24 novembre 2019, su Jannis Kounellis. Si tratta della più grande retrospettiva dedicata all'artista dalla sua morte, avvenuta nel 2017.

Versione italiana di Gianluca Bolelli

Copyright © 2019 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.

Lusso - AltroCreazioneEventi
ISCRIZIONE ALLA NEWSLETTER